Energia mercato libero, un confronto delle offerte

Energia mercato libero, un confronto delle offerte

Da quando l’energia mercato libero è disponibile e alla portata di tutti, per il consumatore è davvero difficile orientarsi. Questo accade soprattutto per chi è al suo primo approccio con questo mondo e non ha mai sottoscritto contratti in vita sua. Per chi decide di lasciare il nido familiare per iniziare una nuova avventura domestica, infatti, il passaggio ad una fornitura di energia mercato libero e la decisione che riguarda quale contratto scegliere possono risultare più complicati del previsto. Questo discorso, però, vale anche per chi non è abituato a destreggiarsi tra terminologie e strani voci in bolletta!

Cerchiamo allora di capire meglio come realizzare un giusto confronto dei prezzi dell’energia in regime di mercato libero, così da raggiungere l’obiettivo di abbattere i costi delle vostre bollette!

Sia che riceverete la prima bolletta tra qualche mese, sia che voi stiate pensando di cambiare gestore, vi consigliamo di leggere fino alla fine: i consigli che vi daremo vi torneranno certamente utili!

Nello specifico, parleremo di tutti i primi passi da fare nel campo dell’energia nel mercato libero, per evitare fregature e per risparmiare anche qualcosa. Ogni famiglia ha consumi diversi, di conseguenza il fatto che esistano molteplici tariffe è ottimo! Il risparmio è assicurato, unendo convenienza a flessibilità.

Passaggio all’energia mercato libero: i primi passi

La prima cosa da fare è, sicuramente, armarsi di pazienza. Sembra un consiglio banale, ma in realtà è la cosa migliore che si può fare quando dovrete valutare tutte le numerose offerte esistenti.

Noi possiamo certamente aiutarvi e guidarvi grazie al nostro comparatore di tariffe, che contiene moltissime tra le migliori offerte sul mercato, ma prima di tutto è fondamentale focalizzarsi bene sull'obiettivo e capire di cosa abbiamo veramente bisogno.

Inizialmente, quindi, cercate di capire quali sono le vostre reali esigenze e, solo a quel punto, potrete cercare la migliore tariffa di energia sul mercato libero. A questo punto, però, molti di voi si porranno sicuramente questa domanda: dove trovo il tempo per scegliere con calma e attenzione il migliore fornitore di energia elettrica mercato libero?

La risposta sta nella facilità d’uso del comparatore Che Tariffa e nella velocità con cui otterrete una lista dettagliata e aggiornata di tutti i gestori, tra cui sceglierete quello con cui sottoscrivere un contratto di fornitura di luce e gas. L’energia del mercato libero conviene, questo è certo, ma bisogna sapere fare la scelta giusta e adatta a noi, senza fretta e leggendo tutte le informazioni attentamente.

Ad ogni modo, se lavorate tutto il giorno e state a casa quasi esclusivamente di sera e durante i weekend, vi consigliamo di optare per una tariffa bioraria; se cercate invece una tariffa unica per luce, gas, telefono e altre utenze, potrebbe fare al caso tuo una tariffa cosiddetta “placet”. Ancora, se invece prevedete di stare a casa tutto il giorno, o di avere alti consumi, molto probabilmente vi converrà optare per una tariffa fissa monoraria. Una cosa è certa: la tariffa perfetta in assoluto non esiste! È tutto è un gioco di confronti e convenienze, da cercare con attenzione e da scegliere con ogni cautela possibile ed estrema attenzione.

Mercato libero energia: confronto dei prezzi

Questo passaggio è fondamentale, forse quello più importante! La possibilità di confrontare i prezzi è infatti un ottimo vantaggio per noi utenti che ci apprestiamo a scegliere un nuovo fornitore di luce e gas, oppure ad effettuare un cambio di gestore.

Dopo che avrete scelto la tariffa più adatta alle vostre esigenze, ricordate comunque per i primi mesi di monitorare i consumi per quanto più possibile. Ci sono diversi modi per tenere sotto controllo l’energia nel mercato libero utilizzata: ormai quasi tutti i gestori danno infatti la possibilità di scaricare un’app per il telefono, con diverse e utili funzioni, per esempio. Anche l’autolettura è un ottimo metodo per controllare i propri consumi e avere un’idea stimata di quanto si andrà a spendere. La cosa importante, in ogni caso, è controllare con attenzione tutte le voci della bolletta nel suo dettaglio. Al suo interno, infatti, ci possono essere servizi non richiesti o addebiti impropri, dovuti ad errori dell’operatore o a sottoscrizioni sbagliate.

Nel caso dovessero accadere situazioni di questo genere, niente paura! L’Autorità garante prevede maggiori tutele per i consumatori da quando il mercato è diventato libero, dando più possibilità di contestazione al consumatore in caso di pagamenti indesiderati.

Prima di concludere il discorso inerente al passaggio al mercato libero dell’energia, vogliamo trattare ancora di un’importante questione e chiarire un dubbio che molti utenti hanno manifestato in maniera definitiva: l’energia mercato libero è obbligatoria?

La risposta è “si” però (molti di voi saranno contenti di questo!) la scadenza è slittata e, quindi, ognuno di noi ha più tempo per scegliere con calma il proprio gestore. Inizialmente, la data di scadenza per il passaggio al mercato libero dell’energia era infatti fissata al 30 giugno 2020, ma è stata slittata al 1° gennaio 2022.

Tenendo a mente tutte queste cose, non vi rimane che lanciarvi senza paura nel mondo delle offerte luce mercato libero! Ricordate anche che ogni caso è diverso: dovete stabilire un vostro obiettivo personale e basare i vostri costi sui probabili consumi che pensate di avere. Ogni problematica è diversa, così come ogni casa e famiglia è diversa!

Arianna Bessone

Arianna Bessone