Caratteristiche e vantaggi della caldaia a biomassa

Caratteristiche e vantaggi della caldaia a biomassa

Quando si parla di biomassa spesso non si sa bene a cosa ci si riferisce, dal momento che anche se se ne sente parlare si possono avere un po’ le idee confuse, ed è quindi il caso di intervenire risolvendo alcuni interrogativi. Quando si parla di biomassa si fa riferimento a una sostanza di matrice organica, quindi di origine vegetale o animale, che può essere impiegata a scopi energetici, quindi per produrre energia. I materiali organici possono essere utilizzati come combustibili e i residui inquinanti in tal senso sono davvero pochi, facendo così un grande favore alla natura e al Pianeta, evitando di inquinare. Dal momento che si tratta di combustibili che si ottengono da scarti di attività agricole, questi possono essere modificati senza difficoltà con differenti procedimenti in modo da riuscire a ottenere energia elettrica e termica a seconda di quelle che sono le proprie esigenze e necessità, come la possibilità di usare la legna da ardere o le alghe, o oi residui di attività agricole o forestali. Per realizzare dei composti di tipo chimico oppure ina alternativa dei carburanti biologici occorre l’intervento ovviamente di un esperto, che si occupi di impiegar tali materiali per generare energia, e se ci vogliamo focalizzare sull’aspetto della biomassa, in modo da poter valutare anche per la caldaia a biomassa funzionamento, l’aspetto che più ci deve incuriosire è che l'energia termica e elettrica possono essere ricavate mediante la combustione della biomassa legnosa dentro le apposite caldaie oppure dentro appositi impianti di cogenerazione.

A differenza di quelle che noi tutti conosciuta come le classiche caldaie, che funzionano a gas, per capire cosa sono le caldaie e biomassa e come avviene con la caldaia a biomassa funzionamento occorre spere che questa brucia al suo interno una fonte legnosa considerata come rinnovabile, ma bisogna anche sapere che tale combustibile ha differenti declinazioni, ovvero lo si ritrova in varie tipologie. La prima tipologia è il pellet, il quale si ottiene mediante degli scadi di lavorazione del legno e viene usato per il riscaldamento delle stufe o delle caldaie, poi troviamo la segatura che deriva dagli appositi scarti industriali, poi il cippato e i tronchetti di legno, il primo che consiste in legno naturale che viene tritato e mentre il secondo sono residui di legno che vengono pressati, e infine troviamo poi i ciocchi, ovvero dei pezzi di legno che provengono dai boschi.

Abbiamo visto cosa sono le caldaie a biomassa, adesso spieghiamo le loro caratteristiche

Le caldaie a biomassa presentano numerose caratteristiche e aspetti peculiari, ed esse si differenziano dalle altre tipologie di caldaie sostanzialmente in quanto sono progettate e presentano una alimentazione con un unico tipo di biomassa, oppure e hanno una elevata versatilità che permette loro di usare anche differenti tipi di biomassa. Se si analizzano le varie soluzioni di caldaia a biomassa esistenti, si deve specificare come quella più comode e conosciuta è quella a fiamma inversa o rovesciata, nella quale la fiamma anziché svilupparsi verso l'alto lo fa verso il basso, e in tal modo si riesce a caricare il focolare al massimo senza però che si corra il rischio che la legna bruci in un’unica soluzione. Pensando a se la caldaia a biomassa conviene, bisogna capire come avviene il funzionamento della caldaia a biomassa, la quale funziona in modo molto simile rispetto alla comune caldaia tradizionale a gas. Nella caldaia a biomassa infatti il riscaldamento, così come l'acqua calda sanitaria che si impiega in casa, vengono fornite dalla combustione che si esegue della biomassa. Il combustibile fa sì che avvenga la combustione del calore, il quale viene poi utilizzato per il riscaldamento dell'acqua e al pari delle altre tipologie di caldaie, così la caldaia a biomassa è progettata per poter essere manutenuta in funzione tutto l’anno, con la possibilità ovviamente di spegnerla durante la calda stagione quando non c’è più l’esigenza di avere il riscaldamento in casa.

Se sei interessato ad acquistare una caldaia così, e ti stai interrogando se una caldaia a biomassa conviene, la risposta è sì, anche se ovviamente bisogna considerare alcuni fattori, come la disponibilità o meno di uno spazio asciutto dove mettere il combustibile per la caldaia, e scegliere inoltre il modello e la tipologia di caldaia a biomassa che si pensa possa meglio rispondere a quelle che sono le proprie esigenze. Se desideri conoscere il costo preciso di una caldaia di tale tipologia, è molto difficile stabilirlo in quanto vanno considerati differenti parametri, ma se desiderassi avere una stima orientativa, possiamo dire che la spesa si aggira attorno ai 4000 € ai quali ovviamente andranno poi aggiunti i cisti per l’installazione di un eventuale bollitore supplementare, oppure si potrà valutare se acquistare una caldaia a biomassa usata pin modo da contenere le spese.

Nel momento in cui deve decidere a quale tipologia di caldaia rivolgersi, l'utente dovrà tenere conto sia del costo della caldaia sia dei costi di installazione, oltre alla semplicità o meno della reperibilità della materia prima, e di un argomento molto importanti ovvero la sensibilità pubblica relativamente alle differenti tematiche ambientali.

Arianna Bessone

Arianna Bessone