Differenza tra freezer e congelatore: quale scegliere

Differenza tra freezer e congelatore: quale scegliere

Se rientri nella categoria di coloro che hanno ancora un po’ le idee confuse in merito alla differenza tra freezer e congelatore, quindi al congelare o surgelare gli alimenti, non ti preoccupare in quanto ti forniamo una breve spiegazione che potrebbe risolverti molti dubbi. Questi due termini indicano processi di conservazione che si differenziano tra loro, dal momento che mentre un alimento può essere surgelato unicamente a livello industriale mediante l’uso di appositi macchinari e apparecchiature ad hoc, per congelate gli alimenti non è necessario disporre di apparecchiature particolari bensì è sufficiente disporre in casa di un comune congelatore, ovvero un freezer come viene chiamato. Per comprendere bene la differenza tra freezer e congelatore bisogna pensare a come entrambi queste tipologie di conservazione del prodotto presentano delle piccole ma importanti differenze determinate sia dai gradi sia da quelle che sono le tempistiche di raffreddamento. Per comprendere bene la differenza tra freezer e congelatore bisogna non solo conoscere e capire la dicitura corretta freezer o congelatore ma anche sapere nel concreto sia che cos è il freezer sia cos’è il congelatore, dal momento che mentre surgelare è un procedimento di tipo industriale, congelare rappresenta invece un'operazione che può essere svolta in casa senza il bisogno di disporre di particolari strumenti o apparecchiature, Se si è indecisi se usare il congelatore o freezer, bisogna saper che mentre il procedimento di surgelare prevede, come abbiamo anticipato, l’impiego di uno specifico macchinario che porta rapidamente l’alimento a una temperatura di 80 °C sotto lo zero, e inoltre un alimento surgelato non deve mai superare i 18 °C sotto lo zero a seguito del surgelamento, altrimenti la sua qualità rischia di venire compromessa. Quando ci si chiede invece che co è il freezer e quindi cosa si intende con congelare, questo è un procedimento casalingo, quindi che può essere svolto tranquillamente in casa senza bisogno di apparecchi particolari, e prevedere appunto l’utilizzo del freezer di casa, le cui temperature possono andare a minime di circa -25 °C e -18 °C. Nella differenza tra freezer e congelatore bisogna considerare come la surgelazione avvenga in modo molto veloce e quindi si riesca a riesce ad abbattere la temperatura fino ad arrivare a -80° C.

Nel momento in cui un alimento viene surgelato si presentano dei piccioli cristalli di ghiaccio che hanno dimensioni contenute, mentre qualora si procedesse al congelamento il ghiaccio è presente in misura maggiore, pertanto al momento dello scongelamento il prodotto che è stato surgelato presenta un aspetto molto simile a quello fresco rispetto al prodotto congelato che viene scongelato. Abbiamo spiegato brevemente la differenza tra freezer e congelatore, , che cos è il freezer e cosa invece è il congelatore, adesso vediamo le modalità di cottura e consumo degli alimenti a seconda che si mettano nel surgelatore, nel congelatore o freezer.

Considerando la differenza tra freezer e congelatore, come si possono usare o cucinare gli alimenti?

Un alimento he viene surgelato può essere subito cotto e, al fine di assicurare la surgelazione del prodotto è indispensabile che non venga interrotta la catena del freddo, al fine di consentire ai prodotti di mantenere inalterate le proprietà nutritive- Come abbiamo già visto in precedenza, il processo relativo al surgelamento è di tipo industriale ed è necessario disporre di appositi macchinari al fine di poter procedere con il surgelamento degli alimenti, mentre ciò non occorre qualora si volessero semplicemente congelare. Se ti stai chiedendo se in casa, nel congelatore o freezer, puoi congelare ogni tipo di alimento, devi sapere che la risposta è sì, anche per quanto riguarda i piatti già pronti e cotti, ma devi sempre tenere conto del fatto che per ciascuna tipologia di alimento c’è un limite di tempo che va considerato, al fine di poter congelare in modo adeguato l’alimento e essere sicuri che manterrà inalterate le sue proprietà senza rovinarsi. Per gli alimenti che devono essere consumati crudi, c’è la possibilità di scongelarli in frigorifero, togliendoli dal freezer con un po’ di anticipo, e mentre la carne scongelata in frigo può essere conservata per un tempo massimo di due o tre giorni, per quanto riguarda invece il pesce questo non deve mai essere consumato per un periodo superiore a un giorno in frigo a seguito dello scongelamento. Una cosa poi molto importante alla quale occorre prestare attenzione è relativa alla scelta dell’imballaggio per congelare gli alimenti, dal momento che sono consentiti i contenitori in alluminio, oppure in vetro o in plastica, ovviamente a patto che siano sterilizzati e integri, e inoltre è importante non congelare subito piatti ancora caldi, dal momento che altrimenti potrebbe venire compromessa la loro temperatura interna.

Un consiglio per migliorare la conservazione dei cibi congelati è quello di metterli nel congelatore sottovuoto, in modo che così non perdano le loro caratteristiche nutritive, e per realizzare il sottovuoto è sufficiente acquistare una macchina per congelare i cibi sottovuoto, reperibile in commercio da un costo di 20 € fino a un massimo di circa 500.

Arianna Bessone

Arianna Bessone