Modem fibra: tutte le differenze con il modem ADSL

Modem fibra: tutte le differenze con il modem ADSL

Vuoi acquistare un modem fibra ma non sai quale scegliere, vorresti sapere se per la fibra serve un modem particolare o ne basta uno standard e vorresti avere molte informazioni che potrebbero tornarti utili, in modo da puntare su un modello che rispetti le tue reali esigenze facendo una scelta consapevole? E’ innanzitutto importante che tu capisca bene la differenza tra modem e router, in modo da non fare confusione quando arriverà il momento di fare l’acquisto e in cui dovrai spiegare quali sono le tue esigenze agli operatori e/o ai commessi che si occuperanno della vendita. A differenza infatti del router, che è un dispositivo il cui scopo è quello di consentire la distribuzione della connessione a vari dispositivi diversi, mediante Wi-Fi o con ethernet, per poter entrare in funzione necessiterà sempre di un modem al quale collegarsi (dal momento che è un dispositivo progettato per l’instradamento dei dati), il modem fibra è un dispositivo a uso prettamente domestico che consente che avvengano le trasmissioni in entrata e in uscita sulla rete Internet. Il router possiamo quindi definirlo come un ponte di connessione tra la rete internet e la rete wireless che abbiamo in casa, occupandosi della gestione dei dati che arrivano e/o che sono in uscita da uno o più nodi che costituiscono la rete informatica, consentendo anche la comunicazione tra più sottoreti. Se il modem fibra pertanto possiamo affermare che ha quale scopo quello di connettere un computer a una linea telefonica consentendo così l’avvio della navigazione su Internet, con il router invece si avrà la possibilità di dirigere i dati tra varie reti e la connessione tra diversi dispositivi potranno dirigere i dati tra reti e soprattutto distribuire la connessione a internet tra più dispositivi. Se inoltre ti stai interrogando su qual è la differenza tra modem adsl e fibra, devi sapere mentre il modem Adsl ha incluso il supporto VDSL o EVDSL e permette la connessione a una rete FTTC (ma la FTTH è esclusa), nel caso del modem fibra questo permette di collegarsi alla rete Internet mediante entrambe le tecnologie più valide, sia la FTTC sia la FTTH. In sostanza quindi posiamo dire che analizzando la differenza tra modem Adsl e fibra in termini di prestazioni, possiamo affermare che quest’ultimo offre decisamente prestazioni più elevate.

Per la fibra serve un modem particolare?

Sì, in quanto la fibra ottica considerata pura, oppure con la sigla richiedere un protocollo differente rispetto alla tecnologia Adsl o FTTC, dal momento che porta la connessione al modem di casa o dell’ufficio senza che vi siano passaggi intermezzi, e per avere elevate prestazioni è indispensabile poter avere a disposizione un modem fibra apposito capace di supportare tale tecnologia, consentendo di far arrivare a una velocità di connessione fino a 1 Giga al secondo. Scegliere quale modem per fibra ottica acquistare non è difficile, a patto che non se ne abbia già uno in proprio possesso e lo si voglia far diventare funzionale anche per la fibra. Bisogna sapere infatti che i modem più recenti sono abilitati sia per l’adsl sia per la fibra, quindi prima di acquistarne uno nuovo, qualora se ne avesse già uno in proprio possesso, è consigliabile valutare se è compatibile con la fibra così da poterlo usare senza doverne acquistare uno nuovo. E’ opportuno inoltre sapere che taluni provider offrono ai propri clienti il modem gratuito o in comodato d’uso in modo gratuito e senza costi, al momento della sottoscrizione del contratto: in tal caso sarà l’operatore a fornirvi il modello compatibile con le vostre esigenze, in modo che voi possiate accedere alla migliore potenza disponibile, e questo modem fibra sarà vostro per tutto il periodo in cui decidere di rimanere con tale provider, dovendolo poi restituire qualora disattivaste la linea o decideste di cambiare operatore.

Per rispondere alla domanda se per la fibra serve un modem particolare, la risposta è sì: serve un modem abilitato alla fibra, ma ormai tutti i modelli disponibili in commercio hanno l’abilitazione sia per l’l’adsl sia per la fibra ottica, oppure qualora vi venga consegnato in comodato d’uso non avete di che preoccuparvi, dal momento che sarà premura del provider fornirvi il miglior modem disponibile che sarà compatibile con le vostre esigenze.

Potrebbe capitare di chiederti dove mettere il modem fibra: è importante che il modem non vada riposto dentro i mobili e deve essere posto lontano da strutture metalliche, dal momento che tali tipologie di materiali potrebbero portare delle interferenze che rischierebbero di compromettere il segnale, oltre ad apparecchi come forni a microonde, sensori di allarme o apparecchi per la diffusione di audio e video. Inoltre, sempre e rimanere in tema su dove mettere il modem fibra, questo andrebbe posto a circa 1 metro di altezza, ed è importante che non vi siano ostacoli che potrebbero coprire il segnale. Vi accorgete se il modem funziona bene in quanto ha la luce bianca, qualora invece diventasse rossa vuol dire che non sta funzionando bene perché o è coperto oppure va riavviato.

Arianna Bessone

Arianna Bessone