Arera conciliazione: come funziona il servizio e il risarcimento dei danni

Arera conciliazione: come funziona il servizio e il risarcimento dei danni

Il servizio Arera conciliazione consente di dirimere controverse tra consumatori e gestori di luce, gas e acqua. Stiamo parlando in sostanza di un servizio a disposizione degli utenti che è stato promosso da ARERA, ovvero l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Sarà possibile utilizzare il servizio conciliazione ARERA in caso di fatturazione errata, solo per fare un esempio concreto, oppure in caso di conguagli on dovuti. Ogni operatore, a eccezione del Fornitore di Ultima Istanza Gas, sarà tenuto a preder parte al servizio. Una volta giunti alla fine del procedimento tramite Arera conciliazione si potrà giungere a un’intesa che ha titolo esecutivo. Questo significa che l’intesa raggiunta potrà essere fatta valere dalle parti davanti al giudice competente qualora l’accordo non dovesse essere rispettato. Lo sportello Arera conciliazione sarà comunque sempre a disposizione per fornire informazioni e supporto.

Servizio conciliazione Arera: in cosa consiste

Il Servizio conciliazione Arera è completamente gratuito in tutte le sue fasi, e questo è molto importante se si vuole capire come funziona e quali sono le caratteristiche di questo servizio. A sancire la gratuità di Arera conciliazione ci pensa il Codice del consumo e della delibera 209/2016/R/com. La procedura di conciliazione Arera rappresenta per certi versi un vero e proprio passaggio obbligatorio per le controversie tra consumatore e gestore in caso di forniture luce e gas. Area conciliazione è invece facoltativa per quanto riguarda le forniture del settore idrico. Ma in che modo è possibile avanzare la domanda di servizio conciliazione Arera? Cercheremo ora di spiegarlo in modo rapido e piuttosto chiaro.

Arera conciliazione: come avanzare la domanda di conciliazione

Se si vuole fare un tentativo di Arera conciliazione allora si avranno a disposizione diverse modalità. Ci si potrà, ad esempio, rivolgere allo sportello Arera conciliazione per il consumatore oppure scaricando il software per smartphone My App. Si potrà anche valutare l’invio del modulo di domanda Arera conciliazione all’indirizzo: Acquirente Unico S.p.A., Via Guidubaldo del Monte 45 – Roma (clienti domestici). Basterà scaricare il pdf del modulo in qualsiasi momento per poi inviarlo per posta oppure anche via fax al numero 06 80112087. A questa domanda sarà essenziale allegare una serie di documenti come carta d’identità, copia del reclamo ed eventuali risposte ottenute dal fornitore. La procedura Arera conciliazione vera e propria potrà iniziare quando l’utente ha inviato un reclamo senza ricevere risposta soddisfacente, oppure quando il reclamo non è stato accolto entro 40 giorni o se la conciliazione viene disposta dal giudice.

Arera conciliazione: chi la può fare

Ma quali sono gli utenti che possono avviare il processo Arera conciliazione? Cominciamo con il dire che la possibilità di utilizzare la conciliazione Arera risarcimento danni si rivolge a differenti tipologie di clienti. Per quanto riguarda luce e gas potranno usufruirne tutti i clienti domestici e non in bassa o media tensione e, per quanto riguarda solo le utenze gas, i clienti domestici e non connessi in bassa pressione o con forniture di gas distribuito via reti urbane. Il servizio Arera conciliazione è quindi a disposizione degli utenti finali e dei gestori al fine di dirimere in modo rapido ed efficace qualsiasi tipo di problema e controversia. Il servizio Arera conciliazione non potrà essere utilizzato in caso di impedimento dato da provvedimento di prescrizione del consumatore o in caso di controversie che sono nate a causa di recupero crediti. Infine non si potrà accedere al servizio Arera conciliazione anche in caso di azioni inibitorie promosse da associazioni di consumatori.

Servizio conciliazione Arera: come accedere allo sportello virtuale

In primis bisognerà accedere al portale dello sportello per il consumatore energia e ambiente. A questo punto l’utente dovrà accedere al suo profilo o registrarsi inserendo i dati richiesti. Ricordiamo che la conciliazione delle controversie consumatore/gestore avviene quasi sempre online. Esiste poi una cosiddetta stanza virtuale che rappresenta il luogo dove le parti interessate si incontrano per provare a raggiungere una conciliazione tra le parti. Possiamo quindi definirla un po' come una stanza chat dove le parti potranno accordarsi in modo trasparente. Ricordiamo anche che la conciliazione vale anche per le forniture idriche ma ha un carattere differente rispetto a luce e gas. Si tratta di un procedimento volontario e non di un passaggio obbligato prima dell’azione in giudizio, cosa che avviene con altri tipi di forniture.

Arera conciliazione: quali i passaggi

Ma quali sono esattamente i passaggi per fruire del servizio Arera conciliazione? Il primo step prevede la presentazione della domanda. A questo punto il servizio di conciliazione Arera dovrà verificare la validità della richiesta effettuata. Arera verificherà i documenti presentati e poi convocherà le parti per un incontro entro 30 giorni dalla presentazione della domanda. Verrà quindi individuato un conciliatore e le parti si riuniranno nella stanza virtuale dove potranno, finalmente, raggiungere un accordo. Insomma, il servizio Arera conciliazione è una opportunità a disposizione degli utenti che potranno così vedere tutelati i propri diritti.

Igor Callieri

Igor Callieri