Verso un miglior fornitore energia elettrica: il recesso dal contratto

Verso un miglior fornitore energia elettrica: il recesso dal contratto

Un contratto con un fornitore di energia luce o gas non è un vincolo indissolubile, quindi caro consumatore, il mare è pieno di pesci ed è molto semplice trovare la tariffa più conveniente rivolgendosi al miglior fornitore di energia elettrica. Il recesso contratto per miglior fornitore energia elettrica è quindi una opportunità concreta di cui poter fruire per massimizzare il risparmio in bolletta senza per questo correre rischi. Cercare il miglior fornitore energia elettrica è infatti un obiettivo per molti ma bisogna stare tranquilli in quanto il cliente potrà comunque esercitare il diritto di recesso per tutelare i propri interessi. Tagliare i costi non è mai stato così facile, ma come si procede verso un prezzo più conveniente? In questo articolo cercheremo di spiegarvi come poter cambiare contratto e virare da un fornitore all’altro senza problemi.

Come svincolarsi da un contratto

Tutti i consumatori hanno il diritto di recesso contratto per miglior fornitore energia elettrica e il vecchio rivenditore non può opporsi alla decisione del cliente in alcun modo. Una volta data comunicazione da parte dell’acquirente il possessore del vecchio contratto ha due mesi di tempo per attivare le procedure. Per facilitare maggiormente l’utente la domanda di recessione viene fata dal nuovo fornitore, così da velocizzare le pratiche. Il diritto di recesso infatti è una clausola contrattuale che attribuisce al cliente la possibilità di rescindere, ovvero di chiudere in anticipo, il contratto di fornitura luce o gas sottoscritto. Il recesso contratto per miglior fornitore energia elettrica è una clausola contrattuale che permette al cliente di rescindere, ovvero di chiudere in anticipo, il contratto di fornitura di luce o gas. Questo recesso può essere esercitato sia dal gestore che dal cliente finale sulla base di quanto specificato nel contratto di fornitura e indipendentemente dalla modalità con cui questo contratto è stato stipulato. Attenzione poi che il diritto di recesso contratto per miglior fornitore energia elettrica vale per tutti i clienti, sia che abbiano le utenze attive nel servizio a maggior tutela, sia per il mercato libero. La comunicazione del recesso contratto per miglior fornitore energia elettrica dovrà essere inviata obbligatoriamente mediante raccomandata sulla base di quanto stabilito nel contratto di fornitura e secondo modalità che possono consentire la verifica dell’effettiva ricezione della comunicazione di recesso da parte del fornitore. In caso di recesso per cambio fornitore il cliente non dovrà inviare raccomandate perché sarà di pertinenza del nuovo fornitore scelto la gestione delle pratiche amministrative e contattare il vecchio fornitore dell’avvenuta rescissione del contratto.

Che documenti servono per il recesso contratto luce e gas?

Se si è deciso di esercitare il diritto di recesso contratto per miglior fornitore energia elettrica allora bisogna tener conto che l’Arera con la delibera 302/2016/COM del 9 giugno 2016 e con il successivo aggiornamento dell’1° gennaio 2017, ha stabilito le modalità e le tempistiche relative al diritto di recesso per utenze luce e gas. Il diritto di recesso contratto per migliore fornitore energia elettrica non può essere sottoposto a penali di alcun tipo. Chi volesse recedere da un contratto dovrà presentare i dati anagrafici relativi all’intestatario dell’utenza, i dati relativi alle utenze (POD), l’autolettura del contatore, l’indirizzo della fornitura, il giorno in cui dovrà essere disattivata la fornitura e la richiesta scritta di recedere il contratto di fornitura.

Le tempistiche per il recesso contratto di fornitura

Non resta che capire a questo punto quali siano i tempi del recesso contratto per miglior fornitore energia elettrica. Come stabilito dall’Autorità il cliente finale potrò rescindere il suo contratto in qualsiasi momento rispettando il termine di preavviso. Se i clienti volessero il recesso contratto per miglior fornitore energia elettrica dovrà contattare il proprio gestore entro e non oltre il giorno 10 del mese precedente la data del cambio. In caso di cambio fornitore luce o gas il cliente dovrà rivolgersi direttamente al nuovo gestore affinché questo possa recedere mediante il Sistema Informativo Integrato a suo nome. A questo punto la nuova società di vendita dovrà inviare la richiesta di recesso entro il giorno 10 del mese precedente alla data cambio fornitore mediante posta elettronica certificata e indicando i dati del cliente e della fornitura. Qualora il cliente invece chiedesse semplicemente la chiusura del contratto, senza passare ad altro fornitore, allora il termine di preavviso al gestore non potrà superare un mese.

Contratti non richiesti

I contratti non richiesti fanno parte delle situazioni spinose dalle quali sembra difficile svincolarsi, ma la soluzione è semplice ed immediata. I contratti di fornitura elettrica non possono essere stipulati al telefono o tramite un contatto “porta a porta", quindi se non effettuati in sede di ufficio non hanno nessun tipo di validità. Per svincolarsi da queste situazioni esercitando entro 10 giorni dalla creazione del contratto il proprio diritto di ripensamento, senza dover pagare penali. Non è mai troppo tardi, infatti è possibile disattivare il contratto non desiderato in qualsiasi momento e tornare al vecchio operatore tramite la procedura di ripristino o accedere a una nuova offerta con il miglior fornitore di energia elettrica.

Per trovare un miglior fornitore luce con tariffe più convenienti così da richiedere il recesso contratto per miglior fornitore energia elettrica allora non resterà che utilizzare il comparatore gratuito di Chetariffa.it così da trovare rapidamente tutte le migliori offerta luce.

Arianna Bessone

Arianna Bessone