Come calcolare le classi energetiche edifici?

Come calcolare le classi energetiche edifici?

Sei a conoscenza di quali sono le classi energetiche edifici, e come si può risalire alla classe energetica degli edifici le procedure di calcolo, è molto importante, così come è opportuno che tu conosca qual è tra le classi efficienza energetica edifici quella che corrisponde al tuo stabile. Sapere la propria classe energetica è importante saperla qualora avessi appena acquistato un alloggio, oppure lo avessi affittato o venduto, in quanto dalla classe energetica si può risalire ai consumi che si dovranno contemplare, i quali saranno più elevati se la classe energetica è bassa e potranno man mano diminuire qualora invece si avesse una classe elevata. Così come funziona per gli elettrodomestici, anche a livello degli stabili conoscere le classi energetiche edifici può risultare molto utile per fare una valutazione il più possibile accurata se uno stabile può fare al caso proprio, o se necessita di accedere magari al bonus dedicato alla riqualificazione. Più un edificio ha una classe energetica elevata più il suo valore sale, quindi anche qualora si fosse proprietari di un alloggio presente in uno stabile, e quest’ultimo acquistasse una classe energetica più alta rispetto a quella attuale, l’intero stabile aumenterebbe di valore e quindi anche l’alloggio, qualora un domani lo si volesse rivendere, sarà quotato di più Ecco perché è così importante non solo conoscere quali sono le classi energetiche edifici ma anche sapere i termini di definizione della classe energetica minima nuovi edifici e conoscere nel dettaglio, anche facendosi aiutare da un professionista nel caso, per la classe energetica degli edifici le procedure di calcolo che vengono comunemente adottate, in modo da avere un termine di paragone e sapere come poter fare, anche relativamente al proprio stabile, una analisi il più possibile accurata su qual è la propria classe energetica, e cosa si può eventualmente fare per aumentarla, che sia accedere ai bonus erogati per la riqualificazione energetica o adottando un’altra modalità.

Cosa indicano le classi energetiche edifici e perché è così importante risalire alla propria

La classe energetica, per coloro che non lo sapessero, serve a identificare la qualità energetica dello stabile e quindi permette di sapere qual è il fabbisogno di energia che serve per il riscaldamento, che è richiesto per la produzione di acqua calda e per l’illuminazione dello stabile e a livello delle pertinenze, e conoscendo tale informazione si potrà risalire anche alla conoscenza dei e di conseguenza i consumi e i costi. Sapere qual è la classe energetica del proprio edificio è diventato obbligatorio per legge a partire dal 2005 ed è indispensabile sapere in quale classe energetica rientra il proprio stabile innanzitutto per poter dare a possibili acquirenti e locatari delle informazioni reali in merito alle caratteristiche e per quanto riguarda le spese energetiche sia della propria casa, specificando in quale classe energetica rientra lo stabile, sia dell’edificio stesso. Inoltre spesso la tematica relativa alle classi efficienza energetica edifici viene trascurata e sono molti i proprietari degli alloggi che ci prestano particolare attenzione, quado invece si tratta si un argomento assolutamente molto importante da conoscere, al fine anche di incentivare taluni interventi che potrebbero migliorare lo stabile dal punto di vista dell’efficienza energetica. Come abbiamo già detto in precedenza, infatti, avendo la possibilità di conoscere la certificazione energetica, si potrà valutare in assemblea condominiale della possibilità di fare degli interventi per migliorare l’efficienza energetica dello stabile. Così da consentire al valore dell’immobile di poter crescere e poter acquisire maggiore valore, qualora si desiderasse poi procedere con la sua vendita.

Per sapere la classe energetica minima nuovi edifici e qualora si volesse calcolare la classe energetica di un edificio è importante consultare e seguire le linee guida del DM 26-06-2015, il quale stabilisce come sia fondamentale che vi sia l’applicazione delle metodologie relative alle procedure di calcolo per quanto riguarda le prestazioni energetiche, oltre a definire quelli che devono essere considerati come i requisiti minimi per gli edifici. Un dato molto importante è l’indice relativo alla prestazione energetica globale non rinnovabile, ovvero il dato che indica l’energia totale consumata dallo stabile climatizzato per metro quadro di superficie analizzato per ogni anno, e questo serve a risalire alle classi energetiche edifici in modo preciso. L’unità di misura che viene comunemente usata per conoscere le classi energetiche edifici è relativa all’indice di prestazione energetica, il kWh/m2 anno, e il simbolo identificativo che viene usato a livello europeo per quanto riguarda le classi efficienza energetica edifici è l’EPgl, nren: unendo questo dato alla classe energetica e l’EPgl, nren, si può ottenere la targa energetica dell’edificio. Conoscere la classe energetica è importante al fine di stabilire se la casa e/o lo stabile hanno buone prestazioni per quanto riguarda l’efficienza energetica e, se si vogliono conoscere i consumi ipotetici annui, occorrerà moltiplicare l’EPgl per i metri quadri dell’appartamento.

Se non lo sapessi, le classi energetiche sono dieci e vanno dalla classe A4 per gli stabili più efficienti dal punto di vista energetico, fino alla G che identifica quelli con minore efficienza.

Arianna Bessone

Arianna Bessone