Pec Eni gas e luce, quando utilizzarla

Pec Eni gas e luce, quando utilizzarla

E’ importante conoscere quale sia la Pec Eni gas e luce e quando utilizzarla. La Pec (Posta Elettronica Certificata) è probabilmente uno dei contatti di Eni meno utilizzati in assoluto da parte dei clienti che preferiscono spesso e volentieri la posta elettronica o il contatto diretto. Innanzitutto dovresti segnarti quello che è l’indirizzo esatto della Pec Eni gas e luce: enigaseluce@pec.enigaseluce.com. Gli utenti potranno anche contattare il fornitore operativo nel mercato libero dell’energia in Italia (eni@pec.eni.com). Sappi anche che a partire dal 2013 tutte le società hanno l’obbligo di avere una Pec, e questo cambiamento è per te di grande importanza dal momento che la Pec è un sostituto della raccomandata postale con ricevuta di ritorno, sia dal punto di vista tecnico che legale.

Quando inviare la Pec Eni gas e luce

Parti dal presupposto che se vorrai comunicare con Eni Gas e Luce potrai farlo in qualsiasi momento mediante la Posta Elettronica Certificata. Parlando di Eni gas e luce Pec reclami e contestazioni sono sicuramente in primo piano. Potrai inviare ad esempio una segnalazione per una fattura anomala in bolletta rispetto ai consumi realmente prodotti nel periodo di fatturazione. Tutti gli intestatari della fornitura potranno anche usare la Pec Eni gas e luce per trasmettere una richiesta di particolare importanza come una voltura o una disdetta del contratto. Ma perché inviare una Pec Eni gas e luce piuttosto che una semplice email? Il motivo è molto semplice, rispetto alla normale email la Pec ti offre la garanzia legale della certezza dell’invio e della consegna al destinatario. Un tempo avresti potuto avere questa garanzia unicamente recandoti presso uno sportello di Poste Italiane, sprecando così molto tempo inutilmente. Insomma, se vuoi inviare una Pec per disdetta Eni gas e luce potrai farlo con estrema facilità e con pochi click, avendo comunque tutte le garanzie legali che ti servono.

Pec Eni servizio clienti: come scegliere la modalità di contatto giusta

Magari ti starai chiedendo come mai dovresti scegliere come modalità di contatto la Pec Eni gas e luce piuttosto che la classica raccomandata con ritorno. Per prima cosa dovresti considerare che avrai minori tempi di trasmissione pari a quelli che avresti inviando una semplice email. Non solo, inviare una Pec Eni gas e luce è completamente gratuito, dovrai però pagare un canone annuo per il servizio. Infine, con Pec Eni gas e luce avrai anche una certificazione del contenuto del messaggio trasmesso. La cosa importante che devi sempre tenere ben a mente quando si parla di Pec è che offre una garanzia legale della certezza dell’invio e della consegna al destinatario. Questo significa che dopo che avrai inviato il messaggio vedrai recapitarti una ricevuta che fungerà da prova legale e attesterà l’avvenuta o mancata consegna del messaggio al destinatario. Fai attenzione però perché se deciderai di usare il servizio Eni gas e luce Pec reclami ci sarà il valore legale solamente se l’indirizzo del destinatario e del mittente saranno ambedue Pec. Se così non fosse la Pec avrà il semplice valore di una raccomandata semplice e non potrai quindi avere alcuna certezza dell’avvenuto recapito e dell’integrità del contenuto.

Pec Eni gas e luce: come funziona

Se hai capito perché e quando dovresti utilizzare la Pec Eni gas e luce ora invece cercheremo di spiegarti come funziona. Ogni volta che invii un messaggio da una Pec riceverai dal tuo provider di posta certificata una ricevuta di accettazione. Questa ricevuta contiene dei dati importanti come il momento della spedizione e i destinatari in modo analogo a quello che accadrebbe con una ricevuta all’ufficio postale. In un secondo momento il gestore di posta certificata del mittente creerà un nuovo messaggio (busta di trasporto) con all’interno il messaggio originale. Questa busta di trasporto reca la firma del provider, una garanzia per te che potrai verificarne l’integrità in qualsiasi momento. Una volta consegnato il messaggio al destinatario, il provider invia al mittente la ricevuta di consegna con tanto di data e ora di consegna. Per tutti questi motivi potrai utilizzare Eni gas e luce Pec reclami per inviare contratti, ordini e fatture e anche per trasmettere documenti alle Pubbliche Amministrazioni con valore legale. Proprio per questo motivo se intendi inviare un reclamo dovresti seriamente considerare di farlo via Pec Eni gas e luce. Capita un po' a tutti, almeno una volta nella vita, di ricevere una fattura poco comprensibile o dei maxi conguagli che proprio non riesci a spiegarti. In questo caso il consiglio che ti diamo è quello di non passare dal Servizio Clienti o dalla posta elettronica ma di utilizzare il servizio Eni gas e luce Pec reclami.

Insomma, la Posta Elettronica Certificata è anche in grado di garantire, in caso di eventuale contenzioso, l’opponibilità a terzi del messaggio. Con la Pec i gestori ti certificano con le ricevute che il messaggio è stato spedito, è stato consegnato e, soprattutto, non è stato alterato.

Arianna Bessone

Arianna Bessone