Impianto elettrico casa: com'è fatto e funzionamento

Impianto elettrico casa: com'è fatto e funzionamento

L’impianto elettrico casa rappresenta una parte tecnica importante negli ambienti domestici ed è importante per determinarne anche il comfort e la vivibilità, dal momento che tutti noi siamo abituati a vivere dove c’è un impianto elettrico, e se così non fosse bisogna ovviamente risolvere il problema, così come qualora si presentassero delle problematiche relative al buon funzionamento dello stesso. Un buon impianto elettrico casa, nonostante possa essere ritenuto complesso e articolato, e da alcuni anche a rischio di pericolo, è in realtà molto sicuro se realizzato in modo corretto e tenendo conto di tutti gli aspetti relativi alla sicurezza. Le norme che stabiliscono l’aspetto sia della costruzione sia dell’installazione, così da comprendere come è fatto un impianto elettrico e come funziona impianto elettrico casa, sono rigide e molto attente per quanto riguarda l’aspetto della sicurezza, con il consiglio di rivolgersi solo a tecnici esperti e competenti e di rinunciare al desiderio di realizzare in autonomia l’impianto elettrico casa, dal momento che sarebbe difficile riuscire a rispettare tutti gli aspetti relativi alla sicurezza. Sapere come è fatto un impianto elettrico è importante, ma il funzionamento impianto elettrico deve essere abilitato, così come la sua messa in posa deve essere fatta, solo da imprese iscritte alla Camera di Commercio, e anche ogni modifica deve essere fatta da personale abilitato.

Una volta che verranno eseguiti tutti i lavori sarà il tecnico che lavora presso la ditta che si è occupata dello svolgimento della realizzazione dell’impianto elettrico casa deve rilasciare la Dichiarazione di conformità del lavoro svolto, e solo in tal modo si potrà certificare che l’impianto è a norma. Un elemento molto importante dell’impianto elettrico casa è l’interruttore magnetotermico, un dispositivo di protezione che consente di rimuovere automaticamente la tensione dall’impianto elettrico casa nel momento in cui rileva una corrente più alta rispetto a quella nominale, per un periodo di tempo tale da far sì che venga rilevato un eccessivo riscaldamento dei conduttori, ed è molto importante conoscere le singole componenti e sapere oltre a come è fatto un impianto elettrico, anche come avviene il funzionamento impianto elettrico, al fine di poter utilizzare bene l’impianto e di scegliere quello che più potrebbe rispondere a quelle che sono le proprie esigenze e quelle della propria casa.

Ho capito come funziona impianto elettrico casa, cos’altro devo sapere?

Nei nuovi impianti elettrici delle abitazioni la potenza contrattuale impegnata che viene erogata ai privati da parte dei fornitori viene diversificata sulla base della superficie della casa, solitamente la potenza erogata è pari a 3 kW, come valore minimo per le case che hanno una superficie massima di 75 mq, mentre può andar a 6 kW per le case che hanno una superficie oltre i 75 mq. Può accadere che magari gli utenti delle singole case non utilizzino completamente tali potenze, ma è opportuno che il sistema sia previsto per supportarle in caso di bisogno, ma ovviamente anche qualora la potenza fosse fissata a 3 kW ma si presentasse la necessità di aumentare la potenza, basterà chiamare il proprio gestore e chiedere n aumento della potenza. Gli impianti esistenti, anche se in case di dimensioni medie sono dimensionati per 3 kW di potenza, hanno comunque la possibilità di essere aumentati a 4,5 kW o a 6 kW, nel caso in cui si presentasse l’esigenza di avere a disposizione una quantità maggiore di energia. Nel caso in cui ciò si verificasse, ovvero il bisogno di disporre di più energia, occorrerà che tu proceda a effettuare la richiesta direttamente al tuo fornitore, spiegandogli le tue necessità, e insieme troverete la soluzione che più potrà rispondere alle tue esigenze. Nonostante ci sia l’obbligo di dimensionamento, per quanto riguarda la scelta contrattuale relativamente alla potenza questa è libera e dipende da quelli che sono i bisogni del cliente. Solitamente gli impianti sono sovradimensionati, ma basta contattare il proprio gestore per trovare una soluzione sulla base di quelle che sonno le proprie esigenze e necessità, e commercialmente c’è la possibilità di scegliere tra differenti livelli di potenza. Se ti stai interrogando in merito agli scaglioni dell’impianto elettrico casa, questi procedono a scatti di 0,5 kW, quindi si potrà aumentare di 0,5 kW o più a seconda di quelle che sono le proprie necessità fino a valori di 6 kW, mentre per valori superiori solitamente viene attivata la trifase.

L’impianto elettrico casa è uno degli elementi più importanti e delicati, al quale deve essere prestata la maggiore attenzione possibile, dentro ogni abitazione o ufficio commerciale, e ovviamente deve essere a norma al fine di prevenire il rischio di incendi o di altre problematiche che si potrebbero verificare. Con la legge 46/90 è stato stabilito che unicamente i tecnici competenti e qualificati hanno la possibilità di progettare, installare e certificare gli impianti elettrici, e questo è moto importante saperlo, oltre al fatto che dal 1990 è inoltre obbligatoria la presenza di un interruttore differenziale di sicurezza, conosciuto come salvavita, al quale va abbinato un interruttore magnetotermico.

Arianna Bessone

Arianna Bessone