Spostamento cavi Telecom per cappotto: la procedura

In Internet e telefonia
spostamento cavi Telecom per cappotto

Con i bonus erogati negli ultimi anni per la ristrutturazione e l’efficientamento energetico degli edifici, molti hanno preso l’importante decisione di munire la propria abitazione del cappotto termico. Con questa procedura, le ditte incaricate applicano pannelli di ultima generazione, fabbricati con materiali che favoriscono il mantenimento della temperatura interna ed evitano la dispersione di calore, cosa che consente di risparmiare moltissimo.

Prima di iniziare i lavori però è bene preoccuparsi di questioni come lo spostamento cavi Telecom per cappotto, in quanto, com’è noto, su edifici pubblici e privati sono presenti pali, centraline e cabine per il cablaggio della rete telefonica. Quando si sta organizzando una ristrutturazione integrale delle facciate di un palazzo, come nel caso dell’isolamento con cappotto termico, bisogna attivare l’operatore per permettere la rimozione dei fili in totale sicurezza.

È importante sapere che per spostare cavi Telecom per cappotto non è così facile agire in autonomia, ma vanno richiesti dei permessi appositi, per cui** le tempistiche possono essere anche piuttosto lunghe. **Giocare d’anticipo è pertanto fondamentale per non ritardare i lavori, a partire dall’invio del modulo spostamento cavi Telecom per cappotto.

In questo articolo vedremo in che modo tale procedura è attuabile, come contattare Telecom per spostare cavo per cappotto termico e i costi del servizio.

Spostamento cavi Telecom per cappotto: da dove iniziare

Trovandosi nella condizione di dover effettuare una ristrutturazione di casa per l’isolamento termico, molti cittadini si domandano in che modo è possibile spostare cavi Telecom per cappotto.

Spesso, infatti, tali strutture si trovano proprio a ridosso delle mura dei palazzi e, naturalmente, non possono essere rimosse con facilità, considerato che potrebbero insorgere dei danni collaterali, come il danneggiamento degli impianti della rete telefonica. In questa situazione, come si può intervenire?

Sebbene le tempistiche possano essere piuttosto lunghe, l’operatore mette a disposizione un servizio tecnico che si occupa dello spostamento cavi Telecom per cappotto. Chi ne ha necessità può inoltrare la richiesta, considerando tuttavia che l’intervento degli addetti non sarà immediato. Valutare opzioni alternative in questo senso è possibile, ma non consigliabile, a meno che non ci si rivolga a professionisti del settore, come degli architetti o la ditta di costruzione stessa.

Detto ciò, chi si adopera per svolgere i lavori di spostamento cavi Telecom per cappotto deve tenere a mente gli obblighi e i vincoli sulle modifiche attuabili, poiché** la rimozione dei fili non è ammessa, semmai una loro ricollocazione. **A livello legislativo la presenza di cablaggi e infrastrutture delle telecomunicazioni hanno il permesso di passare su immobili pubblici e privati, anche senza il consenso dei proprietari degli immobili.

Fare appello al gestore è la strada più giusta: ecco perché sono attivi dei canali di comunicazione appositi. Ne parliamo meglio tra poco.

Come contattare Telecom per spostare cavo per cappotto termico

Trovandosi nella situazione di dover attuare lo spostamento cavi Telecom per cappotto, è utile sapere che l’operatore ha attivato un servizio che se ne occupa e che provvede alla ricollocazione degli impianti al fine di consentire alla società di costruzioni di ultimare i lavori.

Per richiedere l’intervento di Telecom all’interno di una proprietà privata soggetta a modifiche strutturali per l’efficientamento energetico, i consumatori possono contattare l’ente al numero verde** 800.31.54.29. **Seguendo le indicazioni della voce guida si potrà avere il numero di fax al quale **va inoltrato il modulo spostamento cavi Telecom per cappotto. **Come va compilato il documento?

Innanzitutto, vanno inseriti i propri dati personali, con l’indicazione del luogo esatto in cui va effettuato il lavoro e la descrizione dell’impianto da movimentare. Un incaricato si occuperà della pratica, verificando la documentazione fornita e organizzando un sopralluogo, con cui valuterà le caratteristiche, la fattibilità e gli eventuali costi. A seconda dei casi, la spesa potrebbe essere addebitata a chi ha fatto richiesta. Molto spesso la risposta tarda ad arrivare, anche dopo diversi solleciti e lettere, ma si tratta di una procedura complessa e per la quale vanno considerati numerosi fattori. Il grosso vantaggio è, però, quello del costo: a quanto ammonta?

Spostamento cavi Telecom per cappotto: costi

Quando il gestore interviene per spostare dei cavi, previa richiesta via fax, le motivazioni possono essere diverse.
Nel caso in cui si intenda effettuare un’operazione di manutenzione, rifacimento o ristrutturazione, normalmente il proprietario di casa non deve farsi carico di alcun costo. Il gestore telefonico provvederà all’adeguamento delle infrastrutture in modo tale da consentire alla ditta di portare a termini i lavori.

Se, invece, l’istanza viene fatta per ragioni estetiche, e quindi, non con l’intento di mettere in sicurezza l’edificio né per attuare migliorie necessarie, la ricollocazione dei cavi va addebitata al richiedente. In caso di contestazioni, i consumatori possono rivolgersi al Tar o al Giudice di Pace.

Fatto salvo per condizioni particolari riportare nell’atto costitutivo dell’immobile, relativamente alla servitù e agli obblighi che gravano sul terreno, chi intende ottenere lo spostamento cavi Telecom per cappotto può beneficiare di un servizio conveniente, fornito dal gestore stesso, sebbene le tempistiche siano piuttosto lunghe.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag