Come leggere un conguaglio Eni Gas e Luce

In Luce e gas
conguaglio Eni Gas e Luce

La bolletta di conguaglio Eni Gas e Luce, così come quella di altri fornitori, non è certo vista di buon occhio da parte degli utenti. Il conguaglio comunque altro non è che un modo di allineare i consumi stimati ai consumi reali e si potrà evitare semplicemente facendo l’autolettura, ovvero comunicando a Eni quelli che sono i dati sul contatore dei propri consumi gas effettivi. In sostanza la bolletta conguaglio Eni gas è una bolletta che arriva ai clienti solo una volta l’anno e include tutti i consumi che non sono stati fatturati nelle bollette precedenti.

Se si riceve una bolletta conguaglio Eni luce o gas verrebbe quasi spontaneo pensare a un possibile errore in quanto si noteranno subito degli importi decisamente più alti rispetto al normale. Sarà importante comunque sempre verificare che si tratti davvero di un conguaglio Eni gas e luce e non di un errore di fatturazione, cosa sempre possibile. In questo caso i clienti dovranno contattare l’assistenza clienti del fornitore (800 900 700) e chiedere una verifica o delle spiegazioni riguardo la bolletta.

Bolletta Eni gas conguaglio e autolettura

L’unico modo che abbiamo per evitare di ricevere le bollette Eni gas conguaglio è quello di comunicare periodicamente l’autolettura luce o gas al proprio fornitore nella finestra temporale da lui indicata. Oggi quasi tutti i contatori luce sono elettronici e quindi consentono al fornitore la telelettura dei consumi segnati. Comunicando le autoletture gas e luce si potranno avere dati di consumo sempre aggiornati così da ricevere bollette con consumi quanto più possibile reali e non stimati e conseguire un importante risparmio in bolletta.

L’addebito dei consumi stimati si basa su dati storici che sono in archivio e avviene quindi per una stima. Non eseguire l’autolettura del contatore significa quindi vedersi recapitare a casa bollette che sono spesso basate su consumi stimati che sono inferiori rispetto a quelli reali. Da qui il rischio di ricevere ogni anno una bolletta di maxi-conguaglio Eni gas e luce estremamente alta.

La bolletta di conguaglio Eni gas e luce è una bolletta che include un importo dovuto per pareggiare i conti con il proprio fornitore ed è un modo del fornitore per far pagare i consumi di energia non fatturati per via di consumi stimati e non effettivi. Si consiglia dunque di fare periodicamente l’autolettura del contatore luce e gas e di inviarla al proprio fornitore nei periodi indicati in bolletta così da evitare la bolletta di maxi-conguaglio.

Conguaglio Eni gas e luce: perché si riceve una bolletta troppo alta

Quando si riceve una bolletta luce altissima o gas si dovrà mantenere la calma e controllare sempre ogni voce della bolletta e del contratto che è stato stipulato con il fornitore luce e gas. Sarà quindi importante anche sapere come leggere bolletta Eni conguaglio in quanto una bolletta gas troppo alta potrebbe essere dovuta semplicemente a un’offerta non adeguata al proprio profilo di consumo.
Ad esempio potrebbe essere il caso di chi ha attiva una tariffa monoraria mentre invece dovrebbe attivare un’offerta bioriaria in quanto consuma energia soprattutto la sera o nei weekend. Uno dei motivi che potrebbe spiegare una bolletta energetica troppo alta è anche il non aver mai inviato prima l’autolettura o il vivere in una casa con efficienza energetica troppo bassa. Se si ricevono bollette luce e gas troppo alte comunque sarà sempre possibile rateizzare la bolletta contattando il fornitore.

Conguaglio Eni gas e luce o errore di fatturazione?

Potrebbe capitare di ricevere una bolletta luce o gas molto alta. In questo caso bisognerà prima appurare che non si tratti di una bolletta di conguaglio Eni gas e luce. Una volta chiarito che non si tratta di una bolletta di conguaglio dovremo per forza contemplare l’errore di fatturazione.

Se parliamo di bollette 2.0 il conguaglio verrà indicato sotto la voce “ricaclcoli” e si avrà quando noteremo una differenza tra consumi stimati, fatturati ed effettivi. Purtroppo il rischio di errori è sempre dietro l’angolo anche nel caso di bollette di conguaglio, anche per questo qualora si ritenesse di aver ricevuto degli importi ingiustificati sarà essenziale richiedere una rettifica della bolletta.

La causa dell’importo eccessivo potrebbe essere un errore di fatturazione causato da una bolletta già pagata, consumi sbagliati oppure servizi non richiesti. Il consiglio è quindi quello di controllare nel dettaglio le proprie bollette così da individuare per tempo anomalie e poi contattare il fornitore con cui si è attivato il contratto per la rettifica.

Se ci si vede addebitare il maxi-conguaglio Eni gas e luce non si può comunque escludere che l’importo sia dovuto al fornitore. In caso di dubbi sarà bene fare analizzare la bolletta da una associazione di consumatori per comprendere se c’è qualcosa che non torna nei calcoli eseguiti.

Dopo aver accertato l’esistenza di un errore nella bolletta di conguaglio luce e gas dovremo inviare un reclamo scritto con raccomandata e non servirà quindi a nulla contattare il servizio clienti. Ricordiamo che il reclamo per un errore di conguaglio verrà considerato solamente se scritto e invitare un reclamo al fornitore è l’unico modo per ottenere una risposta entro 40 giorni dalla ricezione.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag