Qual è la pressione ideale caldaia?

Qual è la pressione ideale caldaia?

Sapere qual è la pressione ideale caldaia è molto importante, in quanto sia fare la revisione periodica della caldaia sia conoscere i parametri per misurare qual è la pressione ideale della caldaia a gas consente di risalire a numerose informazioni in merito al sistema di cui si dispone. Conoscere quali sono le misurazioni, approfondire l’argomento risalendo a quelle che sono le misure e i parametri corretti è fondamentale dal momento che permette di accedere a informazioni molto importanti da poter comunicare, nel caso, agli addetti ai lavori, ovvero ai tecnici specializzati che verranno presso la abitazione per fare il controllo periodico della caldaia, sulla base di quanto indicato dai manuali, così che in caso di problemi tu sappia segnalarglieli e loro possano intervenire tempestivamente per risolvere il problema. Quando ti accorgi di eventuali problemi legati al flusso di acqua calda è possibile che questo significhi che ci sono gli problemi relativi alla pressione ideale caldaia, e questo è un qualcosa sul quale si dovrebbe poter intervenire tempestivamente, contattando l’assistenza così che possano mandare un tecnico esperto e competente che potrà risolvere facilmente ed efficacemente la problematica, controllando e stabilendo qual è la pressione acqua caldaia ideale per il tuo specifico apparecchio. Qualora tu stessi avendo dei problemi a causa di un’emissione poco carica di acqua, a causa probabilmente della bassa pressione, quello che devi fare è agire controllando proprio la pressione analizzando il pressometro, ovvero uno strumento molto funzionale dotato di una lancetta, solitamente presente sula facciata dell’impianto, e che indica i Bar con dei appositi numeri. I valori normali, ovvero quelli che non devono destare preoccupazioni dal momento che sono nello standard e consentono un corretto funzionamento dell’impianto, sono tra 0.8 e 1.5 Bar.

La pressione ideale caldaia: cosa succede se la pressione è troppo alta o bassa

Qualora ti accorgessi che la pressione dell’acqua calda è più bassa di quello che è considerato minimo, quello che si può fare è effettuare una ricarica, in quanto vuol dire che non vi è abbastanza pressione e quindi si deve intervenire tempestivamente per la risoluzione del problema. Quello che si deve fare è recarsi presso la caldaia e guardare nella parte bassa, individuando quello che è l’apposito rubinetto dell’acqua, dopodiché bisogna aprirlo, facendo attenzione a eseguire lentamente tale operazione in modo da evitare che assieme all’acqua entri anche dell’aria nell’apparecchio e, quando sentirai il flusso dell’acqua che corre, vedrai anche salire la lancetta che indica i Bar, e  quindi il problema sarà risolto. Cercando di risalire a quali possono essere i motivi per cui si ha la pressione bassa, rispetto a quella che viene considerata la pressione ideale caldaia, troviamo un possibile scompenso relativamente al vaso di espansione, oltre alla possibilità che ci sia una eventuale perdita di acqua analizzando un raccordo, per una singola componente o per più componenti. In tali casi il consiglio è quello di conoscere la problematica così da poterla identificare sapendo le problematiche alle quali potrebbe portare, e mentre si contatta un tecnico specializzato è consigliabile tenere sotto controllo sia questa componente sia lo scambiatore, in quanto tale elemento, a causa di eventuali accumuli per quanto riguarda il calore, potrebbe in taluni casi presentare delle perforazioni. Sempre a livello della pressione, e di analisi della pressione ideale caldaia, è opportuno segnalare come anche la presenza di aria nei termosifoni può portare problemi a livello del corretto funzionamento del sistema e quindi problemi di pressione: tutto quello che va fatto nel caso in cui ci si accorga della presenza di aria nei termosifoni, è rimuoverla aprendo quelle che sono apposte a lato dei termosifoni, ovvero le valvole di sfogo di ciascun termosifone, in modo che fuoriesca l’aria in eccesso e anche il termosifone possa ricominciare a funzionare correttamente. Si consiglia di iniziare a fare tale operazione partendo dal termosifone posto più lontano dalla caldaia, aprendo le valvole con delicatezza, e tenendole aperte sino a quando l’aria smetterà di fuoriuscire ma si vedrà solo uno scorrere regolare di acqua.

Un problema diverso, sempre restando in tema della giusta pressione caldaia, è relativo alla pressione alta: in tal caso quello che bisogna fare è aprire la valvola di sfogo che si può trovare sul fondo della caldaia: la si riconosce in quanto è una piccola valvola che si deve aprire oppure si può vedere un tubo strozzato che presenta una piccola valvolina interna, la quale si può aprire senza difficoltà esercitando una piccola pressione con l’aiuto di un cacciavite. Operando così avrete la possibilità di avere di nuovo finalmente libero il circuito idrico della caldaia e quindi non si presenteranno più problemi, dal momento che l’acqua in eccesso sarà eliminata e quindi anche la pressione tornerà normale.

Conoscere qual è la pressione ideale caldaia è fondamentale, così da poter intervenire tempestivamente qualora si presentassero problemi relativi alla non corretta pressione acqua caldaia ideale: con i parametri e le informazioni che ti abbiamo fornito potrai avere una idea iniziale su come controllare qual è la giusta pressione caldaia e sapere se intervenire autonomamente o se richiedere l’intervento di un tecnico in caso di problemi.

Arianna Bessone

Arianna Bessone