Cos'è il gnl e perché è importante

In Luce e gas
gnl

Il gnl è una soluzione energetica ideale per tutte le piccole, medie e grandi aziende nelle aree off-grid e che hanno un fabbisogno energetico elevato. Il motivo è che il gnl rappresenta una fonte efficiente, pulita e anche ad alto potere calorifico. Il gnl è una risorsa molto versatile che rappresenta una ottima opportunità che esula anche dall’ambito prettamente industriale e investe altri settori come l’autotrazione di trasporti marittimi. Nei prossimi paragrafi cercheremo di capire che cos’è esattamente il gnl gas e quali sono le sue applicazioni.

Il gnl è una miscela di idrocarburi costituita soprattutto da metano (90% circa) e poi altri componenti secondari quali etano, propano e butano. Il gnl si ottiene sottoponendo il gas naturale estratto dai giacimenti sotto superficie terrestre a un processo detto di liquefazione con una temperatura di -162°. Questa temperatura ridotta consente la riduzione del volume del gnl fino a 600 volte.

Gnl significato: cosa sapere

Il gnl gas appare sostanzialmente come un fluido incolore e inodore che ha una densità circa la metà di quella dell’acqua. Una volta compreso il gas gnl cos’è sappiamo che stiamo parlando di una fonte di energia pulita che rispetta l’ambiente e non ha alcun impatto sulla salute delle persone. Il gnl genera delle emissioni di anidride carbonica che sono inferiori rispetto alla maggior parte di combustibili fossili con livelli pressoché pari a zero di polveri sottili.

Il gnl non comporta rischi dal punto di vista della contaminazione del suolo e del sottosuolo e quindi non produce nemmeno rifiuti dannosi. Il gnl non è solamente una fonte energetica sostenibile ma è anche altamente performante.

Grazie alla sua densità infatti potrebbe essere trasportato e stoccato in modo molto efficiente. Non solo, il gnl ha anche un elevato potere calorifico, caratteristica questa che lo rende adatto anche per rispondere alle esigenze di realtà imprenditoriali e industriali che sono caratterizzate da significativo fabbisogno energetico.

Gnl significato e settori principali

Il gas gnl, gas naturale liquefatto, trova diversi campi di applicazione anche per quanto riguarda le utenze industriali e civili off-grid. Uno dei settori che è strettamente connesso con l’uso del gnl è sicuramente il traporto marittimo e quello stradale pesante.

Si tratta di settori che oggi, solo per fare un esempio, consumano qualcosa come circa 13.000 ktep pari a oltre il 10% dei consumi finali nel 2015. Si stima che il gas naturale potrebbe coprire questi settori anche in sostituzione di diversi prodotti petroliferi oggi utilizzati. Il trasporto del Gnl per lunghe distanze avviene mediante delle specifiche navi metaniere che portano il gas gnl fino ai terminali marittimi che si trovano sulla costa.

Anche per questo il gnl oggi rappresenta una fonte di energia molto importante per tutti quei luoghi di consumo che non sono ancora collegati dai gasdotti internazionali che trasportano il gas dai paesi produttori ai consumatori. Il gnl comunque potrebbe essere anche immesso nella rete nazionale di gas del paese consumatore se prima viene riportato alla sua condizione gassosa.

A far questo ci pensano i cosiddetti rigassificatori che, in Italia, sono tre (di cui due offshore). Nei rigassificatori il gnl viene riscaldato per poi riportarlo sotto forma di gas e immesso nella rete. In Europa ci sono diversi terminali gnl dove il gas liquido viene consegnato dopo essere stato trasportato dalle navi per poi essere iniettato nel sistema di trasporto e distribuzione fino alle diverse utenze.

Differenze tra gnl e gpl

Ma quali sono le differenze esistenti tra gas gnl e gpl? Sia il gnl che il gpl permettono agli utenti che non sono serviti, per diversi motivi, dalla rete di distribuzione metano, di avere comunque del gas a disposizione per i propri fabbisogni di energia. Gnl e gpl vengono trasportati fino al cliente finale mediante un insieme di autobotti e vengono poi stoccati in serbatoi prima del consumo. Sia gnl che gpl possono essere usati per il riscaldamento degli ambienti o per il processo industriale e la produzione di vapore.

Si consideri anche che il gpl viene distribuito anche in bombole di capienza inferiore quando i consumi risultano essere molto ridotti. Mentre il gnl è costituito specialmente da metano, il gpl è composto da butano e propano. Non solo, le differenze tra i due non finiscono di certo qui in quanto il gnl è liquido alla temperatura di -160° e il serbatoio preposto allo stoccaggio dovrà essere criogenico. Viceversa il gpl potrà essere immagazzinato a temperature molto maggiori anche in semplici bombole o serbatoi normali sprovvisti di sistema di refrigerazione.

Per tutti questi motivi il gnl viene adottato con consumi importanti e regolari di gas, il gpl invece per bassi e medi consumi come quelli domestici familiari. Insomma, il gnl è una fonte di energia pulita in quanto con la liquefazione vengono eliminate le sostanze inquinanti come anidride carbonica e idrogeno solforato. Le emissioni di anidride carbonica dalla combustione gnl saranno quindi inferiori rispetto a quelle dei combustibili fossili.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag