Mercato libero e di Maggior tutela: li conosciamo davvero?

Mercato libero e di Maggior tutela: li conosciamo davvero?

Negli ultimi tempi tutti hanno sentito parlare di mercato libero o di maggior tutela relativamente alle forniture energetiche e spesso il rischio è quello di fare confusione. Esiste una differenza tra il mercato libero e quello di maggior tutela e, a partire da qualche anno, sono proprio i consumatori a poter scegliere tra i due quello più vantaggioso per le proprie specifiche necessità. In teoria la progressiva liberalizzazione del mercato dell'energia ha reso sempre più protagonista il consumatore finale che è libero così da massimizzare il risparmio senza per questo dover rinunciare a trasparenza e sicurezza o dover modificare il proprio stile di vita.

Fino al giugno 2020 i consumatori italiani potranno decidere in completa autonomia se rimanere nel servizio di Maggior Tutela o se passare al mercato libero dell'energia. Chi decide le tariffe A partire da tale data però il passaggio al mercato libero diventerà obbligato quindi conviene muoversi per tempo e non farsi trovare impreparati. Per il momento dunque coesistono le tariffe del mercato libero con quelle di Maggior Tutela, con le prime che vengono decise autonomamente dal fornitore e le secondo che vengono fissate dall'Autorità e aggiornati ogni tre mesi. Un passaggio obbligato Come detto aziende e privati non avranno altra scelta che abbandonare il servizio di Maggior Tutela entro il 2020. Tale passaggio sarà reso meno brusco grazie alla possibilità di fruire di servizi come la Tutela Simile e le offerte di PLACET. Grazie a queste strategie il cliente inizia ad abituarsi al cambiamento in modo graduale. Una volta finito il Mercato di Maggior Tutela comunque tutti i clienti senza eccezione dovranno scegliersi un fornitore del mercato libero dopo aver confrontato attentamente tariffe e offerte.

I vantaggi del mercato tutelato Si può quindi dire che il mercato libero presenta diversi vantaggi rispetto a quello a Maggior Tutela a cominciare dal fatto che in quello libero esistono diversi fornitori e quindi molte offerte differenti tra cui scegliere. L'esatto contrario della Maggior Tutela dove esiste una sola offerta stabilita dall'Autorità per l'energia e il gas. Inoltre con il mercato libero l'utente può avere un unico gestore per energia elettrica e gas.

Arianna Bessone

Arianna Bessone