Mutui agevolati: chi può accedervi?

Mutui agevolati: chi può accedervi?

Come molti sanno non è facile di questi tempi riuscire ad accedere a un mutuo per la prima casa. Proprio per questo lo Stato ha creato i mutui agevolati, una serie di aiuti alle categorie più deboli. Ma chi può accedere ai mutui agevolati? Si tratta ad esempio di giovani coppie, giovani fino ai 35 anni e famiglie monogenitoriali.

Cosa sono i mutui agevolati

Prima di chiarire in modo dettagliato chi può accedere ai mutui agevolati è meglio spendere qualche parola per spiegare cosa sono e come funzionano esattamente i mutui agevolati. Stiamo parlando di forme di finanziamento agevolate che sono pensate per supportare soggetti che hanno bisogno di un sostegno economico per l’acquisto della prima casa. E’ quindi chiaro che i mutui agevolati non saranno a disposizione di chiunque ma solo di soggetti dotati di requisiti ben precisi. I mutui agevolati presentano parecchi vantaggi in più rispetto ai mutui normali, si pensi ad esempio ai tassi d’interesse ridotti oppure all’emissione da parte dello Stato o di una Regione di un contributo specifico che serva a coprire il rimborso di una parte del capitale così da alleggerire anche in modo rilevante il carico economico del cliente. Inoltre lo Stato, la Regione o un Ente possono fare da garanti del mutuatario che non può fornire alla banca le garanzie richieste. Con i mutui agevolati inoltre si potranno ridurre considerevolmente le spese di istruttoria e si avranno tempi di erogazione delle somme richieste molto più veloci. Inoltre con un mutuo agevolato si avrà accesso alla concessione di un capitale superiore all’80% del valore dell’immobile.

Chi usufruisce dei mutui agevolati?

Chiedersi chi può accedere ai mutui agevolati è molto importante in quanto stiamo parlando di uno specifico tipo di finanziamenti che si rivolge esclusivamente a soggetti deboli dal punto di vista finanziario che hanno particolari difficoltà a ottenere dei prestiti dalle banche. Come già detto si parla ad esempio delle giovani coppie, ai lavoratori dipendenti e autonomi e ai lavoratori atipici come i collaboratori coordinati e continuativi e i prestatori di collaborazioni occasionali. Attenzione poi al fatto che si potrà richiedere un mutuo agevolato sia per acquistare la prima casa, sia per una ristrutturazione della prima casa. Chi può accedere ai mutui agevolati comunque dovrà anche garantire che l’abitazione per cui si richiedere il finanziamento sia la prima casa e non sia catalogata come abitazione di lusso. L’immobile dovrà anche essere collocato nel comune di residenza del mutuatario. Nel caso si volesse ad esempio accedere ai mutui agevolati giovani per la ristrutturazione della casa bisognerà anche fornire informazioni dettagliate sulla tipologia dei lavori di ristrutturazione che andranno eseguiti sull’edificio. 

Esistono, infatti, dei mutui agevolati dedicati alle coppie under 35, ai lavoratori in possesso di un contratto di lavoro atipico, i nuclei famigliari che contano un famigliare affetto da disabilità e le famiglie monogenitoriali con un figlio minorenne. Per accedervi occorre verificare che esista un fondo di garanzia, erogato dalla Regione o dallo Stato, in quanto la banca avrà questo fondo quale garanzia per la restituzione, a rate, dell’importo erogato, qualora si verificassero delle problematicità che impediscano il pagamento rateale da parte dell’intestatario del mutuo.

Cosa sono i mutui al 100%

Quando si parla di chi può accedere ai mutui agevolati è bene però sempre specificare che esistono anche i mutui al 100%, ovvero mutui agevolati in cui il mutuatario ottiene dalla banca una somma che corrisponde al valore totale del proprio immobile. Questa specifica tipologia di mutui agevolati giovani è richiesta soprattutto da soggetti che non hanno subito a disposizione un ana liquidità sufficiente per un mutuo prima casa standard. I mutui al 100% prevedono un piano di ammortamento più lungo che può andare dai 20 fino a 40 anni e oltre. Per accedere a questa tipologia di mutui agevolati giovani si dovranno dare maggiori garanzie all’istituto bancario e ci saranno anche dei costi da sostenere da parte del cliente tra cui una polizza assicurativa fideiussoria stabilita dalla Banca d’Italia. Tale polizza andrà a coprire la parte eccedente l’80% del prestito emesso dall’istituto bancario. Un mutuo al 100% può avere tassi d’interesse fissi o variabili. Nel caso dei tassi fissi il mutuatario potrà avere la sicurezza di una rata costante per tutto il piano di ammortamento. In questo modo potrà pianificare al meglio le spese e si ridurrà il rischio di incertezza e di brutte sorprese. Nel caso di tassi variabili invece il cliente potrà pagare di più di meno le rate seguendo le oscillazioni del mercato finanziario e i cambiamenti del tasso d’interesse.

Accedendo al mutuo agevolato, inoltre, si avrà una interessante riduzione del tasso di interesse e forti sgravi fiscali o sconti, in quanto il desiderio è aiutare i giovani e chi si trova in condizioni di difficoltà a non rinunciare ai propri sogni e progetti ma, anzi, aiutandoli a realizzarli fornendo un valido aiuto economico.

Arianna Bessone

Arianna Bessone