È possibile il riallaccio Enel dopo distacco per morosità?

In Luce e gas
riallaccio Enel dopo distacco per morosità

Dopo aver subito un distacco per morosità è importante sapere come richiedere il riallaccio Enel dopo distacco per morosità. Se una bolletta non viene pagata potrebbe capitare di restare senza corrente elettrica in casa e bisognerà quindi scoprire come richiedere il riallaccio Enel dopo il distacco. Ma quali sono i motivi principali che possono indurre Enel a operare il distacco della corrente elettrica di un cliente? I più diffusi sono proprio morosità o subentro nel contratto. Il subentro infatti, a differenza della voltura, consiste nella riattivazione di un contatore che era stato precedentemente disattivato, magari dal precedente inquilino. Viceversa la voltura non prevede interruzione di erogazione di energia elettrica in quanto avverrà solo il cambio dell’intestatario in bolletta. Ma se si è subìto il distacco contatore Enel per morosità allora occorre sapere esattamente cosa fare per accelerare i tempi.

Riallaccio Enel dopo distacco per morosità: come richiedere l’allaccio

Se si è subito con Enel distacco morosità per ottenere il riallaccio dovremo per prima cosa pagare la somma dovuta e quindi saldare le bollette insolute pagando quanto concordato mediante bonifico o bollettino postale. Si dovrà poi comunicare ad Enel l’avvenuto pagamento inviando un semplice fax alla compagnia. Dopo aver comunicato di aver saldato i debiti si dovrà aspettare 24 ore che Enel proceda a riattivare la corrente. Ad esempio per richiedere riallaccio Enel in caso di subentro bisognerà comunicare alla compagnia il proprio codice fiscale, il codice Pod identificativo del contatore, il codice cliente e la lettura del contatore. Una volta ricevuti questi dati Enel procederà a inviare ai clienti il contratto da sottoscrivere. Gli utenti dovranno poi inviare la modulistica allegata e correttamente compilata. Accedendo alla pagina personale di Enel sarà possibile seguire l’andamento della propria pratica passo dopo passo.

Riallaccio Enel dopo distacco: quando richiederlo

Solitamente si rende necessario procedere con la riattivazione del contatore dopo distacco in alcuni casi ben precisi. Ad esempio si dovrà richiedere se il vecchio inquilino ha provveduto alla chiusura del contratto con conseguente disattivazione del contatore. Quando parliamo di questo caso specifico si parla di subentro e il nuovo utente dovrà richiedere l’attivazione della fornitura. In caso di morosità e successiva sospensione della fornitura si dovrà poi richiedere la riattivazione dell’utenza. Infine si dovrà richiedere la riattivazione del contatore anche in circostanze particolari come ad esempio a seguito di sospensioni per pericolo.

Riallaccio Enel dopo distacco per morosità: la procedura

In caso di mancato pagamento di bollette l’intestatario dovrà presentare domanda di riattivazione contatore dopo il distacco. Le bollette con Enel o altri fornitori devono essere pagata nei termini previsti, se così non fosse scatteranno i termini previsti dalla comunicazione di messa in mora. Se ancora non si sarà provveduto a saldare le bollette, la società di vendita richiederà al distributore la sospensione della fornitura. Se ciò dovesse accadere si dovrà inviare al fornitore la documentazione che attesta il saldo del debito. In caso invece di fornitura che risultasse sospesa o comunque cessata per una morosità addebitabile al precedente titolare, procedendo con voltura o subentro non si dovranno pagare i debiti. In alcuni casi però la società di vendita richiederà di compilare il modulo di estraneità del debito che serve ad evitare che vi siano legami di parentela tra il vecchio inquilino moroso e il nuovo.

Costo riallaccio Enel dopo distacco per morosità

Per quanto riguarda i costi per il riallaccio Enel dopo distacco per morosità dobbiamo chiarire che i costi sono differenti a seconda che si parli di mercato libero o tutelato. I costi per il riallaccio Enel dopo distacco per morosità nel mercato libero prevedono un contributo fisso di 25,10 euro ridotto del 50% in caso di contatore telegestito e un corrispettivo commerciale variabile indicato nel contratto di fornitura firmato. Il prezzo del riallaccio Enel dopo distacco per morosità con il servizio di maggior tutela è pari a un contributo fisso di 25,10 euro che viene ridotto del 50% in caso di contatore telegestito e a un contributo amministrativo di 23 euro per la sospensione della fornitura. Seguirà poi un ulteriore contributo amministrativo di 23 euro per la riattivazione del servizio vera e propria. Se parliamo die costi relativi alla fornitura di gas, il venditore potrà richiedere anche il pagamento delle spese sostenute per la sospensione e la riattivazione dell’utenza. Non solo, sarà anche necessario pagare un importo stabilito dal servizio di distribuzione che varia in base all’area geografica interessata.

Le tempistiche riallaccio Enel dopo distacco per morosità

Le tempistiche per la riattivazione contatore dopo distacco in caso di morosità sono ben precise e bisogna tenerne conto. Dopo aver ricevuto la documentazione la società di vendita inoltra al distributore competente la richiesta di riattivazione della fornitura. Quest’ultimo dovrà poi provvedere all’erogazione della prestazione entro 1 giorno feriale dal ricevimento della richiesta in caso di energia elettrica ed entro 2 giorni feriali in caso di utenza gas.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag