Da cosa nasce l’esigenza di comparare? La risposta degli esperti!

Da cosa nasce l’esigenza di comparare? La risposta degli esperti!

E’ nell’animo dell’essere umano voler risparmiare, che si parli di energia, di soldi o di tempo: siamo tutti orientati a fare tutto in fretta, consumando il minor numero di energie e riuscendo se possibile a risparmiare, così da avere il portafogli pieno e alcune manciate di minuti in più da dedicare alla nostra vita. Il tema della comparazione non nasce da lontano, in quanto chiunque di noi, fin da piccolo, si sarà sicuramente trovato nella situazione di dover fare un confronto tra due situazioni, o prendere una decisione tra due alternative, arrivando alla fine a scegliere quella più conveniente.

Che la comparazione sia tra un panino al salame rispetto a uno al prosciutto, o tra una tariffa per la fornitura di energia elettrica per la propria casa con un gestore piuttosto che con un altro, la sostanza poco cambia, a livello di implicazioni psicologiche. Nel caso del panino teniamo in considerazione taluni fattori, come la bontà, gli ingredienti e il conteggio calorico, mentre nel caso delle tariffe per l’energia elettrica considereremo la potenza e il costo, in primis.

Nel caso delle tariffe per la fornitura di energia, gas, adsl, telefonia, la comparazione è diventata quasi d’obbligo al giorno d’oggi: ci sono tantissimi portali ai quali le persone possono rivolgersi inserendo i propri consumi, presunti o stimati, e capire quanto andrebbero a spendere con un operatore piuttosto che con un altro. Non ha alcun senso, per molti, rimanere con un determinato operatore solo per comodità, bensì è preferibile informarsi sui gestori che applicano prezzi più convenienti e competitivi e riuscire a ottenere così i medesimi servizi ma, al tempo stesso, riuscendo a risparmiare.

In questi anni, nei quali la crisi economica si è fatta sentire in molte case, l’esigenza di risparmiare sulla bolletta, sulla fornitura delle utenze e su numerosi servizi si è fatta sempre più forte, e da qui il boom dei comparatori, i quali sono molto utili a tal scopo. La loro impostazione principale è dettata dal consentire una piena semplicità di utilizzo da parte dell’utente, il quale in pochi secondi deve riuscire a capire quanto spenderebbe (e risparmierebbe) scegliendo di attivare la propria fornitura con un gestore differente rispetto a quello attuale.

Arianna Bessone

Arianna Bessone