L'interruttore wireless è più conveniente di quelli tradizionali?

L'interruttore wireless è più conveniente di quelli tradizionali?

Abbiamo sentito parlare nella nostra vita sicuramente di molte tipologie di interruttori, come quelli classici, gli interruttori differenziali puri, ma forse non abbiamo mi sentito dell'interruttore wireless, ma non ti preoccupare, in quanto siamo qui per spiegarti cos’è e come funziona, e fornirti gli strumenti adeguati per consentirti di capire nel dettaglio come funziona questo speciale interruttore domotica, realizzato per consentire alle abitazioni di diventare smart e aumentare il livello di confort che si può percepire e di cui si può beneficiare a casa. Per andare nel concreto per capire come funziona l’interruttore wireless, conosciuto anche con il termine di interruttore wifi, possiamo dire che essi siano degli speciali dispositivi che consentono di aprire o chiudere un apposito circuito elettrico anche da remoto, ovvero qualora ci si trovasse lontani da casa e si volesse azionare la luce in casa o spegnerla. Ci sono sul mercato numerose soluzioni di interruttori definiti intelligenti, che svolgono tali funzioni, ed è possibile collegarli in diversi punti della propria abitazione, in modo da poter avere un controllo completo. Come i comuni interruttori da sempre presenti in tutte le case come nella nostra, tali interruttori hanno quale compito e funzione quella di accendere e spegnere la luce, e fin qui nulla di particolare, ma la peculiarità è rappresentata dal fatto che tale interruttore wifi è quella di consentire la programmazione in merito all’accensione e allo spegnimento di differenti dispositivi presenti nella casa sulla base di numerosi parametri che possono essere analizzati anche a distanza, quindi da remoto, come l’orario, il livello di illuminazione e l’umidità, giusto per citarne qualcuno. L’interruttore wireless può essere gestito con una speciale applicazione che può essere liberamente installata sul proprio cellulare senza difficoltà e, da quando hanno fatto la loro comparsa sul mercato la loro efficacia, la semplicità di utilizzo e il loro costo accessibile li ha portati a diventare tra i dispositivi maggiormente richiesti da installare negli appartamenti di moltissime persone, le quali vogliono beneficiare dei grandi vantaggi di tali dispositivi. In fondo, se ci pensiamo, tu non avresti mai desiderato rientrare in casa e trovare già le luci accese, il termosifone acceso, la musica accesa (magari qualora volessi fare una sorpresa al/alla tuo/a partner, sarebbe bellissimo che ci sia la musica in funzione quando entrate in casa!)? Con il moderno e funzionale interruttore wireless questo è possibile, e come abbiamo visto basta davvero poco per poterlo mettere in funzione, una semplice applicazione sul proprio cellulare consentirà di accedere a interessanti vantaggi che potrebbero rispondere esattamente a quello che stai cercando. Consideriamo inoltre che avere la possibilità di comandare da remoto, quindi senza trovarsi fisicamente in casa, di accendere e spegnere dei dispositivi, dalla luce al riscaldamento elettrico, dalla musica ad altri apparecchi, oltre a essere interessante e pratico, consente anche di ridurre i consumi, in quanto se si sa che si rientrerà in casa a una determinata ora basterà accedere da remoto al proprio interruttore wifi e decidere di mettere in funzione ciò che si desidera, evitando di doverlo programmare la mattina prima di uscire quando magari si è stanchi e si rischia di dimenticarsene, è molto vantaggioso.

Cosa serve per mettere in funzione l’interruttore wireless?

Per far sì che gli interruttori wifi o wireless possano entrare in funzione è indispensabile ceci sia una connessione Internet wifi, e ovviamente in base alle proprie esigenze è possibile stabilire qual è il livello di automazione che si desidera ottenere. Mentre fino ad alcuni anni fa l’installazione di un impianto completamente o parzialmente domotizzato necessitava di un importante lavoro di manutenzione e opera elettrica, con la sostituzione dei cavi elettrici da parte di tecnici competenti, al giorno d’oggi si possono collegare i dispositivi all’impianto senza dover fare lavori importanti, in quanto sarà sufficiente sostituire i punti luce con i nuovi interruttori di tipo wireless mediante un dispositivo di tipo touchscreen (o di altra tipologia, a seconda del modello di interruttore i è scelto e dei dispositivi connessi alla gestione della sua funzionalità). In base alla tipologia di interruttore domotica scelto e al livello di automazione che si desidera raggiungere è possibile installare gli appositi interruttori al fine di poter controllare e, se desideri, anche programmare l’accensione e lo spegnimento delle luci in casa, oltre alla loro intensità se disponi di un apposito dimmer e i colori per l’illuminazione, oltre a poter controllare la funzionalità degli elettrodomestici, del condizionatore e del riscaldamento, l’abbassamento innalzamento delle tapparelle, l’apertura e la chiusura dei cancelli motorizzati, il sistema di irrigazione per bagnare il prato e i contenuti audio e video che desideri. Una cosa che va valutata con attenzione è che tali interruttori, come l’’interruttore domotica che si sceglie di utilizzare, siano compatibili con le terze parti, ad esempio con Alexa e Google Home, quindi il consiglio è quello di analizzare le caratteristiche dei singoli prodotti prima di procedere con il loro acquisto.

Arianna Bessone

Arianna Bessone