Bolletta del gas troppo alta: cosa posso fare?

Bolletta del gas troppo alta: cosa posso fare?

Può capitare che, aprendo la bolletta del gas, si rimanga sbigottiti osservando la cifra del totale finale che bisogna pagare. Si può iniziare a pensare: “Come può essere successo? Io non ho consumato così tanto!”, o ancora “Si saranno magari sbagliati dalla società erogatrice di gas nel calcolare i miei consumi, scambiandomi per qualcun altro?”

Sono le stesse domande che molti di noi si fanno, talvolta, uscendo dal supermercato, quando si hanno in mano poche buste, ma lo scontrino segna una spesa monetaria molto alta, e non si capisce come possa essere successo.

Spesso, al supermercato, si viene presi dalla frenesia dell’acquisto e si compra più di quanto si vuole/deve, con una conseguenza non positiva sul portafoglio. Allo stesso modo, quando si usano spesso il forno e i fornelli anche per motivi futili o, ad esempio, si usa sempre l’acqua calda in casa anche quando non è necessario, il consumo di gas aumenta e, di conseguenza, il totale in bolletta.

Ci sono molti modi per risparmiare sul gas in modo attivo, per evitare di avere bollette del gas troppo alte! tra poco ne vedremo alcuni.

 

Evitare bollette del gas troppo alte: consigli per l’uso

Non ricevere più bollette del gas troppo alte è piuttosto facile, se si presta attenzione ai dettagli. Ecco alcuni consigli utili:

  • Prendete in considerazione la possibilità di installare una pompa di calore che permetta di utilizzare l’energia rinnovabile che viene dispersa nell’ambiente. Rispetto a una caldaia tradizionale questo dispositivo lavora in maniera più efficiente, raffreddando o riscaldando l’ambiente in base alle necessità. Le trazioni fiscali, oltre all’utilizzo di buone tariffe gas, aiutano ad ammortizzare l’investimento nel minor tempo possibile.
  • Un passo che probabilmente vi aspetterete di trovare in questo articolo, a giusta ragione, è quello del risparmio attraverso l’installazione di un impianto solare termico. Trattandosi di una soluzione molto gettonata, le offerte gas proposte dai vari gestori vi permetteranno di sottoscrivere un contratto economicamente favorevole. Abbinati ad una caldaia possono far calare l’importo delle bollette fino al 70%.
  • Nonostante non sia una soluzione che può venire da subito in mente, la sostituzione degli infissi è in grado di portare grandi risultati per quanto riguarda il mantenimento della temperatura interna dell’alloggio. Una casa con degli infissi vecchi o scadenti trattiene in modo pessimo il calore generato dai dispositivi di riscaldamento, richiedendo loro più energia di quella che sarebbe normalmente necessaria. Degli infissi moderni, al contrario, sono composti da PVC con doppi vetri: isolanti, vi faranno dimenticare in poco tempo le bollette del gas troppo alte a cui eravate abituati.
  • L’installazione di valvole termostatiche sui termosifoni è qualcosa che sicuramente avrete già considerato, e, se non l’avete già fatto, vi diciamo che fareste bene a riprenderla in considerazione. Regolando la quantità di acqua calda in circolazione nel calorifero, è possibile mantenere la temperatura ambientale costante, a tutto vantaggio del risparmio. Se ben utilizzata, questa soluzione permette di togliere dalla bolletta una considerevole fetta di spesa, a prescindere dalle tariffe gas che avete scelto.

Naturalmente si può prestare attenzione anche altri particolari:

  • I riduttori di flusso installabili nei rubinetti razionalizzano la quantità d’acqua usata, sia questa fredda o calda.
  • i fogli isolanti dietro i termosifoni permettono di ridurre la quantità di calore dispersa dai muri verso l’esterno;
  • mantenere in casa una temperatura costante permette di risparmiare sulla bolletta del gas, poiché l’energia utilizzata per mantenerla stabile è nettamente inferiore rispetto a quella potenzialmente usata per alzarla e abbassarla di continuo. Con un approccio del genere risparmierete ancora di più sulle tariffe del gas e non riceverete più bollette del gas troppo alte.
  • cambiare l’aria in casa è certamente una buona usanza, ma può essere comodo spalancare le finestre nei momenti in cui i termosifoni sono spenti, per evitare che il cambio d’aria disperda troppo calore immagazzinato nelle mura domestiche.
  • chiudere i termosifoni nelle stanze poco utilizzate non influirà particolarmente sul mantenimento della temperatura, ma vi permetterà di far circolare meno acqua calda per ottenere un effetto pratico molto simile.

Allo stesso modo, se dovete farvi la doccia in inverno, dovete sciacquare una teglia unta o far ammorbidire alcune crosticine rimaste sulle stoviglie, fate benissimo a utilizzare l’acqua calda, mentre se dovete riempire la bottiglia d’acqua per innaffiare le piante o avete solo bisogno di umidificare un panno, provate a utilizzare l’acqua fredda o, al massimo, a temperatura ambiente. Usando l’acqua fredda non si azionerà il boiler: non vi accorgerete della differenza, ma il vostro portafoglio sì e ne sarà ben contento!

Bollette del gas troppo alte? Meglio controllare le singole voci…

Un altro modo di contrastare una bolletta gas altissima può essere quello di consultare le singole voci presenti sul resoconto, in modo da vedere quali di queste siano decisamente sopra alla media. Sotto la sezione delle informazioni troviamo le seguenti informazioni:

  • Spesa per la materia energia o gas naturale: queste voci vengono definite dal fornitore. Avere una migliore tariffa gas comporta una cifra minore a questa voce, in quanto include i prezzi applicati ai consumi. È su questa voce che i distributori di gas concorrono in modo maggiore.
  • Spesa per il trasporto e la gestione del contatore: queste spese indicano l’importo necessario per il trasporto dell’energia dalle centrali alle case, oltre alla lettura e alla manutenzione dei contatori. Questi costi cono in comune a tutti, a prescindere dal fornitore, e variano in base ai consumi. Quindi se dovessero arrivarvi bollette del gas troppo alte controllate anche questa voce, perché potrebbe essere una delle motivazioni.
  • Iva e accise: queste imposte sono da considerare comuni a tutte offerte gas in circolazione, in quanto inserite come contributi da versare allo stato.
  • Abbonamento canone rai: questa sezione si spiega da sola, in quanto tiene conto del canone pagato per l’abbonamento alla televisione per uso privato. Nonostante sia inclusa nelle tariffe gas e luce, è pagata solamente da chi possiede un televisore.

Tutti questi accorgimenti possono aiutarvi a ridurre notevolmente (e una volta per tutte) bollette del gas troppo alte. Tuttavia il modo migliore per ottimizzare il risparmio è quello di cambiare gestore (https://chetariffa.it/energia/gas), consultando le numerose offerte gas: solo partendo dalle vostre reali esigenze potrete avere un confronto delle tariffe del gas come si deve.

Arianna Bessone

Arianna Bessone