Piano ammortamento mutuo: cos'è e come calcolarlo

Piano ammortamento mutuo: cos'è e come calcolarlo

Quando si sta valutando di accendere un mutuo occorre essere sempre adeguatamente informati riguardo ogni possibile aspetto. Ad esempio quando si parla di ammortamento mutuo devi sapere che si fa riferimento a una procedura di rimborso del finanziamento che ti viene erogato da parte di banche o altri istituti di credito. Il piano ammortamento mutuo è quindi quel documento nel quale vengono definite dettagliatamente le modalità di rimborso del prestito con tanto di suddivisione delle rate e gli intervalli di tempo per l’estinzione completa del debito.

Piano ammortamento mutuo: scopri di che si tratta

Se decidi di fare un piano ammortamento mutuo devi sapere che stai suddividendo il tuo debito in varie rate. Quando avrai estinto tutte le rate riportate nel tuo piano ammortamento mutuo allora potrai considerare definitivamente estinto il debito da te contratto. Le rate del piano ammortamento mutuo sono composte da una cosiddetta quota capitale e da una quota di interesse laddove per quota capitale intenderemo la suddivisione della quantità di denaro richiesta in prestito e per quota interesse la redistribuzione del tasso di interesse del prestito per tutta la durata dell’ammortamento. Esistono diverse tipologie di piano ammortamento mutuo e ognuno di essi ha un diverso funzionamento e ti permette di godere di determinati vantaggi.

Piano ammortamento mutuo a tasso variabile

Ti abbiamo già accennato come ci siano diverse tipologie di piano ammortamento mutuo. Il piano ammortamento mutuo a tasso variabile prevede delle rate nelle quali si potranno ricalcolare le quote capitale e le quote interesse a ogni variazione del tasso. Si potrà anche optare per un piano ammortamento mutuo a tasso variabile dove la quota capitale può essere calcolata al tasso iniziale per poi ricalcolare periodicamente solo la quota interessi. A seconda delle tue esigenze potrai anche valutare un piano ammortamento mutuo a tasso variabile che fissa un tetto massimo al tasso di interesse, in questo caso parliamo di un piano a tasso variabile con cap. Il mutuo a tasso variabile sarà per te la scelta ideale se sei una persona flessibile e sei disposto a rischiare che, in situazioni sfavorevoli, potresti dover affrontare un aumento della rata. Ti conviene optare per un piano ammortamento mutuo a tasso variabile se hai un reddito medio/alto che ti consenta eventualmente di far fronte ad aumenti di rate improvvisi.

Piano di ammortamento mutuo tasso fisso

Potrai anche scegliere un piano di ammortamento mutuo tasso fisso, questa tipologia di mutuo consiste in rate del mutuo fisse anche al variare del tasso d’interesse. Chiaramente questo andrà a detrimento della durata del prestito che sarà sicuramente più lunga nel caso il tasso di interesse dovesse aumentare nel tempo. I tassi di interesse potrebbero anche diminuire e, in questo caso, si avrebbe una diminuzione della durata del piano di ammortamento. Sappi comunque che un mutuo a tasso fisso presenta tutte le rate di ammortamento uguali per tutta la durata del finanziamento. Quando decidi di aprire un mutuo a tasso fisso quindi conoscerai in anticipo la durata del mutuo e anche l’importo esatto di ogni singola rata del piano di ammortamento mutuo tasso fisso. Dovresti optare per un piano ammortamento mutuo tasso fisso se sei un lavoratore dipendente e preferisci sapere esattamente quanto dovrai pagare eliminando il rischio di spese impreviste.

Altre tipologie di piano ammortamento mutuo

Il piano ammortamento mutuo più diffuso è quello anche detto “alla francese” che prevede delle rate costanti durante tutta la durata del mutuo. Ti ricordiamo che la cifra da rimborsare resta la stessa ogni mese ma cambia la composizione della rata in quanto la quota capitale e la quota interesse assumono un peso diverso con il passare del tempo all’interno delle rate. In particolare all’inizio la rata è composta da una percentuale maggiore di quota di interesse, verso la fine invece si rimborsa quasi solo la quota capitale. Grazie a questo piano ammortamento mutuo le banche possono incassare gli interessi prima di rientrare del capitale in prestito. Oltre a quelli succitati potrai valutare anche tra altre tipologie di piano ammortamento mutuo come ad esempio quello a rate crescenti o decrescenti. Questi piani di ammortamento hanno quote di rimborso che possono aumentare o diminuire nel tempo a seconda che tu ritenga di avere una disponibilità economica maggiore o superiore nel tempo. In alternativa potrai valutare anche un piano di ammortamento mutuo libero che consiste in una rateizzazione della sola quota d’interesse. Questo significa che potrai restituire la quota capitale quando vorrai all’interno di finestre temporali prefissate. Ma se desideri una maggiore flessibilità dovrai prendere in considerazione anche il piano di ammortamento mutuo a rata fissa ma con un tasso e durata variabile. In questo modo la composizione della rata cambierà al variare dei tassi e il pagamento continuerà fino all’azzeramento della quota capitale e della quota d’interesse.

Sul web potrai trovare alcuni strumenti molto preziosi che ti permetteranno gratuitamente il calcolo piano ammortamento mutuo. Se vuoi effettuare il calcolo piano ammortamento mutuo dovrai inserire nei comparatori sul web l’importo del tuo finanziamento, la durata e anche il tasso di interesse annuale applicato. Per perfezionare il calcolo piano ammortamento mutuo sarà anche opportuno specificare la periodicità delle rate con la possibilità di visualizzare le singole rate in dettaglio e il riepilogo annuale.

Arianna Bessone

Arianna Bessone