Chi ha paura del prestito online?

Chi ha paura del prestito online?

Richiedere un prestito è una situazione molto delicata, che si accompagna spesso a dei periodi di difficoltà economiche o a grandi cambiamenti in cui il richiedente affida a degli investimenti il proprio futuro. La paura prestito online è del tutto comprensibile anche perché è difficile riuscire a orientarsi senza sapere come funzionano i prestiti online. Capire come fare un prestito online comunque è piuttosto semplice, basterà tenere conto di alcuni fattori per scegliere secondo le proprie necessità in completa sicurezza.

Consigli utili per richiedere un prestito online

Per sconfiggere la paura prestito online occorre affidarsi a delle istituzioni sicure e certificate, ed effettuare una ricerca accurata, in modo da poter evitare disguidi o aggravare la propria situazione economica. Il mercato dei prestiti non conosce crisi e gli istituti creditizi e le banche che concedono finanziamenti sono moltissime, infatti per effettuare una buona comparazione occorre visitare molte filiali ed affrontare chilometri di code e infiniti attimi di attesa. Con i comparatori di tariffa questi problemi sono completamente dissolti; online è possibile trovare tantissime filiali che offrono differenti tipologie di rata e modalità di finanziamento, ma occorre sapere perfettamente cosa cercare. Una volta capito come funzionano i prestiti online chiunque potrà selezionare in completa autonomia solo le proposte migliori per le proprie esigenze.

Controllate il TAN

Si può combattere in modo concreto la paura prestito online anzitutto facendo un minimo di chiarezza sul tema. Quando si parla di prestiti online infatti è bene avere ben chiaro che cos’è il TAN. Il TAN è il Tasso Annuo Nominale, ovvero il tasso d’interesse applicato alle rate del vostro prestito; che ha il potere di definire la il costo dell’aliquota del tuo prestito, più il TAN sarà basso, più la rata sarà sostenibile. Al fine di scegliere il prestito più adatto per le proprie esigenze bisognerà quindi valutare il TAN più conveniente ma non si dovrà nemmeno perdere di vista il confronto delle offerte e il calcolo delle spese accessorie che, in alcuni casi, possono avere un peso rilevante.

Occhio alle spese accessorie - TAEG

Le spese accessorie sono dei costi necessari per mantenere le rate del proprio prestito. Molto spesso le finanziarie includono nel costo del finanziamento proprio le spese accessorie, ovvero spese non legate direttamente al rimborso del capitale o al pagamento degli interessi. Se si ha paura del prestito online occorre quindi avere ben presente quali sono queste spese accessorie che comprendono le spese di chiusura della pratica, l’imposta di bollo/sostitutiva sul contratto, le spese di incasso e gestione rata, le spese di istruttoria, il costo di una eventuale assicurazione e il costo per singole comunicazioni periodiche. Ma come si fa in concreto a valutare una proposta di prestito e a effettuare il calcolo della rata del prestito in modo giusto? Bisognerà esaminare il TAN e le spese accessorie nel dettaglio. In questo senso inutile aver la paura prestito online in quanto il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale formato da TAN e spese accessorie) riassume in percentuale il valore del costo reale di un prestito. Imparando a guardare il TAEG si potrà subito capire l’eventuale convenienza del finanziamento.

Controllare il costo dell’assicurazione

Per eliminare la paura prestito online bisogna anche controllare che non siano previste delle coperture assicurative da sottoscrivere quando si sottoscrive il contratto. Le polizze assicurative vengono proposte in modo diverso a seconda del tipo di finanziaria. Questo significa che la polizza assicurativa può essere obbligatoria o facoltativa. La copertura assicurativa è quindi un costo che va a incidere sul valore della rata ma potrebbe essere una ottima opportunità per restituire le rate in completa sicurezza. Ma a cosa serve l’assicurazione? Semplice, a tutelare il cliente dal rischio di insolvenza eliminando così la paura prestito online. Con una assicurazione si potrà far fronte all’impegno economico preso anche in concomitanza di eventi negativi difficilmente prevedibili. Grazie alla copertura assicurativa la compagnia si prende in carico le rate che si è impossibilitati a restituire. Attenzione però perché l’assicurazione sul prestito è obbligatoria in caso di prestito con cessione del quinto. In altri casi di solito è del tutto facoltativa anche se, alcune banche o finanziarie, potrebbero richiedere l’assicurazione come garanzia in caso di importi molto elevati o qualora il debitore sia considerato un soggetto a rischio. L’assicurazione può incidere fino al 6% del prestito ma mette al riparo dai rischi ed è quindi una garanzia per il richiedente del prestito soprattutto in momenti di crisi economica.

Il ruolo del garante

Per aumentare la possibilità di vedersi accettata la richiesta di prestito, sconfiggere la paura prestito online e capire come fare un prestito online si potrebbe anche scegliere un garante. Questo garante pone la sua firma sul contratto di prestito come fideiussore e la sua responsabilità è quella di garantire il regolare pagamento delle rate.

Dilaziona la durata del tuo prestito

Allunga la durata del tuo prestito in modo da ottenere una rata più sostenibile, inoltre ricordati di verificare TAG e TAEG, assicurandoti che la quota assicurativa sia obbligatoria. Rivolgiti inoltre agli organi creditizi iscritti all’elenco dei mediatori creditizi in modo da prevenire fregature o problemi.

Compara il tuo prestito in tutta sicurezza online, affidati a CheTariffa.it e trova la rata migliore.

Arianna Bessone

Arianna Bessone