Come fare un contratto su delega

Come fare un contratto su delega

Per diversi motivi qualcuno potrebbe trovarsi nella situazione di dover capire come fare un contratto su delega per la stipula di un contratto di fornitura energetica. Fare un contratto su delega non è un problema e tutti i fornitori di luce e gas mettono a disposizione dei moduli da compilare che prevedono la firma del delegante così da autorizzare il delegato a fare le sue veci al momento della stipula del contratto. Chiaramente fare un contratto su delega non prevede dei costi aggiuntivi di alcun tipo e il contratto stipulato sarà valido a tutti gli effetti.

Per capire come fare un contratto su delega correttamente sarà comunque necessario allegare al modulo di delega anche una copia del documento di riconoscimento sia del delegante, sia del delegato. Oltre a fare un contratto su delega è anche possibile richiedere il modulo di delega per recesso da contratto da fornitura di energia elettrica. Si tratta di un modulo valido sia per i clienti domestici che per le aziende che dovrà essere inviato al vecchio fornitore con almeno un mese di preavviso. Per quanto riguarda la delega per recesso si dovrà anche tenere conto del fatto che dovrà essere inviata al vecchio fornitore dagli utenti domestici con almeno 1 mese di preavviso.

Anche gli utenti non domestici avranno da 1 a 3 mesi di preavviso a seconda che passino al mercato libero per la prima o per la seconda volta. Per fare un contratto su delega quindi sarà necessario procurarsi un modulo specifico che dovrà essere compilato con i dati anagrafici del delegante e del delegato (codice fiscale, indirizzo, documento di identità) e firmato da entrambi per essere ritenuto valido. Con questo modulo di delega il delegato potrà stipulare o recedere un contratto luce e gas relativo all’utenza di cui si saranno allegati i dati oppure richiedere informazioni.

Ormai da diversi anni in Italia si è assistito alla progressiva liberalizzazione del mercato energetico che ha consentito agli utenti di passare alle tariffe del mercato libero e quindi anche di affidare l’espletamento di tutte le pratiche relative a un delegato autorizzato. Se quindi non si ha il tempo materiale per gestire le proprie utenze e si ha una persona di fiducia che è pronta a farlo non ci sarà alcun problema e basterà compilare il modulo. Insomma, chi vuole sapere come fare un contratto su delega deve sapere che si tratta di una operazione piuttosto semplice da portare avanti e che potrà risolvere concretamente un problema.

Tornando alla delega per recesso da contratto per la fornitura di energia elettrica bisogna ricordare che si tratta del modulo che ogni consumatore, sia domestico che non domestico, potrà utilizzare per richiedere, tramite l’intermediazione di un delegato, di recedere dal contratto stipulato in precedenza. Ormai è del tutto possibile e lecito in Italia per un consumatore passare in qualsiasi momento alle tariffe del libero mercato energetico e anche autorizzare con una delega un delegato per l’espletamento delle pratiche burocratiche. Ma come fare un contratto su delega per quanto riguarda ad esempio gli utenti non domestici? Tutti i clienti alimentati a bassa tensione che passano al mercato libero per la prima volta dovranno per forza di cose rispettare un preavviso di almeno un mese. I clienti alimentati a bassa tensione che passano al mercato libero per la seconda volta dovranno rispettare invece un preavviso di almeno tre mesi.

Ovviamente capire come fare un contratto su delega significa anche tenere sempre ben a mente che bisognerà allegare una fotocopia del documento d’identità del delegante in corso di validità. Per fare un contratto su delega bisognerà anche leggere con attenzione tutte le condizioni richieste. Ad esempio il delegato si dovrà impegnare a prestare la propria attività per la gestione delle utenze luce e/o gas del delegante. Non solo, il delegato dovrà anche impegnarsi nel garantire una analisi delle tariffe proposte dal mercato libero delle forniture luce e gas e adottare la tariffa più conveniente. Il delegato si dovrà anche impegnare a prestare la propria attività nella completa autonomia circa tempi e modi senza alcun coordinamento del delegante. Inoltre le parti, delegante e delegato, devono pattuire espressamente che al rapporto tra loro instaurato, essendo configurato come delega gratuita, non potrà essere applicata alcuna norma di legge o di contrattazione collettiva disciplinante rapporto di agenzia e di mediazione.

Se si parla di come fare un contratto su delega bisogna anche sapere che la delega di solito ha una durata di 24 mesi. Al termine della data sopra citata la delega si riterrà tacitamente prorogata per altri 24 mesi e così via. Si potrà anche revocare la delega in qualsiasi momento e senza impegno da parte di delegante e delegato previo un avviso di 15 giorni a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno. Insomma fare un contratto delega non è una operazione così scontata. Il delegante comunque solleva ed esonera il delegato da ogni eventuale danno causato dall’inadempimento delle società fornitrici energia e gas. Il delegante dovrà anche dichiarare di ritenere indenne il fornitore da qualsiasi pretesa avanzata direttamente nei suoi confronti da parte delle società fornitrici relativa ai contratti conclusi nell’interesse del Delegante.

Arianna Bessone

Arianna Bessone