Come richiedere il risarcimento per i disservizi Enel

In Luce e gas

In caso di disservizi Enel è molto importante sapere chi chiamare per ottenere assistenza ed eventualmente avanzare una richiesta di risarcimento. Ottenere per disservizi Enel risarcimento in tempi certi è possibile, sarà però importante capire esattamente come richiederlo e in che modalità.

I disservizi Enel che possono portarci a richiedere un risarcimento sono svariati, si va dal ritardo di un allacciamento fino all’interruzione dell’energia elettrica o alla ricezione di bollette non dovute o poco chiare. Se oltre a questi disservizi Enel avesse anche causato un danno patrimoniale, ecco che i clienti potranno valutare una richiesta di risarcimento dei danni aggiuntivi.

Enel disservizi e risarcimenti: cosa fare

Se riteniamo di aver diritto a richiedere un risarcimento per disservizi Enel allora dovremo valutare diverse strade percorribili. Per prima cosa dobbiamo ricordare che la legge riconosce a chi è danneggiato da terzi il diritto di chiedere un risarcimento del danno. Secondo il codice del consumo però il cliente danneggiato dovrà provare il danno subito e dimostrare che non sia stato provocato da lui ma dal fornitore del servizio. In caso di disservizi Enel risarcimento e indennizzi possono assumere varie forme. Abbiamo ad esempio il risarcimento automatico, una modalità secondo la quale il cliente non dovrà rivolgersi a nessuno in quanto sarà direttamente Enel a procedere con il rimborso autonomamente.

E’ questo sicuramente il caso di addebiti non dovuti. Qualora quindi un cliente avesse dovuto pagare per errore cifre non dovute, Enel prevederà per queste situazioni specifiche degli indennizzi automatici che verranno accreditati a saldo. Il rimborso automatico avviene anche in situazioni come quelle di un blackout che viene causato da eventi eccezionali. In questi casi i clienti di Enel si vedranno arrivare un rimborso dall’Autorità per l’energia senza dover effettuare alcun reclamo a Enel.

Disservizi Enel risarcimento tramite reclamo

Oltre al rimborso automatico che abbiamo per una serie di disservizi Enel, come abbiamo visto nel paragrafo precedente, ci sono anche dei risarcimenti a cui si avrà diritto solo tramite reclamo. Il primo step per ottenere un risarcimento danno in tempi brevi è inviare una lettera di reclamo per disservizi Enel.

Tale lettera di reclamo dovrà essere scritta e inviata via fax o per raccomandata A/R oppure potrà essere compilata stampando il modello online che si trova sul sito ufficiale Enel. In caso di disservizi Enel dovremo quindi compilare un reclamo scritto contenente tutti i dati dell’intestatario della bolletta e una descrizione accurata del problema con tanto di richiesta di indennizzo economico. Attenzione perché in caso di lettera di reclamo il cliente dovrà anche allegare delle prove documentali di danni patrimoniali subiti. Con Enel disservizi e problemi dovranno essere segnalati con un reclamo che potrà essere presentato anche compilando l’apposito modulo che si trova sul sito web di Enel.

Una volta spedito il reclamo, Enel avrà 40 giorni per formalizzare una risposta. Se, una volta decorsi i 40 giorni, Enel non dovesse ancora rispondere alla richiesta di rimborso, allora sarà possibile rivolgersi allo Sportello per il consumatore di energia e ambiente. Qualora Enel continuasse a non rispondere o a non riconoscere il danno si consiglia di rivolgersi all’Autorità garante dell’Energia.

Enel disservizi Numero Verde

In caso di disservizi Enel il consiglio prima di inoltrare un reclamo e la richiesta di rimborso è quello di contattare un operatore chiamando il Numero Verde 800900860 dall’Italia. Si tratta di un servizio clienti disponibile dalle 7 alle 22 tutti i giorni dal lunedì alla domenica e completamente gratuito anche da cellulare. In alternativa si potrà anche andare fisicamente presso uno dei tanti Spazi Enel presenti nel territorio italiano.

Risarcimento danni Enel e tempistiche

Il modulo per disservizi Enel di risarcimento danni è compilabile direttamente sul sito di E-distribuzione. Si dovrà prima accedere all’area riservata e poi si potrà inoltrare direttamente il reclamo e la richiesta di rimborso. Sulla base del disservizio subito si avrà diritto a un rimborso che varierà sulla base di diversi fattori, tra cui dobbiamo per forza citare la potenza impegnata.

Il rimborso sarà di 30 euro per clienti con potenza impegnata non superiore a 6kW, di 150 euro per clienti con potenza tra 6kW e 100 kW. In caso di blackout e disagi per maltempo, come già detto, sarà l’Autorità a decidere su rimborsi accreditabili direttamente in bolletta. Per quanto riguarda le tempistiche dei risarcimenti per disservizi Enel questi possono cambiare anche in base al proprio comune di residenza, dal numero di abitati e dalla tipologia di clienti.

Ad esempio le tempistiche per il ripristino corrente che, se non rispettati, daranno diritto a rimborso, sono di 8 ore per clienti domestici a bassa tensione per comuni con più di 50.000 abitanti e di 12 ore per comuni che hanno meno di 50.000 abitanti. I tempi saranno poi di 4 ore per clienti in media tensione che vivono in comuni con più di 50.000 abitanti e di 6 ore per comuni con meno di 50.000 abitanti.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag