Lampadine a led come sceglierle? Tutte le info

Lampadine a led come sceglierle? Tutte le info

In molti, ormai da molti anni, hanno deciso di dire definitivamente addio alle tradizionali lampadine per l’illuminazione della propria casa, a favore delle più moderne lampadine a Led, delle sorgenti luminosi e che differiscono dalle altre tipologie di illuminazione e che presentano interessanti vantaggi, in primis legati al consumo. Capire come scegliere le lampadine a led è importante perché sostituire le lampadine vecchia generazione rappresenta una scelta intelligente sotto tutti i punti di vista, compreso quello del risparmio.

Perché scegliere le lampadine a led

Sicuramente avrete degli amici o dei parenti che le utilizzano già da molti anni, e che non mancano, ogni volta che andate a trovarli a casa loro, di vantarsi sia relativamente all’illuminazione sia per quanto riguarda il risparmio che trovano sulla bolletta, rispetto a quando utilizzavano le antiche e tradizionali lampadine. Nonostante i loro commenti possano apparire noiosi o ridondanti, c’è da ammettere il fatto che hanno ragione: i Led hanno rappresentato sicuramente una svolta, sia dal punto di vista elettrico sia per quanto concerne il notevole risparmio in materia di consumi e, di conseguenza, quello che si ritrova sulla bolletta che ogni due mesi vi spetta pagare per l’elettricità consumata. Azioni come scegliere le lampadine a led al posto di quelle a vecchia generazione possono aiutare anche ad abbattere i costi in bolletta.

Certo, direte voi, ma io utilizzo già le lampadine a basso consumo, quindi risparmio già, cosa mi servono i led? Le migliori lampadine led sono un toccasana per il vostro bilancio e vi permetteranno di risparmiare moltissimo sulla vostra bolletta. Facciamo un velocissimo ripasso per quanto riguarda le lampadine, in modo da fare chiarezza sulle varie tipologie esistenti e di cui, sicuramente, anche voi ne avrete almeno un tipo a casa: esistono le lampade a incandescenza, alogene, a risparmio energetico e a led. Le prime sono le classiche lampadine con il filo, quelle tradizionali che abbiamo tutti avuto fin da piccoli in casa, che producono buona luce ma presentano anche di consumi molto elevati, mentre le lampade alogene producono una luce più potente rispetto alle lampadine a incandescenza ma che presentano anche elevato consumi, tanto che in Europa se ne è decisa la eliminazione da settembre 2018.

Le lampade a risparmio energetico presentano interessanti vantaggi in termini di consumo (circa ¼ rispetto alle tradizionali lampadine) ma hanno sostanzialmente due problemi: il primo è relativo alla presenza di mercurio al loro interno che ne rende difficile lo smaltimento, il secondo invece riguarda la modalità di accensione non istantanea, in quanto ci mette un po’ prima di produrre la quantità di luce desiderata per l’illuminazione dell’ambiente. Arriviamo infine ai led: le lampade a led costano sì un po’ di più alle tradizionali lampadine ma presentano anche dei consumi notevolmente ridotti (si potrà consumare sino all’85% in meno di elettricità, rispetto alle tradizionali lampadine) e durano anche di più, quindi la spesa che si sosterrà per il loro acquisto sarà ripagata sia in termini di risparmio sui consumi sia per quanto riguarda il fatto di doverle sostituire molto meno rispetto alle altre tre tipologie di lampadine sopradescritte.  

Come scegliere le lampadine a led

È fondamentale per la scelta delle migliori lampadine led riuscire a leggere le indicazioni riportate sulla confezione. Per imparare come scegliere le lampadine a led la prima valutazione da compiere riguarda i lumen e la potenza della luce: che rappresentano rispettivamente l’intensità del fascio luminoso e i watt. Sono illustrate, in seguito, il cablaggio della luce, il ciclo di accensione e la vita stimata, per finire la temperatura del colore e l’indice di resa cromatica. Come avrete capito, occorre cambiare il modo di pensare riguardo le lampadine led, infatti bisogna scegliere non più in base ai watt ma in base ai lumen: ovvero la potenza della luce. Per le postazioni principali, ad esempio per la cucina o qualora si avesse uno studio e si rendesse necessario avere una ottima illuminazione, il consiglio è quello di scegliere una lampadina intorno a 2000 lumen, mentre qualora per l’illuminazione di ambienti dove non si rende necessaria una illuminazione di elevata portata (come ad esempio la camera da letto), si potrà optare per una lampadina la Led da 500 lumen.

La temperatura della luce è un altro fattore decisionale se si vuole sapere come scegliere le lampadine a led. Questo poiché scegliere una luce fredda o calda può cambiare notevolmente l’atmosfera dell’ambiente. Tra i 2000 e i 3000K (la temperatura per quanto riguarda il colore è espressa in Kelvin, abbreviato in K, e indica il colore della luce) ci sarà una luce calda, mentre sopra i 3000K la luce sarà fredda. Non lasciatevi ingannare però dalla dicitura: quando si parla di luce calda si fa riferimento alle temperature di colore più basse, mentre quando si parla di luce fredda ci si riferisce alle temperature più alte, al contrario di quello che si potrebbe comunemente pensare. Questo potrebbe generare un po' di confusione ma, anche se ciò accadesse, non preoccupatevi: in caso di dubbi, domande o perplessità, sia relativamente al colore sia per quanto riguarda la tipologia di led da acquistare, il prezzo o altro ancora, potete chiedere direttamente consiglio ai commessi presenti nei reparti di elettricità dei grandi centri commerciali o nei negozi dedicati, i quali saranno a vostra disposizione per fornirvi tutte le informazioni che desiderate su come scegliere le lampadine a led migliori per le vostre specifiche esigenze.

Ovviamente sapere come scegliere una lampadina a led da utilizzare all’interno della propria abitazione, nei singoli ambienti, è assolutamente una scelta personale. Il consiglio che danno gli esperti è di optare per una luce più tendente al bianco ad esempio nel bagno e in cucina, mentre prediligere toni più caldi e che emanano calore in aree ove si rende necessario più relax mentale e senso di “confort” come il salotto o la macera da letto. Ovviamente questi sono alcuni semplici suggerimenti, ed è tutto lasciato al gusto e alle preferenze degli inquilini della casa: al di là del mero fattore estetico per quanto concerne la temperatura del colore nei singoli ambienti, il consumo sulla bolletta dell’elettricità sarà il medesimo, quindi non c’è di che preoccuparsi.

Se non avete ancora pensato alla sostituzione delle vostre vecchie lampadine, siano a incandescenza o a risparmio energetico, con le moderne e funzionali lampadine a led, vi consigliamo di informarvi e di valutare seriamente di effettuare il cambio: pagando un po’ di più per quanto riguarda il prezzo d’acquisto, avrete un’ottima illuminazione nella vostra casa, consumi notevolmente ridotti sulla bolletta dell’elettricità e delle lampadine molto più durevoli e resistenti nel tempo, rispetto a quelle utilizzate finora!

Chiaramente per massimizzare il risparmio oltre alla sostituzione delle vecchie lampade con le migliori lampadine led sarebbe opportuno anche scegliere le migliori offerte luce tramite il comparatore gratuito di Chetariffa.it.

Arianna Bessone

Arianna Bessone