Come funziona l'assicurazione kasko

In assicurazioni

L’assicurazione Kasko è una tipologia di assicurazione che merita attenzione. Si tratta di una copertura facoltativa che potremo aggiungere al momento della sottoscrizione dell’RC Auto. Con l’assicurazione Kasko sarà possibile ottenere un risarcimento per danni propri, ovvero dei danni che il nostro veicolo ha subito durante la circolazione su strada. Attenzione però in quanto la polizza dell’assicurazione kasko auto non indennizza i danni causati dal guidatore intenzionalmente.

L’assicurazione Kasko è una garanzia accessoria che deve essere abbinata facoltativamente alla responsabilità civile di base che risarcisce i danni subiti dal veicolo nella circolazione su strada. Nei prossimi paragrafi cercheremo di spiegare l’assicurazione Kasko come funziona e anche le differenze con altre tipologie di assicurazione come la miniKasko.

Assicurazione Kasko come funziona

L’assicurazione kasko ha una copertura che garantisce l’indennizzo quando l’incidente viene provocato dal proprietario assicurato. Possiamo quindi dire che l’assicurazione kasko auto copra tutti i danni per cui non si può chiamare in causa la polizza di responsabilità civile di alcuno. Stiamo parlando ad esempio dei danni come quelli causati dal ribaltamento di un veicolo oppure da un urto accidentale.

Ne consegue che l’assicurazione kasko non vada bene per tutte le tasche e quindi dovrebbero pensare di stipularla solamente determinate tipologie di persone assicurate come i possessori di un mezzo con elevato valore commerciale oppure coloro che viaggiano spesso con il proprio veicolo per svago o per lavoro. L’assicurazione kasko in alcuni casi prevede anche una franchigia, ovvero un importo minimo del danno che l’assicurato sarà comunque chiamato a sostenere.

Di solito comunque questa cifra non sarà mai inferiore ai 500 euro. L’assicurazione kasko prevede anche diversi livelli di copertura che il cliente potrà scegliere proprio quando sottoscrive la garanzia. Chi volesse potrà stipulare l’assicurazione kasko a valore interno o a primo rischio relativo, ovvero con il tetto massimo indennizzabile calcolato sulla base del valore del mezzo. Abbiamo poi anche l’assicurazione kasko a primo rischio assoluto che prevede un massimale per il risarcimento danni fisso che è assolutamente indipendente dal valore del veicolo assicurato.

Assicurazione Kasko: come si calcola

Ma come possiamo calcolare esattamente l’assicurazione Kasko? Partiamo dal presupposto che viene sottoscritta dal contraente a fronte del pagamento di un premio aggiuntivo che andrà sommato alla tariffa versata per l’RC auto. Per quanto riguarda l’assicurazione Kasko l’importo che dovremo aggiungere varia in base a diversi fattori come il tipo di veicolo, il massimale scelto per la copertura e la storia assicurativa dell’assicurato.

Questo significa che chi avesse causato un sinistro negli ultimi cinque anni avrà un massimale molto più alto. Altro fattore che dovremo considerare è quello geografico. La città dell’assicurato infatti incide sul premio della polizza che sarà maggiore in quelle città dove si verificano più sinistri. Ricordiamo anche che la polizza non interverrà qualora il danno fosse provocato dall’assicurato intenzionalmente. Non solo, l’indennizzo non sarà erogato se il conducente non dovesse risultare in possesso di una patente in corso di validità o fosse sotto effetto di alcol e droghe.

Assicurazione Kasko: varianti e altre info

Esistono anche delle varianti all’assicurazione Kasko come ad esempio la minikasko. In questo caso parliamo di una polizza che garantisce una minor copertura rispetto all’assicurazione Kasko normale anche se avrà un costo sicuramente inferiore. Anche la minikasko è definita polizza collisione e ha la caratteristica di coprire i danni subiti dalla vettura in caso di incidente con colpa. Non solo, la minikasko risarcisce solamente se l’urto è avvenuto contro un altro veicolo del quale dovremo fornire alla compagnia assicurativa targa ed estremi del conducente. Si tratta di una tipologia di polizza che, per caratteristiche, viene scelta prevalentemente da neopatentati o da guidatori di scarsa esperienza.

Chi volesse estendere la propria assicurazione Rc auto ma non volesse sostenere i costi dell’assicurazione Kasko completa potrà sottoscrivere, come già accennato, proprio la minikasko. Questa assicurerà il mezzo in caso di incidente con colpa ma è anche conosciuta come polizza collisione in quanto sarà valida solamente nei casi di scontri con altri veicoli in movimento e non con danni contro ostacoli fissi.

Scegliendo una polizza Kasko a valore intero per ogni evento connesso alla circolazione del proprio veicolo otterremo un rimborso pieno senza alcun massimale. Chi invece preferisse la polizza minikasko avrà un massimale che non supera mai il valore commerciale dell’auto al momento dell’incidente.

Assicurazione Kasko completa: che cosa copre

L’assicurazione Kasko completa copre tutti quei danni da circolazione che vengono subiti dal veicolo che si vuole assicurare, anche quelli che non coinvolgono collisioni con altri veicoli o terzi. Di conseguenza una assicurazione Kasko completa ci coprirà anche in caso di danni al veicolo che sono conseguenza di uscite di strada, collisioni contro muri o altri ostacoli. Nello specifico la protezione della garanzia Kasko coprirà anche casi di fuoriuscita di strada o di caduta di oggetti e materiali. Chi volesse potrà anche estendere la copertura anche ad atti vandalici, incendio, fenomeni atmosferici e così via.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag