È arrivata la bella stagione, tempo di offerte  barbecue e gas

È arrivata la bella stagione, tempo di offerte barbecue e gas

La bella stagione sta arrivando! Dopo il freddo di un inverno che sembrava non voler finire, il sole inizia timidamente a fare capolino e anche grazie all’ora legale le giornate sembrano durare molto di più. Bella stagione vuol dire sole, pic nic in allegria, ma soprattutto barbecue! Ecco quindi che diventa davvero molto importante trovare le offerte gas per l’utilizzo del barbecue così da massimizzare il risparmio in bolletta.
Che ci crediate o no, noi non finiamo mai di comparare. Infatti ci siamo trovati in un grosso dilemma, parlando della prossima grigliata tra amici: quale barbecue è più conveniente acquistare? Forse il sapore della carne cucinata alla carbonella è più buono, ma tutte quelle offerte gas per l’utilizzo del barbecue fanno davvero gola. Di conseguenza siamo punto e a capo e siccome non possiamo utilizzare il nostro comparatore abbiamo comunque deciso di darci da fare e mettere sul piatto della bilancia entrambe le alternative, per vedere quale conviene di più!

Tradizione vs. Innovazione

La vecchia scuola parla chiaro. Carbonella, fuoco e la carne alla griglia ha tutto un altro sapore. È assolutamente vero! Bisogna però essere davvero preparati e molto bravi, perché la carbonella deve essere accesa e seguita, altrimenti diventa un disastro sotto molti punti di vista. Di contro, le offerte gas per l’utilizzo del barbecue sono davvero allettanti e alleggeriscono il prezzo di queste griglie, facilitando sotto molti punti di vista il lavoro di chi si incarica di essere chef per un giorno grazie alla facilità di accensione e alla cottura uniforme. Vediamo assieme quali sono i pro e i contro di entrambi i tipi di barbecue.

Pro e contro del barbecue a carbonella

  • Bontà della carne. Il sapore della carne cotta a carbonella è ineguagliabile, è il sapore che associamo sempre alle felici uscite fuori porta con gli amici e la famiglia. Qualsiasi taglio va bene e non si cuoce solo la carne, ma si possono preparare le famose patate alla cenere, che si possono cuocere solo così, o grigliare verdure e pesce.
  • Costa di meno sia il barbecue che la carbonella. Con una spesa di circa 30 euro ci si può infatti portare a casa sia la griglia che il necessario per accendere fuoco e cuocere un barbecue perfetto.
  • Facilmente trasportabile: quasi tutte le griglie a carbonella sono smontabili e costruite con materiali leggeri. Sono quindi l’ideale per essere portate in giro e si adattano facilmente a qualsiasi terreno.
  • Il fumo causato dalla prima accensione e in misura minore tutta la cottura è veramente fastidioso e rende questo tipo di griglia non usabile in casa, in luoghi chiusi o vicino ad altri appartamenti.
  • Bisogna avere una certa dimestichezza con le meccaniche di cottura, perché si rischia o di bruciare la carne o di metterci un’eternità.
  • Dopo ogni uso è necessario pulire a fondo e con attenzione, raschiando il metallo per togliere tutti i residui di cottura che col fumo anneriscono griglie e superfici. Non è per niente facile e richiede molto tempo e molto olio di gomito.

Pro e contro del barbecue a gas

  • Niente fumo e niente odori. La cottura a gas si attiva girando la manopola o prendendo un pulsante, non deve nemmeno scaldare eccessivamente a lungo.
  • Non bisogna prestare attenzione al calo della temperatura, come invece accade per la carbonella che si spegne col passare del tempo. Spesso è implementato un termometro che segnala i gradi raggiunti dal calore di cottura e che permette di regolare la quantità di calore erogato.
  • Si spende pochissimo in gas. La bombola è ricaricabile e spesso molti barbecue hanno la possibilità di attaccarsi direttamente al sistema di erogazione casalingo del metano. Inoltre esistono tantissime offerte barbecue a gas, che rende molto facile e conveniente l’acquisto.
  • Il costo di acquisto iniziale è molto maggiore rispetto al tradizionale barbecue a carbonella. Soprattutto per quanto riguarda l’acquisto della bombola a gas, la spesa iniziale è maggiore e poi si ammortizza col tempo.
  • Non sempre è trasportabile o portatile, ma esistono ovviamente modelli di diversa grandezza e prezzo, a portata di tasche.
  • Il gusto della carne non ha quel retrogusto di affumicato che solitamente piace molto a chi sceglie di fare la grigliata, ma in commercio esistono delle lastre di pietra apposite da inserire sotto il fornello, che smorza i vapori di cottura e aromatizza i cibi.

Inutile dire che usare la carbonella può essere più economico ma che scegliendo le offerte gas per l’utilizzo del barbecue si potrà comunque cucinare la propria carne alla brace senza per questo preoccuparsi eccessivamente della spesa in bolletta. Per trovare le tariffe gas convenienti e usare il barbecue in tranquillità basterà utilizzare uno dei tanti comparatori di tariffe. Trovare le offerte gas per l’utilizzo del barbecue è semplice ma per riuscirci bisognerà prima avere un’idea del consumo di un barbecue che si può misurare in grammi di gas consumati all’ora. Di solito una macchina da 14 kW consuma 1000 grammi all’ora di GPL a piena potenza.

Per massimizzare il risparmio con le offerte gas per l’utilizzo del barbecue e trovare tariffe gas convenienti il consiglio è usare il comparatore gratuito di Chetariffa.it

Arianna Bessone

Arianna Bessone