Riscaldamento a infrarossi consumi e costi

In Luce e gas
Riscaldamento a infrarossi consumi

Nell’ottica di valutare soluzioni per il risparmio energetico si fa un gran parlare del riscaldamento a infrarossi. Con il riscaldamento a infrarossi consumi bassi e facilità di installazione sono i punti di forza dei quali dovremo tener conto per fare tutte le valutazioni del caso. Partiamo dal presupposto che il riscaldamento a infrarossi è un impianto che potrebbe contribuire a migliorare anche l’efficienza energetica della nostra casa.

Con il riscaldamento a infrarossi consumi bassi si riverberano anche sulla bolletta a fine mese che diventa decisamente più leggera contribuendo anche a impattare molto di meno sull’ambiente. Nei prossimi paragrafi ci soffermeremo sui diversi vantaggi e punti di forza tipici di questo tipo di riscaldamento.

Riscaldamento a raggi infrarossi costi e consumi: tutte le info

I pannelli per riscaldamento a infrarossi sono anche chiamati pannelli radianti a infrarossi in quanto sfruttano i raggi solari più lontani. Quando parliamo di riscaldamento a infrarossi consumi bassi vanno di pari passo con la capacità di questo sistema di trasformare i raggi in calore e scaldare gli ambienti. In quest’ottica bisognerebbe anche sottolineare come questi pannelli a raggi infrarossi non aumentano la temperatura dell’aria ma scaldano oggetti, pareti e persone diffondendo dei raggi infrarossi che, pur essendo invisibili all’occhio umano, si sviluppano e propagano in tutta la casa per irraggiamento.

Se parliamo di sistemi riscaldamento a infrarossi basso consumo dobbiamo anche premettere che, proprio come tutti i tipi di riscaldamento, anche quello a infrarossi presenta vantaggi e svantaggi. Ma andiamo nel dettaglio: per capire il riscaldamento a infrarossi quanto consuma dobbiamo mettere in campo risparmio energetico variabile dal 30 al 40% rispetto al riscaldamento tradizionale. Si tenga anche conto che con il riscaldamento a raggi infrarossi non avremo bisogno della combustione per scaldare e quindi potremo anche godere su aria più pulita e su molta meno polvere in circolo in aria.

Riscaldamento a infrarossi consumi e altri vantaggi

Abbiamo visto come parlando di riscaldamento a infrarossi consumi ridotti siano solamente uno dei vantaggi. Questi sistemi sono molto semplici da montare e mantenere e non occupano molto spazio. Abbiamo anche la possibilità di collocare i pannelli in diversi posti della nostra casa, anche all’interno visto che non sono rumorosi e non emettono odori.

I sistemi riscaldamento a infrarossi basso consumo garantiscono anche di riscaldare molto rapidamente e possiedono una grande inerzia termica. Questo significa che, una volta spenti, manterranno il calore ancora a lungo. Infine dobbiamo anche dire che non generano umidità e quindi vanno molto bene per la salute in quanto evitano la formazione di muffe e batteri.

Riscaldamento a infrarossi consumi: quali sono gli svantaggi

Con il riscaldamento a infrarossi consumi bassi e assenza di polveri sono solo alcuni dei vantaggi principali dei quali dovremo tenere conto. In alcune situazioni però i pannelli a infrarossi potrebbero forse non essere la soluzione migliore per la nostra casa dal punto di vista del risparmio energetico.

Anzitutto dobbiamo ricordare che i pannelli a infrarossi sono poco performanti se installati in case troppo grandi. Dobbiamo poi anche dire che, se è vero che con il riscaldamento a infrarossi consumi bassi vanno di pari passo con l’efficienza, è anche vero che ci vorrà un investimento iniziale più elevato rispetto ad altre metodologie di riscaldamento. Inoltre i pannelli di riscaldamento a infrarossi non sono adatti con classe di isolamento termico inferiore alla categoria C.

Riscaldamento a infrarossi quanto consuma esattamente?

Se sin qui abbiamo parlato di riscaldamento a infrarossi consumi ora ci soffermiamo proprio su come quantificarli. Questi pannelli potranno essere installati su qualsiasi tipologia di superficie di legno o ceramica e anche in soffitti in orizzontale o verticale per non ostacolare l’arredamento. Un singolo pannello a infrarossi ha un prezzo che va dai 150 ai 1000 euro e l’installazione di un impianto di riscaldamento a infrarossi rientra nel Bonus Ristrutturazioni che prevede delle detrazioni fiscali.

Per quanto riguarda il riscaldamento a infrarossi consumi dobbiamo partire dal presupposto che i pannelli consumano anzitutto energia elettrica e non gas metano. Ne consegue che il costo del riscaldamento dipenderà dal prezzo del kWh e non dal prezzo del gas al metro cubo (Smc).

Con il riscaldamento a infrarossi consumi cambiano a seconda della potenza nominale, che per la precisione va dai 300 W agli 800 W. Se vogliamo abbattere i consumi oltre ai pannelli a infrarossi dovremmo installare anche un termostato che servirà a regolare la potenza dei pannelli in base alla temperatura desiderata. I consumi vengono anche influenzati dall’isolamento della casa. In un alloggio ben isolato infatti avremo sicuramente dei consumi nettamente inferiori in quanto ci vorrà molto di meno per raggiungere la temperatura desiderata.

Infine possiamo tranquillizzare in quanto i pannelli infrarossi non sono per nulla pericolosi per la salute dell’uomo e rimbalzano e raggiungono le superfici proprio come i raggi del sole. Se l’impianto a infrarossi è attivo non verrà emesso gas di scarico in quanto non servirà la combustione.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag