Fibra ottica, Adsl e banda larga: come scegliere?

Fibra ottica, Adsl e banda larga: come scegliere?

Il mondo di internet negli ultimi 20 anni ha subito delle modifiche importanti che hanno letteralmente rivoluzionato le possibilità di connessione. Anche il Governo ha fatto la sua parte approvando il Piano Strategico per la banda ultralarga con l’intento di ottemperare agli obiettivi fissati dall’Agenda Europea 2020 in tema di miglioramento ed estensione delle infrastrutture di connettività veloce in fibra ottica. Le vecchie connessioni con il modem hanno lasciato progressivamente il passo alle nuove tecnologie come la banda larga Adsl e la Fibra Ottica, con il risultato che il consumatore può fruire di servizi dalle alte prestazioni dal punto di vista della velocità a costi sostenibili. Ma qual è la differenza tra fibra ottica e ADSL a banda larga?

Cos'è la banda larga

Anzitutto occorre chiarire di che cosa stiamo parlando. Con il termine “banda larga” si intende la trasmissione e la ricezione di dati su una banda più ampia rispetto alle vecchie connessione analogiche. Con banda larga si intende quindi la trasmissione e la ricezione di dati informativi a una velocità superiore a 144 kb/s. Viceversa si parla di banda “ultra larga” quando la velocità di connessione effettiva in download raggiunge almeno i 30 mb/s e quando la velocità di connessione raggiunge o supera il Gb/s. La differenza tra fibra ottica e ADSL a banda larga in termini di prestazioni è quindi abbastanza palese.  La fibra ottica quindi consente di trasportare più dati rispetto alla banda larga Adsl in quanto rende la velocità di connessione indipendente dalla distanza tra centrale e abitazione. Utilizzare la fibra ottica mette anche al sicuro dal possibile degrado del doppino in rame e dalle altre variabili che possono influenzare negativamente la velocità di una Adsl.

Che differenza c è tra adsl e fibra ottica? La connessione Adsl si basa sull’utilizzo della linea telefonica che potrà essere attivata utilizzando un semplice doppino telefonico. Per la Fibra invece bisognerà come primo passo verificare che la propria zona di residenza dove si vuole attivare la connessione sia cablata. E’ possibile utilizzare strumenti gratuiti presenti su internet per verificare la copertura della fibra ottica così da capire lo stato della rete (banda larga o ultra larga) nel territorio del proprio comune di residenza. In zone non coperte né da Adsl che da fibra spesso l’unica opportunità per il consumatore è quello di rivolgersi a connessioni radio satellitari che però hanno di solito dei costi decisamente più elevati. La differenza tra fibra ottica e ADSL a banda larga prevede che la fibra garantisca una stabilità di connessione maggiore e una velocità maggiore in fase di upload e download. Bisognerà quindi scegliere tra Adsl e fibra ottica sia sulla base delle proprie specifiche necessità di connettività, sia in base alla copertura geografica offerta dagli operatori.

I vantaggi dell'Adsl

La differenza tra fibra ottica e ADSL a banda larga non finisce di certo qui però. Tra i vantaggi dell’Adsl invece dobbiamo citare si una copertura maggiore (anche se la copertura della banda ultra larga migliora di anno in anno), sia la possibilità di poter fruire di una connessione a internet senza dover installare nuove infrastrutture di telecomunicazione. Non solo, l’Adsl è anche definita come una connessione asimmetrica in quanto è caratterizzata da velocità differenti in upload e download. Dal momento che al flusso di download corrisponde anche una banda di trasmissione maggiore rispetto all’upload, l’Adsl risulta particolarmente adatta all’utilizzo residenziale dove le operazioni più comuni sono il download di dati e contenuti dalla rete. Viceversa quelli che vogliono dedicarsi ai videogiochi online o vogliono un funzionamento efficace dei servizi di fonia e della condivisione di file possono ottenere prestazioni decisamente maggiori con la fibra. L’Adsl è comunque una linea dedicata, ovvero una linea che funziona senza compromettere in alcun modo il corretto funzionamento della linea telefonica. Proprio come con la fibra inoltre, per la linea Adsl non è prevista una tariffazione a tempo bensì il pagamento di un canone fisso che permette di navigare su internet senza preoccuparsi del tempo passato online.

La velocità delle linee Adsl può inoltre cambiare da un operatore all’altro e sulla base delle tariffe scelte, per non parlare dei rallentamenti sempre possibili causati dall’intasamento del traffico di rete, dal browser, dalle interferenze climatiche, dalla distanza dalla centrale telefonica e dalla qualità dei cavi dati utilizzati. La differenza tra fibra ottica e ADSL a banda larga in questo senso è quindi abbastanza netta. Chi è stanco di tutto questo e vuole prestazioni maggiori, dopo aver verificato la copertura, può rivolgersi alla fibra ottica che garantisce un ottimo trasporto di dati, un’alta velocità di trasmissione a grandi distanze, la possibilità di non essere influenzata da fattori esterni e una maggiore sicurezza per quanto riguarda la privacy e le possibili intrusioni di malintenzionati. Insomma, una volta compresa che differenza c’è tra adsl e fibra ottica e chiariti i concetti di adsl e banda larga, non resta che optare per la soluzione migliore per le proprie necessità.

Scegliere su quale tipologia di connessione orientarsi, Adsl o fibra, dipende quindi in primis dal budget a disposizione (la fibra costa di più), dal luogo fisico in cui ci si trova (verificare la copertura) e anche dalle necessità di prestazioni di connessione richieste. Chi volesse massimizzare il risparmio potrebbe consultare in qualsiasi momento il comparatore di tariffe Adsl di Chetariffa.it per trovare le più covenienti del momento e cominciare così sin da subito a risparmiare! 

Arianna Bessone

Arianna Bessone