Come richiedere il rimborso Eni Gas e Luce

In Luce e gas

I clienti di Eni Gas e Luce in Italia sono davvero moltissimi e il motivo è che stiamo parlando di una azienda italiana storica che offre un servizio di vendita e commercializzazione di gas e luce sia per utenti domestici che per imprese. In alcuni casi però potrebbe capitare di subire disservizi o problemi di varia natura che ci indurranno a richiedere un rimborso Eni gas e luce. In alcuni casi potrebbe accadere di maturare un credito positivo nei confronti di Eni. Questo significa che avremo diritto a un rimborso Eni gas e luce ma sarà molto importante sapere come comportarsi così da risolvere in modo concreto il problema e ottenere il giusto indennizzo.

Eni gas e luce modalità di rimborso

Solitamente il rimborso Eni gas e luce deve essere restituito dal fornitore scalando l’importo nella cifra indicata per la bolletta successiva. In alternativa sarà anche possibile ricevere il rimborso Eni gas e luce mediante bonifico bancario o assegno. Dopo aver inviato la richiesta di rimborso Eni gas e luce, il fornitore avrà tempo fino a 15 giorni lavorativi per corrispondere il rimborso. Per ottenere un rimborso si dovrà compilare il modulo richiesta rimborso Eni gas e luce ma solo dopo aver inviato un reclamo commerciale.

Come inviare un reclamo Eni Gas e Luce

Se vogliamo presentare una segnalazione per un disservizio o un problema così da poter poi richiedere un rimborso Eni gas e luce allora potremo compilare in qualsiasi momento l’apposito modulo che si trova disponibile presso i negozi della rete Energy Store Eni in tutto il territorio italiano da Nord a Sud. Si potrà anche scrivere a Eni gas e luce SpA Corrispondenza Clienti – Casella Postale 71 – 20068 Peschiera Borromeo (MI), oppure inviare un fax al numero 800 91 99 62 o scaricare il “modulo segnalazioni”. Il reclamo sarà essenziale da farsi prima di poter richiedere un rimborso Eni gas e luce. All’interno del reclamo si dovranno indicare alcuni dati come indirizzo della fornitura, dati dell’intestatario, indirizzo postale se diverso da quello di fornitura, l’indicazione del servizio a cui si riferisce la segnalazione scritta e almeno un recapito telefonico per migliorare ancora di più la gestione. Per quanto riguarda le tempistiche? Dopo che il cliente ha inviato una segnalazione scritta a Eni gas e luce l’azienda sarà chiamata a dare una risposta entro le tempistiche previste dalle delibere dell’ARERA. Qualora entro il termine previsto non fosse stata ancora recapitata una risposta, il cliente avrà diritto a un indennizzo commisurato all’effettivo ritardo rispetto al tempo massimo di risposta previsto dalla normativa vigente, ovvero 40 giorni solari. Un rimborso Eni gas e luce automatico è previsto in tutti i casi di richiesta scritta di rettifica di fatturazione o doppia fatturazione nel caso in cui il rimborso Eni gas e luce delle somme pagate in eccedenza avvenga oltre il tempo massimo di rimborso fissato dalla normativa, ovvero 90 giorni solari.

Reclamo Eni Gas e Luce: modalità di risposta

Eni Gas e Luce dopo aver ricevuto la segnalazione di disservizi dovrà rispondere agli utenti scegliendo tra diversi canali di contatto: telefonico, online, fax o posta (tramite casella postale 71 – 20068 Peschiera Borromeo, Milano). Nel caso in cui la segnalazione dovesse riguardare una fatturazione errata, Eni gas e luce sarà chiamato a interrompere ogni azione di recupero credito fino alla conclusione delle verifiche del caso. Una volta inoltrato il reclamo si potrà tener d’occhio l’andamento della segnalazione tramite l’app Eni Gas e Luce oppure accedendo all’Area Clienti di Eni Gas Luce. Si potrà anche chiamare il Numero Verde Eni Gas e Luce, 800 900 700, tutti giorni 24 ore su 24 in modo completamente gratuito anche da cellulare, oppure via chat ma solo dalle alle 22.

Riassumendo possiamo chiedere a Eni gas e luce rimborso per diversi motivi ma, se vogliamo che sia realmente preso in carico, dovremo inoltrare l’apposito modulo che potremo scaricare online o andare a ritirare presso uno dei tanti negozi Eni presenti sul territorio. All’interno del modulo da compilare per ottenere il rimborso Eni gas e luce sarà importante indicare il numero cliente della fornitura, il codice POD o PDR, il codice fiscale e la Partita IVA in caso di ditta o impresa e la residenza.

Eni gas e luce rimborso: i casi più comuni

Ma quali sono i casi più comuni che ci inducono a inviare un reclamo a Eni gas e luce per ottenere poi un rimborso? I motivi delle controversie con Eni gas e luce sono svariate, si va dai maxi-conguagli a seguito di mancata di fatturazione fino ai distacchi della corrente senza preavviso e al mal funzionamento del servizio clienti. Quando si fa un reclamo al fornitore di energia le cause ricorrenti sono una bolletta con importo sbagliato, un servizio fatturato non richiesto e di cui non si è mai usufruito, doppia fatturazione in caso di cambio fornitore, mancata o ritardata fatturazione, contratto non richiesto, mancata cessazione del contratto e interruzione di fornitura non motivata.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag