Consumo lavatrice: quanto consuma e come risparmiare

Consumo lavatrice: quanto consuma e come risparmiare

Se desideri la lavatrice che hai in casa magari da molti anni con un modello più recente, come prima cosa, ancora rima di pensare al consumo lavatrice e a come riuscire ad ottenere un cospicuo risparmio casa lavatrice, devi interrogarti come prima cosa su quelle che sono le tue esigenze, quindi su quanta capacità di carico necessiti per la tua lavatrice e di quale potenza hai bisogno. E’ molto importante, quando si sceglie una nuova lavatrice, pensare a sceglierne una che sia in linea con quanto si sta cercando in termini di potenza, e ovviamente a seguire bisogna pensare a una cosa molto importante, ovvero il consumo lavatrice, in quanto sapere quanto consuma una lavatrice e come fare per risparmiare consentirà di utilizzare questo straordinario elettrodomestico senza sensi di colpa. Se infatti scegli un modello non congeniale a quelle che sono le tue esigenze e magari troppo piccola, finirai per essere costretto a dover fare molte lavatrici e produrre in tal modo un grande dispendio di energia e quindi aumentare la spesa in bolletta e anche inquinamento, mentre se la scegli troppo grande potresti ritrovarti a doverla accendere mezza vuota in quanto non saprai come riempirla, e anche questo va ovviamente evitato.

Per le coppie solitamente vengono consigliate lavatrici con una capienza tra i 5 e gli 8 kg, mentre le famiglie numerose potrebbero scegliere invece lavatrici di portata maggiore sopra gli 8-9 kg di capienza. Per passare poi al tema consumo lavatrice, occorre considerare un importante parametro che è quello dell’efficienza energetica: fino al 2020 occorre infatti sapere che l’etichetta energetica prevedeva l’impiego di una scala con indicati 7 livelli, mentre ad oggi sono aumentati i livelli , con indicazione anche dei + a seguito delle lettere, in modo da capire subito che se si è di fronte a una lavatrice di classe A+++ si avrà a disposizione un elettrodomestico in grado di utilizzare il 30% di energia elettrica in meno rispetto a una lavatrice di classe A. Se si considerano come parametri l’efficienza energetica e la capienza della lavatrice, si può risalire al consumo medio dell’elettrodomestico, e quindi capire approssimativamente quanto si andrebbe a spendere. Forse non sai che da marzo 2021 è entrata in vigore una nuova etichetta energetica che prevede una classificazione che va dalla lettera A alla lettera G e prevedono anche un codice QR che, nel momento in cui verrà scansionato, consentirà anche di accedere a importanti informazioni in merito al modello, così da capire non solo il consumo lavatrice (per quanto sapere quanto consuma una lavatrice sia molto importante), ma anche come metterla in funzione in modo corretto con i vari programmi e molto altro ancora, come il parametro della sostenibilità, con indicato il consumo di acqua per ciascun ciclo di lavaggio. Una buona lavatrice di ultima generazione da 5 kg ne utilizza circa 40 litri. Conoscere il consumo lavatrice kw è molto importante, così come è fondamentale conoscere le caratteristiche delle singole lavatrici prima di procedere all’acquisto del modello che ci interessa, in modo da farsi un’idea chiara ed esaustiva delle varie tipologie di modelli e scegliere consapevolmente quello che fa per sè.

Ho capito il consumo lavatrice kw, ma come faccio a ottimizzare il risparmio casa lavatrice?

Se desideri energia, quindi diminuire il costo della bolletta e al contempo anche ridurre l’inquinamento causato dalla produzione di energia elettrica mediante l’utilizzo di fonti fossili, ci sono alcune soluzioni che puoi adottare che si riveleranno molto utili e interessanti. Per aumentare il risparmio casa lavatrice il consiglio è quello di ridurre la temperatura dell’acqua che si utilizza per il lavaggio, in modo da ottenere un risparmio di circa il 30%, dal momento che più alta si desidera la temperatura di lavaggio più a lungo rimane accesa la resistenza interna che i occupa di riscaldare l’acqua. Potrebbe anche emergere la curiosità in merito a quanto si spenderebbe se invece di scaldare l’acqua usando la resistenza interna si utilizzasse l’acqua scaldata con il sole usando i collettori solari: se si facesse già arrivare l’acqua calda in modo che l’energia elettrica possa essere usata unicamente per far girare il cestello, si otterrebbe un grande risparmio, pertanto qualora se ne avesse la possibilità e si riuscisse a installare un pannello solare per l’acqua calda di avrà la possibilità di farla confluire direttamente nella lavatrice pertanto, se si utilizzasse l’acqua scaldata con l’energia del sole il costo del lavaggio, e quindi il consumo lavatrice, sarà unicamente quello relativo al consumo del motore. Nel caso invece in cui non si disponesse dei pannelli solari per l’acqua calda, c’è la possibilità di azionare la lavatrice con l’acqua scaldata mediante la caldaia a gas, così da ridurre il costo sulla bolletta e riuscire in tal modo a risparmiare anche in maniera più cospicua in quanto non si avrà più un consumo lavatrice kw bensì a smc.

Arianna Bessone

Arianna Bessone