Come si calcola il costo medio bolletta luce

In Luce e gas

Sapere come calcolare il costo medio bolletta luce è importante per sapere come interpretare la propria fornitura e i consumi maturati. Per fare il calcolo costo medio bolletta luce si dovrà dividere il totale della bolletta con il totale dei consumi fatturati. In poche parole il costo medio bolletta luce altro non è che la divisione tra il totale della bolletta in euro (comprensiva di tutte le voci tra cui l’Iva) con il totale dei consumi fatturati, ovvero i consumi effettivi di un dato mese, bimestre o trimestre. I consumi fatturati sono espressi in kWh per l’energia elettrica o in Smc per il gas metano.

Bolletta della luce costo medio: cos’è e come si calcola

Il costo medio bolletta luce unitario, come viene definito dall’ARERA, esprime il rapporto tra quanto complessivamente dovuto al netto di quanto riportato nella voce kWh o Smc fatturati. Il consumo fatturato è la somma dei kWh o degli Smc che vengono addebitati al cliente in un arco di tempo che va da 1 fino a 4 mesi.

La somma indica il totale effettivo dell’energia consumata e, per ricavare il costo medio bolletta luce, bisognerà utilizzare questa somma da divisore con il totale della bolletta espressa in euro e comprensiva di tutte le voci che la compongono, ovvero: la spesa per la materia energia, la spesa per il trasporto e la gestione del contatore, la spesa per oneri di sistema e imposte e IVA.

Si consideri anche che l’elenco delle voci che compongono il totale della bolletta varia in base al tipo di fornitura e in base alla tipologia di contratto. Se prendiamo un cliente domestico residente ad esempio, la spesa per oneri di sistema verrà calcolata solo in base ai consumi e non in quota fissa. Nei prossimi paragrafi cercheremo di capire perché è così importante monitorare il costo medio bolletta luce unitario. Sapere il costo medio bolletta luce kwh consente anche di avere un dato da cui partire per scegliere delle offerte vantaggiose e più in linea con i propri bisogni.

Costo medio bolletta luce: perché è importante

Il costo medio bolletta luce è uno di quei valori che sono indispensabili da monitorare durante la lettura della bolletta e serve a conoscere la propria offerta commerciale così da avere degli elementi a disposizione per valutare un cambio gestore con un’offerta più vantaggiosa. Le singole voci che compongono la bolletta sono uguali per tutti i fornitori in quanto sono imposte dall’Autorità centrale per l’energia.

La voce della spesa per la materia energia cambia anche sulla base del prezzo sottoscritto con il proprio fornitore. Il calcolo del costo medio bolletta luce unitario indica la propria tariffa con l’insieme di tutte le voci della bolletta. Il calcolo del costo medio bolletta luce unitario fotografa il prezzo totale della propria offerta commerciale tenendo conto anche delle voci che contraddistinguono la bolletta di fornitura.

Le voci che si trovano in bolletta sono uguali e vengono stabilite e aggiornate periodicamente dall’ARERA. Attenzione però perché l’unico elemento che varia da fornitore a fornitore è il prezzo della componente energia luce e gas nonché il prezzo della tariffa che viene sottoscritta in fase contrattuale.

Costo medio bolletta luce: tutto quello che c’è da sapere

Il costo medio bolletta luce è se vogliamo il risultato che si ottiene facendo un rapporto tra spesa della materia energia e i kWh che sono effettivamente fatturati nella bolletta. E’ un elemento che ha fatto la sua comparsa solo recentemente nelle bollette della fornitura elettrica ed è un valore molto importante perché permette ai clienti di fare una rapida valutazione delle spese affrontate dal fornitore di energia elettrica.

Questo rapporto non dà indicazione del costo effettivo dei kW orari e questo perché, nel calcolo, non vengono mai esclusi gli importi base per il calcolo delle quote fisse. Si dovranno anche considerare gli eventuali scaglioni di consumo con i relativi corrispettivi differenziati che saranno indicati solo sulla base dell’energia consumata.

Costo medio bolletta luce: perché è indicato in bolletta

Ma come mai il costo medio bolletta luce unitario è stato inserito in bolletta? Con il costo medio unitario materia energia non si fa mai riferimento ai kWh ma solamente alla materia energia.

Con il concetto di costo unitario comunque ci dovrà essere necessariamente il riferimento ai kWh in quanto il costo unitario, moltiplicato per i kWh consumati, consente di ricostruire nel dettaglio l’importo della bolletta. In sostanza l’introduzione del costo medio bolletta luce unitario in bolletta dovrebbe aiutare gli utenti ad avere un quadro il più possibile preciso della propria spesa così da poterla gestire con maggiore cognizione di causa e consapevolezza.

Il costo medio unitario materia energia non dovrà essere confuso con il costo medio unitario della bolletta. Nel costo medio unitario materia energia sono infatti esclusi gli oneri, le accise e le tasse che, invece, fanno parte del conto della bolletta

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag