Come disdire la fornitura luce e gas? Ecco tutti i passaggi!

Come disdire la fornitura luce e gas? Ecco tutti i passaggi!

Oggi parliamo di come funziona una disdetta contratto fornitura.

Può capitare, infatti, per diversi motivi, di doversi trovare a cambiare città o a traslocare nel corso della nostra vita. Sono momenti caratterizzati da alti carichi di stress, durante i quali si hanno spesso moltissime cose a cui a pensare e, proprio per questo, potrebbe essere utile sapere come disdire la fornitura luce e gas.

Occuparsi della gestione delle utenze domestiche è infatti assolutamente necessario per non doversi poi trovare a fronteggiare criticità o brutte sorprese. Capire come disdire la fornitura luce e gas è, fortunatamente, molto semplice; basterà infatti richiedere al proprio fornitore la cessazione definitiva delle utenze di luce e gas. Ma entriamo più nel dettaglio della questione.

Disdetta contratto fornitura: come funziona?

Sia che si tratti di una disdetta fornitura gas, sia che siate interessati ad una disdetta fornitura elettrica, questa procedura è in entrambi i casi molto facile ed intuitiva, e consente di ottenere la chiusura dei contatori di luce e gas nel giro di pochi giorni.

Qualora si debba lasciare una casa che verrà presto occupata da nuovi inquilini, in questo caso non si dovrà necessariamente chiudere i contatori, ma si potrà anche valutare di richiedere una voltura, semplicemente modificando i dati dell’intestatario del contratto. Ad ogni modo, tutti i fornitori comunicano in modo trasparente come disdire la fornitura luce e gas di casa vostra, così da consentire agli utenti di non trovarsi costi non previsti in bolletta. Chiaramente, sia le modalità che le tempistiche di disdetta del contratto di fornitura energetica variano a seconda del fornitore.

Quasi tutti i fornitori, comunque, prevedono una procedura di disdetta che include l’invio di una comunicazione scritta via fax o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o, ancora, con un contatto telefonico sfruttando il servizio clienti del vostro attuale gestore. Alcuni fornitori permettono inoltre l’invio della richiesta di disdetta contratto fornitura direttamente tramite il sito web.

A prescindere comunque dal vostro fornitore di luce e gas, per tutte le procedure di disdetta di un contratto di fornitura i clienti dovranno avere a disposizione i dati personali e il codice fiscale dell’intestatario del contratto, l’indirizzo esatto, il codice POD e PDR, l’autolettura delle utenze e la data in cui verranno interrotte le forniture. È importante sempre ricordare che la procedura di disdetta contratto fornitura luce e gas prevede un preavviso obbligatorio al fornitore che va da un mese per i clienti domestici, fino a tre o addirittura sei mesi per le imprese.

In ogni caso, la disattivazione delle forniture deve avvenire entro e non oltre 5 giorni lavorativi. Per quanto riguarda il blocco del gas, se siete interessati ad una disdetta fornitura gas, ci si dovrà necessariamente accordare per l’intervento di un tecnico, incaricato di sigillare il contatore. La disattivazione delle forniture prevede inoltre alcuni costi aggiuntivi che corrispondono alla cifra di 23€ per i clienti del mercato tutelato, mentre sono variabili per coloro che hanno sottoscritto un contratto di fornitura con un gestore appartenete al mercato libero dell’energia.

Ancora, un altro aspetto da sottolineare, all’apparenza banale ma molto importante, è la differenza tra switch e disattivazione. Se avete infatti dubbi su come disdire la fornitura luce e gas, sappiate che nel momento in cui inviate una disdetta contratto fornitura, indipendentemente dal fatto che sia per luce o gas, l’operazione che state realizzando è in realtà uno switch, vale a dire la chiusura della fornitura con il vostro attuale fornitore per passare a quella con il nuovo gestore che avete scelto. In caso di domanda di disattivazione, invece, la fornitura di energia elettrica e gas cesserebbe in maniera definitiva.

Detto questo, vi poniamo una domanda: state realmente pensando di fare una disdetta contratto fornitura nei confronti del vostro attuale gestore, ma non sapete come fare per risparmiare? La soluzione ve la diamo noi!

Grazie al comparatore di offerte online Chetariffa, potrete trovare in modo facile e veloce i migliori fornitori di luce e gas, che questo strumento di comparazione di tariffe vi proporrà dopo che avrete compilato alcuni campi e dato le informazioni dettagliate in merito alle vostre esigenze di consumo. Cosa significa, nel concreto? Che ognuno di voi potrà visionare le tariffe più agevolate e pensate su misura per voi, senza dover così perdere tempo inutile fra promozioni e tariffe all’apparenza vantaggiose ma che, in realtà, non rispettano in pieno le vostre esigenze.

Non vi resta quindi che inviare la vostra disdetta contratto fornitura e, subito dopo, mettere alla prova il comparatore Chetariffa: questo strumento è completamente gratuito e, una volta ottenuta la lista con i gestori più adatti a voi, potrete scegliere in totale serenità quello che offre più vantaggi e al miglior prezzo di mercato!

Arianna Bessone

Arianna Bessone