Lettura del contatore ACEA: come leggere il nuovo contatore

Lettura del contatore ACEA: come leggere il nuovo contatore

Sapere come fare la lettura contatore Acea è fondamentale per tenere sotto controllo i consumi e non rischiare di ritrovarsi a dover affrontare all’ultimo le complesse, lunghe e noiose operazioni di reclamo e contestazione per più bollette: imparare a conoscere come individuale i propri consumi, così da farsi un’idea di quanto potrebbe ammontare la bolletta, a seconda che si sia consumato molto o meno, è molto importante. Spesso però molte persone non fanno la lettura contattore Acea, i quanto non sanno come farla, si bloccano e decidono che è meglio non pensarci e lasciano che sia la compagnia a occuparsi di tutto. Premettendo che Acea è una compagnia assolutamente seria e competente e tutto quello che evidenzierà sulla bolletta per quanto riguarda i consumi sarà reale, è altresì importante sapere come riconoscere quelli che sono i propri consumi, in modo da poter visionare la bolletta in modo critico e obiettivo e, qualora ci si accorgesse che c’è qualcosa che non torna rispetto ai propri calcoli, si potrà richiedere una analisi più approfondita direttamente ad Acea. Capire come funziona con Acea lettura contatore elettronico è semplice, così come il contatore tradizionale, con il vantaggio per il primo che tutte le informazioni a cui si vuole accedere sono riportate sul display, quindi sono di più facile analisi e lettura e, inoltre, se si dispone di un contatore Acea lettura consumo di tipo elettronico è anche possibile leggere le informazioni che si desiderano anche da remoto, quindi comodamente anche dal proprio smartphone ovunque ci si trovi. Fare la autolettura Acea con il contatore di tipo elettronico consentirà di leggere pertanto i consumi senza che ci sia più la necessità di prendere appuntamento con un tecnico che venga a casa e, qualora appunto si disponga di un contatore elettronico la Autorità in materia ha definito che la lettura del contatore dovrebbe venire effettuata almeno una volta al mese nel caso in cui la potenza disponibile fosse inferiore a quello che viene definito come uno dei massimali, ovvero 16,5 kW: può capitare anche che, nonostante si abbia il contatore elettronico, la lettura contatore Acea non venga effettuata per dimenticanza o per altri motivi, ma questo non dovrebbe accadere. Sapere come accedere alla analisi del contatore è importantissimo al fine di poter verificare che la propria bolletta che si riceve sia precisa e rispetti realmente quelli che sono stati i propri consumi. Nel caso in cui si abbia o il contattore elettronico, nel quale la lettura può essere effettuata anche a distanza dal distributore, oppure qualora si abbia un contattore tradizionale e quindi debba venire un tecnico a casa per verificare a quanto ammontano i propri consumi, la lettura del contatore è importante specificarlo che viene fatta dal proprio distributore locale e non dal proprio gestore di energia e gas. Nel momento in cui si effettua il cambio gestore è importante specificare come il distributore non cambi bensì rimanga sempre lo stesso, ma vari invece il fornitore he eroga la luce e il gas e dal quale si riceverà poi la bolletta.

Chi può fare la lettura contatore Acea e come avviene l’autolettura Acea?

Con Acea tutti coloro che hanno un contratto di fornitura attivo possono fare per il contatore Acea lettura consumo una analisi dettagliata e comunicare successivamente le informazioni al proprio distributore, sia qualora si avesse un contratto attivo sul Mercato Libero oppure si fosse sotto il regime di Maggiore Tutela. Ovviamente la procedura è differenze a seconda che tu abbia un contatore di tipo elettronico oppure se disponi di un contatore tradizionale, il quale è con il classico modello che presenta la rotellina che gira per il conteggio dei consumi. Se si vuole procedere con Acea lettura contatore elettronico, bisogna sapere che il contatore ha un apposito display e sotto di esso si può vedere un pulsante grigio che occorre premere fino a che compaiano in successione tutte le informazioni relative alla fornitura e ai consumi registrati. I principali dati che si possono visionare facendo la lettura contatore Acea sono la data e l’ora correnti, il numero della matricola del contatore, il numero utente che identifica l’utenza ed è molto importante da avere così da comunicarlo in caso di problematiche al proprio gestore e distributore, la potenza disponibile, l’energia attiva, l’energia che viene ceduta alla rete per la eventuale produzione di energia, l’energia attiva e reattiva e la potenza attuale di cui si dispone. E’ importante sapere come il contatore elettronico possa essere di due tipi: quello monorario e quello gestito per fasce nel caso in cui si abbia una fornitura per la luce bioraria. In quest’ultimo caso quello che dovrai fare sarà di comunicare ad Acea 5 numeri di cui dovrai prendere nota, escludendo gli zeri iniziali e i numeri che seguono la virgola, e le voci da comunicare per la lettura contatore Acea sono A+, A1+ , A2+, A3+ e A4+ e, nel caso in cui  le informazioni relative a A+ 1, 2 e 3 risultassero a zero no occorre comunicare solo il numero di A+.

Arianna Bessone

Arianna Bessone