Bonifico per risparmio energetico, un'agevolazione importante

Bonifico per risparmio energetico, un'agevolazione importante

Il risparmio energetico è diventato negli ultimi tempi un obiettivo da perseguire con serietà e dedizione un po' per tutti. Soprattutto i proprietari di immobili dovrebbero essere i più motivati a mantenere in buono stato la propria abitazione, ovvero a impedire che perda valore nel corso del tempo. In quest’ottica molti pensano a realizzare delle ristrutturazioni periodiche e dovresti quindi avere tutto l’interesse ad approfondire tutto quello che riguarda il bonifico per il risparmio energetico. Le ristrutturazioni infatti hanno dei costi che possono essere anche piuttosto elevati ma, mediante il bonifico per il risparmio energetico, potrai ottenere un rimborso almeno parziale della spesa sostenuta. Continua la lettura se ti interessa saperne di più su come fare il bonifico per risparmio energetico.

Come fare il bonifico per risparmio energetico

Se hai deciso finalmente, magari dopo lunghe e attente riflessioni, di realizzare una ristrutturazione della tua casa, è del tutto logico che tu sia potenzialmente interessato a consigli che ti permettano di risparmiare il più possibile. Se vuoi rientrare anche solo in parte dell’investimento sostenuto per la ristrutturazione allora sappi che, con il bonifico per il risparmio energetico, potrai ottenere un aiuto reale. Stiamo parlando di una soluzione che ti permetterà di rientrare in parte delle spese da te sostenute ma solo se si tratta di lavori finalizzati al miglioramento del livello di efficienza energetica di una casa già esistente. Una volta che avrai compreso come compilare bonifico per risparmio energetico potrai aver diritto a detrazioni Irpef o Ires ma dovrai per forza di cose rispettare alcune condizioni necessarie all’ottenimento di questa agevolazione così importante. Quali sono?

Cosa scrivere sul bonifico per risparmio energetico

Per richiedere il bonifico per risparmio energetico dovrai per forza di cose rispettare delle condizioni ben precise. Ad esempio l’importo dovrà essere stato speso solo ed esclusivamente per la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento o per il miglioramento sul pianto termico della struttura mediante l’introduzione di lavori di coibentazione o modifiche a pavimenti, finestre e infissi. Non solo, rientrano nella lista dei lavori anche la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. Dovrai però riuscire a dimostrare che la struttura è già esistente in quanto l’agevolazione di cui stiamo parlando non può applicarsi a realtà di nuova costruzione. Per fortuna comunque non ci sono delle limitazioni rilevanti relative alla categoria catastale di appartenenza. Ricorda anche che le agevolazioni fiscali coprono sia i costi relativi agli interventi di risparmio energetico, sia le voci relative alla spesa sostenuta per il pagamento di prestazioni professionali necessarie per la realizzazione dei lavori e per l’ottenimento della certificazione energetica.

Risparmio energetico: cosa puoi fare

Abbiamo visto come il bonifico per il risparmio energetico possa aiutarti a risparmiare se vuoi procedere determinati lavori finalizzati a risparmiare energia. Mediante alcune modifiche alla tua abitazione potrai infatti risparmiare cifre nel tempo anche abbastanza rilevanti. Ad esempio dovresti procedere ad eliminare per quanto possibile tutte le fonti di dispersione mediante la sostituzione di porte e infissi e utilizzando materiali isolanti. Se deciderai di procedere in questo senso non otterrai solo un vantaggio dal punto di vista del risparmio energetico ma anche dal punto di vista del valore generale dell’immobile. Altro lavoro consigliato per migliorare l’efficienza energetica della tua casa è il cosiddetto cappotto termico (tieni conto che se vivi in un condominio dovrai avere l’approvazione dell’assemblea per autorizzare i lavori). Potresti anche decidere di optare per un riscaldamento a pavimento così da ottenere un calore molto più uniforme rispetto a quei locali riscaldati con i termosifoni che tendono a concentrare il calore in punti ben distinti della casa. Potresti poi anche valutare l’installazione di pannelli solari termici così da produrre energia pulita senza emissione di C02 e con un risparmio energetico considerevole sin dalle prime bollette. Dovresti poi anche pensare seriamente all’utilizzo di termostati per regolare l’accensione del riscaldamento a tuo piacimento.

Come fare il bonifico per risparmio energetico: i passaggi

Ma cosa scrivere sul bonifico per risparmio energetico e come si effettua il cosiddetto bonifico “parlante”? Se hai già eseguito la ristrutturazione per risparmio energetico allora dovrai dimostrare le spese sostenute se vuoi godere del bonifico per risparmio energetico. Potrai scegliere come fare bonifico per risparmio energetico utilizzando la banca online oppure presentandoti personalmente presso la tua banca o un ufficio postale. Chiaramente dovrai compilare il modulo di richiesta con estrema precisione inserendo tutti i dati richiesti come il codice fiscale del beneficiario della detrazione fiscale e il codice fiscale o la partita IVA dell’azienda che ha realizzato i lavori. Dovrai eseguire esattamente la stessa procedura anche qualora tu volessi richiedere il bonifico per risparmio energetico dopo aver acquistato mobili o elettrodomestici.  Attenzione poi all’inserimento della causale, della tipologia di spesa sostenuta e della normativa di riferimento. Inoltre esiste anche la possibilità di poter scegliere in futuro chi sia l’effettivo beneficiario della detrazione richiesta.

Insomma, una volta che hai compreso nel dettaglio come fare bonifico per risparmio energetico e come compilare bonifico per risparmio energetico potrai realizzare un risparmio importante riguardo l’esecuzione di lavori che hanno come finalità il risparmio energetico. Meglio quindi approfittarne così da aumentare il valore del proprio immobile sin da subito e alleggerire le bollette energetiche.

Arianna Bessone

Arianna Bessone