Areti reclami: dove trovare il modulo e i contatti

In Luce e gas

Se sentiamo nominare Areti SpA allora si fa riferimento al distributore locale di energia elettrica a Roma, Formello e nella Regione Lazio. In passato Areti era noto come Acea distribuzione ma le cose sono cambiate a causa delle politiche di unbundling volute da ARERA e la società ha dovuto cambiare nome per differenziarsi così dalla società di fornitura Acea Energia. ARERA ha adottato queste politiche per rimuovere ogni rischio di confusione e ha stabilito che distributore e venditori integrati in uno stesso gruppo societario non potranno più utilizzare lo stesso marchio e dovranno separare le politiche di comunicazione utilizzando spazi ben distinti. Areti SpA è oggi la società che si occupa della distribuzione dell’energia elettrica a Roma e nei diversi municipi. Non solo, Areti deve anche prendersi carico dei lavori necessari sulle reti elettriche, della lettura dei contatori e della loro gestione. In sostanza dunque Areti è il proprietario dei contatori e si occupa della loro installazione. Con Areti reclami per disservizi o altri problemi, come vedremo, sono di facile invio da parte dell’utente.

Areti reclami contatti

Inviare ad Areti reclami per eventuali disservizi è piuttosto facile. Si può accedere in qualsiasi momento nell’area riservata così da monitorare le proprie forniture, inviare richieste, segnalazioni e, per l’appunto, reclami. In caso di problemi al contatore per fare ad Areti reclami di qualsiasi tipo si rimanda dunque al Numero Verde 800 130 336, sempre gratuito quando lo si chiama da linea fissa, e attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. In questo caso si dovrà comunicare il codice POD presente in bolletta. Areti SpA potrà essere contattato anche mediante posta ordinaria, posta elettronica o PEC. Dopo aver formalizzato il reclamo all’operatore con la chiamata al Numero Verde si consiglia di procedere con un reclamo scritto. I reclami Areti scritti andranno inviati ad Areti SpA, Ufficio Reclami, Piazzale Ostiense, 2 – 00154 Roma oppure per posta elettronica a reclami@areti.it o Pec, areti@pec.areti.it. Inoltre dal sito web del distributore sarà possibile scaricare Areti modulo reclamo che dovrà essere compilato nel dettaglio e poi inoltrato al distributore secondo le modalità che abbiamo appena elencato.

Areti: le altre operazioni

Fin qui abbiamo parlato di come inoltrare ad Areti reclami per problemi e disservizi. Per le operazioni che sono legate al trasloco invece dovremo contattare non il distributore, quindi Areti, bensì il fornitore energetico. Mentre il distributore è il proprietario dei contatori infatti, il fornitore è quello con cui noi attiviamo il contratto luce o gas e a cui paghiamo le bollette. Per quanto riguarda la voltura si avrà bisogno non solo dei propri dati, ma anche di quelli dei precedenti intestatari. Per tutte pratiche come subentro, allaccio o prima attivazione serviranno dati come codice clienti, dati personali, codice POD o PDR, indirizzo, potenza contatore e IBAN per domiciliazione bancaria. Si consiglia di muoversi con la massima celerità per quanto riguarda operazioni come il cambio utenze per evitare di andare incontro a possibili problemi. In alcuni casi infatti tali operazioni potrebbero richiedere tempi lunghi.

Contatore Areti ed autoletture

Abbiamo visto come con Areti reclami per disservizi o problemi siano facilmente inoltrabili semplicemente compilando e inviando un modulo dedicato. Molti problemi potrebbero essere derivanti da importi in fattura considerati troppo alti. Il modo migliore per evitare l’invio di bollette di conguaglio che allineano i consumi stimati a quelli reali è quello di inviare l’autolettura. I contatori Areti sono tutti abilitati all’autolettura e permettono così di tenere sotto controllo i consumi in bolletta. Qualora il contatore elettronico fosse già attivato allora la lettura dello stesso dovrà essere eseguita almeno una volta al mese per gli utenti domestici. A fare la lettura del contatore ci pensa il distributore locale, Areti, e non dal fornitore, gruppo Acea. In caso di eventuale cambio fornitore luce/gas il distributore resterà sempre lo stesso, Areti, ma dovrà inviare al nuovo fornitore i dati dei consumi. Con Areti reclami e problemi sono possibili ma il distributore cerca di venire incontro come possibile alle esigenze dei clienti. Areti permette di inviare l’autolettura dei suoi contatori in modo completamente gratuito. Per farlo si dovrà premere più volte il bottone del contatore per visualizzare i dati dei consumi, la potenza disponibile, l’energia attiva, l’energia ceduta alla rete, l’energia reattiva e l’energia attiva. Inviare ad Areti l’autolettura periodicamente permette di avere una bolletta specchio dei propri consumi reali e impedire la ricezione di bollette di conguaglio energetico, da sempre molto temute da parte dei clienti. Infine ci teniamo anche a ricordare che il contatore elettronico Areti permette di inviare l’autolettura sulla base delle tre diverse fasce orarie esistenti e di ricevere informazioni utili sul consumo di energia elettrica. Inviare ad Areti reclami per disservizi è facile ma si potrebbe anche valutare il cambio di contatore luce richiedendo la sostituzione di un contatore vecchio con un contatore elettronico.

In conclusione ricordiamo che fornitore e distributore non sono la stessa cosa e che Areti è un distributore che si occupa quindi di segnalazione guasti, contatori e realizzazione di infrastrutture.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag