Costo energia elettrica mensile kwh: come calcolarlo

Costo energia elettrica mensile kwh: come calcolarlo

Cos’è il costo energia elettrica kwh? Sarà capitato a tutti di farsi questa domanda quando si riceve una bolletta luce ed è bene fare chiarezza per non farsi mai trovare impreparati.  A chi non è mai capitato di ricevere una bolletta troppo alta a casa, a causa dei consumi apparentemente eccessivi dei propri elettrodomestici e di un costo dell'energia elettrica al kwh elevato, e non riuscire a capacitarsene? Il costo energia elettrica kwh dipende proprio dai consumi e conoscere quali sono i consumi della casa aiuta a contenere gli sprechi a pagare una bolletta luce più leggera. In realtà, spesso, sono gli elettrodomestici più insospettabili quelli che consumano di più e pesano in maniera massiva sulla bolletta di fine mese, non il vecchio frigorifero o il forno che si accende per preparare le torte, bensì, magari, la nuova lavastoviglie appena comprata che ci avevano assicurato consumi davvero poco.

Come calcolare il consumo di un elettrodomestico?

Ogni apparecchio che si ha in casa ha una determinata potenza, la quale può essere espressa in kW o in W (kilo Watt o semplici Watt), quindi la prima operazione che occorre fare è capire la potenza dei singoli apparecchi che si posseggono così da calcolare il costo energia elettrica kwh. Se, ad esempio, abbiamo un ventilatore della potenza di 200W che rimane acceso sulla velocità media per 6 ore, occorre moltiplicare il 6 per la potenza, in questo caso (essendo la velocità media) di 100W, ottenendo 600, numero che corrisponde ai Wh, ovvero la misura dell’energia, oppure 0,6, che solo i kWh. Se la tariffa applicata dal nostro gestore per il costo di energia elettrica al kwh è di 0,20€ per KWh, dovremo moltiplicare 0,20 per 0,60 e il risultato sarà di 0,12€. Moltiplicando questo numero per le ore e i giorni in cui utilizziamo il determinato elettrodomestico, otterremo quanto ci costerà al mese il suo utilizzo. Occorre anche precisare parlando di costo energia elettrica kwh che questi calcoli difficilmente possono essere applicati a elettrodomestici di dimensioni più grandi, come i frigoriferi. Per conoscere il loro consumo è possibile acquistare un apposito apparecchio, reperibile anche online che, inserito tra l’elettrodomestico e il muro, ci consentirà di calcolarne il consumo reale.

Come valutare il costo dell’energia elettrica kwh

Per calcolare il costo energia elettrica kwh, ovvero il costo orario dell’energia elettrica, bisognerà sempre partire dalla propria bolletta luce. In bolletta si vedrà che il totale da pagare non si basa solo sui consumi netti ma anche su una serie di spese aggiuntive tra cui l’IVA che si andranno a sommare alla voce relativa alla vendita di energia. Per trovare solo il costo energia elettrica kwh allora bisognerà andare a isolare il dato del costo di vendita dalle altre voci. In bolletta i clienti troveranno sia i costi che il numero complessivo dei kwh consumati. Chi volesse sapere il consumo unitario e il relativo costo dovrà dividere il valore riportato alla voce di vendita per il numero di kwh consumati nello stesso periodo. Molti gestori luce oltre al costo netto della vendita inseriscono anche altri costi di servizi aggiuntivi. Per conoscere in modo preciso il costo energia elettrica kwh si dovrà dividere la spesa totale per il numero di kwh consumati. Può sembrare complesso ma è importante sapere quanto costa energia elettrica al kwh per avere una panoramica precisa delle spese in bolletta.

Costo energia elettrica kwh: le fasce orarie

Fin qui abbiamo visto come si calcola il costo energia elettrica kwh, ora invece affrontiamo il discorso relativo alle diverse fasce orarie. Il costo dell’energia elettrica kwh infatti cambia a seconda delle fasce orarie, questo significa che non ha un costo unico per tutta la giornata ma un costo che viene suddiviso in quattro fasce orarie. La prima fascia, F1, va dalle 8 alle 19 da lunedì al venerdì. La fascia F2 va dalle 7 alle 8 e dalle 19 alle 23 da lunedì al venerdì e dalle 7 alle 23 il sabato (festività escluse). La fascia oraria F3 va da mezzanotte alle 7 e dalle 23 alle 24 dal lunedì al sabato e tutte le ore della giornata nei giorni festivi e nelle domeniche. F0 infine è una fascia che comprende tutte le ore indipendentemente dai giorni della settimana. Quando si parla di F0 si parla della tariffa monoraria che consente di avere un prezzo fisso in qualsiasi orario della giornata. Il costo energia elettrica kwh può essere calcolato quindi allo stesso modo per qualsiasi gestore.

Il costo energia elettrica nel mercato libero e nella maggior tutela

Parlando di costo per kwh energia elettrica relativamente al libero mercato o alla maggior tutela bisogna specificare che il mercato tutelato cesserà nel gennaio 2020. Il costo dell’elettricità della maggior tutela viene definito dall’ARERA. Dal luglio 2007 inoltre il mercato energetico italiano è stato liberalizzato consentendo a ogni cliente di scegliersi autonomamente le migliori offerte da parte dei fornitori luce e gas del libero mercato.

Il modo migliore di risparmiare è comunque quello di scegliere le offerte luce più in linea con le proprie esigenze di consumo e di budget. Come farlo? Grazie al comparatore gratuito di Chetariffa.it

Arianna Bessone

Arianna Bessone