Cos'è la bolletta 2.0 e da quali componenti è formata

In Internet e telefonia
bolletta 2.0

Mai sentito parlare di bolletta 2.0? L’Autorità per l’energia e il gas ha deciso nel 2013 di venire incontro alle esigenze dei clienti dando inizio a un processo di semplificazione della bolletta degli italiani. Questo ha portato nel 2016 alla bolletta 2.0 la cui introduzione è una razionalizzazione e semplificazione delle informazioni contenute nelle fatture.

Questo processo della bolletta 2.0 ha coinvolto i clienti del mercato tutelato e del mercato libero. I benefici per i consumatori derivanti dalla bolletta 2.0 sono davvero moltissimi, si pensi ad esempio alla possibilità di capire quanto costano energia elettrica e gas. Nei prossimi paragrafi vedremo la bolletta 2.0 a chi si applica e cercheremo di spiegare quali sono i vantaggi collegati per il cliente.

Bolletta 2.0 cos'è?

La cosiddetta bolletta 2.0 è frutto di un lungo processo di consultazione che è terminato ormai a giugno 2015 ed è stato gestito dall’Arera, ex AEEG, ovvero l’Autorità per l’energia elettrica e il gas. L’obiettivo della bolletta 2.0 è sostanzialmente quella di semplificare e migliorare la lettura delle voci di spesa che compongono la fattura. All’interno del modello della bolletta 2.0 è presente un’interfaccia grafica molto semplice e con diagrammi e colori. La bolletta 2.0 è sintetica e quindi in un solo foglio contiene tutti gli elementi importanti ben evidenziati. All’interno della bolletta 2.0 sintetica troviamo la spesa per la materia energia/gas naturale.

Abbiamo poi i vecchi servizi di vendita per acquisto di materia prima per gas e luce. Si divide in quota energia (prezzo energia PE) euro/kWh per luce e euro/Smc prezzo materia prima gas euro/quota fissa. Abbiamo anche la spesa per trasporto e gestione del contatore e la spesa per gli oneri di sistema. Troveremo anche i ricalcoli, se presenti, le imposte e l’IVA e il bonus sociale solo per i titolari. Con la bolletta 2.0 i fornitori usano una terminologia più semplice da comprendere ma il cliente potrà comunque richiedere al proprio fornitore gli elementi di dettaglio.

Bolletta 2.0 componenti: cosa sapere

Nella bolletta 2.0 l’Aera evidenzia il costo medio unitario che è un’informazione inclusa nella nuova bolletta per aumentarne la trasparenza. La voce di costo medio della bolletta 2.0 è invece quella relativa all’importo totale della bolletta e alla voce materia energia o gas naturale. Il costo medio bolletta 2.0 possiamo calcolarlo come il rapporto tra totale da pagare e consumi fatturati. In sostanza possiamo quindi dire che con la bolletta 2.0 sarà molto più semplice controllare i consumi e trovare i dati relativi alla fornitura.

Il costo medio unitario della bolletta 2.0 si calcola come il rapporto tra quanto dovuto, ovvero l’importo totale in bolletta, e i kWh fatturati per la luce o Smc per gas. Il valore non è un costo medio effettivo in quanto tiene conto di quote fisse e altri corrispettivi (oneri di sistema, tasse e ricalcoli).

Bolletta 2.0 digitale: tutte le info

La bolletta 2.0 è anche digitale. Tutti gli utenti con domiciliazione bancaria dei pagamenti su conto corrente o carta di credito riceveranno la bolletta direttamente in formato elettronico potendo anche godere di uno sconto che si aggiunge al risparmio di carta che si ottiene grazie alla bolletta digitale. I clienti meno abituati all’uso di internet potranno comunque senza problemi continuare a ricevere la bolletta 2.0 in formato cartaceo. L’Autorità ha anche previsto adeguati strumenti per informare e orientare i clienti riguardo il nuovo modello. Con la nuova delibera dell’8 giugno 2021, inoltre, l’Arera ha indetto dei primi interventi che dovranno apportare alcune modifiche alla bolletta 2.0.

Il cambiamento più importante riguarda l’indicazione del costo medio unitario che verrà soppressa. Con la precedente adozione della bolletta 2.0 era stata inserita una voce che riguardava il costo medio unitario della spesa complessiva e della spesa per materia prima. Questa voce era stata inserita con l’obiettivo di garantire ai clienti maggior comprensione delle offerte. Con la nuova delibera questa indicazione è stata eliminata nell’ottica di semplificare le informazioni che si trovano nella bolletta sintetica.

La bolletta 2.0 nuova prevede anche una miglior tutela del diritto del consumatore a ricevere la bolletta. La nuova delibera a questo riguardo ha stabilito che la nuova bolletta 2.0 non debba essere vincolata solamente a una forma di recapito digitalizzata per permettere così anche agli utenti meno tecnologici di continuare a ricevere la bolletta sintetica senza problemi.

Altra modifica inserita dalla bolletta 2.0 è quella che riguarda la sostituzione o soppressione di alcune voci della bolletta 2.0 allo scopo di adeguare i testi alla nuova disciplina della fatturazione elettronica. Le principali modifiche della bolletta 2.0 riguardano in particolare la terminologia e i contenuti utilizzati nella bolletta sintetica.

Potremo comunque anche richiedere al nostro fornitore la bolletta completa e non sintetica così da visionare gli elementi di dettaglio di ogni singolo componente. In caso di risposta ai reclami, invece, verrà sempre fornita la bolletta completa con le descrizioni di tutte le componenti.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag