Schema e costi dell'impianto radiante a pavimento

In Luce e gas
impianto radiante a pavimento

Per riscaldare la nostra casa possiamo scegliere tra diverse soluzioni tra cui l’impianto radiante a pavimento. Si tratta di un sistema pensato per scaldare gli ambienti medianti irraggiamento della superficie. Se vogliamo capire come funziona un impianto radiante a pavimento dobbiamo considerare che gli elementi radianti, costituiti da tubi in materiale resistente alle alte temperature, verranno inseriti dal tecnico sotto il pavimento, parete o soffitto.

Una delle caratteristiche dello schema impianto radiante a pavimento è che risulta in tutto e per tutto invisibile. Chi utilizza un impianto radiante a pavimento dunque può scaldare il proprio ambiente domestico senza rovinare l’estetica e massimizzando lo sfruttamento degli spazi disponibili. Con l’impianto radiante a pavimento la trasmissione del calore avviene principalmente per irraggiamento e non per convezione.

Costo impianto radiante a pavimento: c’è un risparmio?

L’impianto radiante a pavimento funziona a basse temperature e questo significa che si affronteranno costi inferiori rispetto ad altri sistemi in quanto si riduce il tempo necessario per andare a regime. Non solo, il costo impianto radiante a pavimento sarà inferiore anche perché, con questa tipologia di riscaldamento, la dispersione termica sarà decisamente inferiore.

Secondo alcune stime il risparmio energetico ottenibile da un sistema di riscaldamento a pavimento va dall’8% fino al 30%. Un impianto radiante a pavimento non è solamente un sistema di riscaldamento per l’inverno ma rappresenta una possibile soluzione utile anche per il raffrescamento estivo. Inoltre con un sistema a basso consumo e invisibile sarà anche possibile ottenere comfort e risparmio in ogni stagione, dall’inverno all’estate.

Chiaramente il prezzo finale di un impianto radiante a pavimento dipende da diversi fattori che includono la tipologia di impianto e la qualità della struttura. Possiamo comunque dire che tanto più alta risulta la dispersione dell’edificio quanto maggiore sarà anche la spesa per il materiale da installare. Di conseguenza un buon isolamento dell’edificio potrebbe garantire un risparmio nella gestione del riscaldamento e un risparmio nell’acquisto dell’impianto.

Schema impianto radiante a pavimento: abbinamento a pompa di calore

Un impianto radiante a pavimento funziona con acqua a bassa temperatura (25° - 40°) e può essere integrato con pompe di calore, caldaie a condensazione e qualsiasi tecnologia che sfrutti fonti energetiche rinnovabili. Se associamo una pompa di calore a un impianto radiante a pavimento possiamo aumentare l’efficienza del 25% sia in riscaldamento che raffreddamento.

Si consideri anche che le componenti dei sistemi radianti a parete e soffitto sono studiate per garantire una durata a lungo termine. Inoltre l’impianto radiante a pavimento è compatibile con qualsiasi tipo di rivestimento basta che non abbia una resistenza termica superiore al valore di 0,15 m2k/W. Il consiglio è quello di utilizzare un impianto radiante a pavimento specialmente in presenza di pavimenti di ceramica, granito o marmo in quanto questi materiali si adattano meglio grazie a una migliore capacità di condurre il calore.

Chi volesse potrebbe anche abbinare un impianto radiante a pavimento con impianti con pannelli solari termici. In questo modo l’impianto solare potrà essere utile anche nei mesi invernali!

Impianto radiante a pavimento: i vantaggi

In sostanza dunque perché dovremmo valutare l’installazione proprio di un impianto radiante a pavimento? Anzitutto perché questi impianti determinano una distribuzione migliore della temperatura nei diversi ambienti con le zone più vicine al pavimento che saranno molto più calde rispetto a quelle vicine al soffitto.

Non solo, optare per un impianto radiante a pavimento significa anche prediligere l’igiene. Negli impianti a pavimento infatti non ci sono elementi riscaldanti e quindi non si formano nidi di polvere. Inoltre la bassa differenza esistente di temperatura tra pavimento e ambiente non crea moti convettivi e riduce il sollevamento della polvere e dei batteri.

Ma forse il plus maggiore per chi sceglie l’impianto radiante a pavimento è la libertà di arredamento. Dal momento che il calore viene emesso per irraggiamento dal pavimento non si deve pensare alla sistemazione di elementi visibili come radiatori e si potranno sfruttare al massimo tutti gli spazi disponibili.

Si avrà di conseguenza anche una maggior libertà progettuale evitando di sottrarre volumetria e spazio all’ambiente. Per via delle sue caratteristiche l’impianto radiante a pavimento è sempre più diffuso divenendo un vero e proprio standard nelle nuove costruzioni. Ad esempio si utilizza molto il massetto radiante che è parte integrante dell’impianto. Con l’impianto radiante a pavimento è infatti essenziale impiegare dei prodotti che siano dotati di speciali caratteristiche tecniche così da massimizzare le prestazioni termiche del sistema.

Impianto radiante a pavimento prezzi

Per quanto riguarda il costo effettivo dell’impianto radiante a pavimento dobbiamo premettere che i prezzi possono partire da circa 30 euro a mq per arrivare anche a 110 euro al mq. Il prezzo medio solitamente può oscillare tra 70 e 90 euro al mq, Iva esclusa. Un costo tutto sommato contenuto che consente di ottenere una distribuzione omogenea del calore grazie alla trasmissione per irraggiamento. Anche l’ambiente riscaldato regala maggiore sensazione di benessere rispetto ai radiatori tradizionali.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag