Bonus sociale Enel: risparmio e modulo

In Luce e gas
Bonus sociale Enel

Il bonus sociale Enel è in realtà uno sconto sulla bolletta che è stato stabilito dal governo. A renderlo operativo ci ha pensato l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente con la finalità di assicurare un risparmio sulla spesa dell’energia alle famiglie che si trovano in una condizione reale di disagio economico e fisico. Parlando di bonus sociale Enel dobbiamo anche chiarire che esistono ben due diverse tipologie di bonus sociale: quello per disagio economico e quello per disagio fisico. I diversi rincari delle bollette luce e gas nel 2022 hanno peggiorato una situazione già parecchio difficile sia per clienti privati che per aziende. Con la** Legge di Bilancio 2022** il governo ha stanziato un fondo di risorse economiche che sono destinate a contenere gli aumenti delle bollette luce e gas. In questo per bonus sociale intendiamo una riduzione delle spese sulle bollette luce e gas.

Enel Energia bonus sociale: cosa sapere

Dal 2021 coloro che avevano diritto al bonus per il disagio economico luce e gas si vedevano riconoscere tale bonus direttamente in bolletta. Questo significa che non devono presentare una specifica domanda al Comune o all’ente designato in quanto sarebbe sufficiente presentare ogni anno solo la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) tramite Comune, CAF e sito INPS. Quelli che invece vogliono avere il bonus sociale Enel per disagio fisico dovranno farne richiesta presso i CAF abilitati o i Comuni di residenza.

Per i primi tre mesi del 2022 per il bonus fisico o di disagio economico l’Autorità ha introdotto un bonus integrativo che si potrà sommare a quello ordinario, rimasto invariato dopo il 2021. In questo senso possiamo dire con certezza che il bonus integrativo è stato confermato dall’ARERA anche per il secondo trimestre del 2022. Attenzione però perché in caso di disattivazione della fornitura/voltura prima del termine di agevolazione di 12 mesi, la quota residua del bonus verrà riconosciuta nella fattura di chiusura.

Bonus sociale Enel quanto si risparmia e a chi spetta

Ma chi sono le categorie di persone a cui spetta il bonus sociale Enel per disagio economico? Innanzitutto ricordiamo ancora una volta che il bonus sociale viene erogato dal governo. Per aver diritto al bonus sarà essenziale appartenere a un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore ai 12.000 euro, avere un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro, oppure avere un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza.

Questo bonus sociale viene erogato ai clienti che hanno aderito a un’offerta sul mercato libero dell’energia e a quelli in maggior tutela. Inoltre il bonus sociale Enel verrà riconosciuto anche a seguito di un cambio di fornitore. Il bonus sociale Enel per energia elettrica consente alle famiglie condizioni di disagio economico e alle famiglie numerose un risparmio di circa il 20% della spesa annua presunta.

Bonus sociale Enel: come ottenerlo

A partire dal 1° gennaio 2021, sulla base del decreto legge 26 ottobre 2019 n.124, coloro che hanno diritto al bonus luce/gas per disagio economico non possono più presentare una domanda presso Comuni o CAF. Dovranno infatti semplicemente presentare ogni anno solamente la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) mediante Comune, CAF o INPS e poi ottenere l’attestazione ISEE.

Questa Dichiarazione Sostitutiva Unica permetterà anche di accedere automaticamente al bonus sociale per disagio economico. E’ anche importante tenere ben presente che ogni famiglia avrà diritto, per l’anno di competenza, a solo un bonus per ogni tipologia. Se parliamo di bonus sociale Enel modulo dobbiamo quindi considerare che non sarà Enel a erogarlo e quindi dovremo consegnare la documentazione richiesta secondo le modalità indicate.

Bonus sociale Enel per disagio fisico

Il bonus sociale per disagio fisico è invece una agevolazione riconosciuta in caso di gravi condizioni di salute per l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali che comportano un enorme uso di energia elettrica. Questa agevolazione non è legata all’ISEE e il suo ammontare dipende dal consumo annuo dei macchinari salvavita. I diversi beneficiari dovranno continuare a farne richiesta presso i Comuni di residenza.

Per sapere quale sia l’elenco aggiornato delle apparecchiature elettromedicali che danno accesso al bonus sociale per disagio fisico occorre guardare il Decreto del Ministero della Salute. Un bonus comunque non esclude l’altro e il bonus sociale per disagio fisico si può cumulare con quello per disagio economico nel caso dovessero esserci i requisiti. In ogni caso il bonus integrativo è stato confermato anche per il secondo trimestre del 2022. Per avere accesso al bonus il cliente dovrà presentare un certificato ASL che attesti la grave condizione di salute e l’apposito modulo compilato in ogni sua parte.

Si dovrà anche presentare il codice POD e il dato relativo alla potenza impegnata nella fornitura. Per la richiesta del bonus non sarà possibile utilizzare altre forme di certificazione come i certificati di invalidità civile. L’importo del bonus sociale Enel per disagio fisico viene scontato direttamente nelle diverse bollette che corrispondono ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag