Quanto consuma ferro da stiro a secco e a vapore?

Quanto consuma ferro da stiro a secco e a vapore?

Ci chiediamo tutti quanto consuma un ferro da stiro, quanto consuma una lavatrice, un elettrodomestico di altra tipologia, la tv e altro ancora in casa, in quanto abbiamo bisogno di conoscere il consumo dei vari dispositivi casalinghi al fine di riuscire a capire quanto andremo a spendere sulla bolletta. Conoscere il consumo dei singoli dispositivi elettronici che si hanno in casa è molto importante, e coloro che sanno quanto consuma un ferro da stiro, così come gli altri elettrodomestici, possono aere la consapevolezza di quanto andranno a spendere, relativamente ai singoli apparecchi elettronici, sulla bolletta, e comunque averne una cognizione ad ampio margine. Anche se solitamente si pensa che siano il frigorifero, la lavatrice, la lavastoviglie e il forno elettrico ad aumentare la spesa sul totale della bolletta, c’è anche il ferro da stiro che può contribuirvi, pertanto sapere quanto consuma ferro da stiro è importante al fine di sapere, insieme agli altri elettrodomestici, quanto si andrà a spendere di bolletta dell’energia elettrica. Non tutti infatti pensano che il ferro da stiro possa incidere in maniera anche importante sulle bollette della luce, dal momento che non si reputa un elettrodomestico o un dispositivo in grado di consumare così tanta energia, ma bisogna pensare a come i ferri da stiro abbiano potenze che partono, solitamente, da un minimo di 600 per arrivare a 3000 W, che ovviamente possono variare anche sulla base alla tipologia e dello specifico modello del ferro da stiro utilizzato, il quale può presentare dei picchi massimi di assorbimento anche molto elevati.

Per analizzare quanto consuma un ferro da stiro all’ora, e anche quanto consuma quanti kw consuma un ferro da stiro, bisogna tenere i considerazione il fatto che la massima potenza del ferro da stiro viene erogata unicamente nella fase di riscaldamento, che si può riconoscere dalla presenza della classica luce rossa accesa, mentre nel momento in cui la temperatura raggiunge la temperatura desiderata e va a regime si abbassa anche la richiesta di corrente elettrica che va a 1000 W, un consumo valido al fine di consentire il mantenimento del calore. Se si dispone di un wattmetro capace di calcolare con esattezza i consumi si potrà risalire con precisione a quanto consuma ferro da stiro (anche con la distinzione tra ferro da stiro a secco e vapore), mentre qualora non si avesse un wattimetro ma si volesse giustamente sapere quanto consuma un ferro da stiro all’ora si può fare la seguente stima, ovvero moltiplicando 1000 W per 1 ora di utilizzo del ferro da stiro, e il risultato va moltiplicato per il prezzo dell’elettricità che si paga al livello della componente energia,  e il risultato sarà quanto si andrà a spendere all’ora. Una semplice spiegazione per illustrarti quanto consuma quanti kw consuma un ferro da stiro sulla base dell’analisi del costo della componente energia che speriamo possa risultarti utile.

Abbiamo visto quanto consuma un ferro da stiro all’ora, come si può fare per contenere la spesa sulla bolletta elettrica?

Se si vuole abbassare il costo finale sulla bolletta dell’energia elettrica si possono adottare alcuni piccoli accorgimenti, come evitare di lasciare il ferro da stiro acceso mentre si compiono le faccende domestiche ma spegnerlo se non lo si utilizza, impostare la funzione dei lavaggi delicati al fine di far sì sì che ci siano meno pieghe sui vestiti e quindi dover usare meno possibile il ferro, e stirare nelle fasce orarie a più basso consumo nel caso in cui si avesse una fascia bioraria per la luce. Come abbiamo anticipato, la potenza massima assorbita coincide con quanta energia viene consumata dal ferro da stiro al fine di arrivare alla massima potenza, e generalmente ciò accade quando si scalda il ferro per arrivare ad avere la temperatura che serve per lo stiraggio. Una volta raggiunta la temperatura che occorre, la potenza impegnata del ferro da stiro pian piano si riduce, stabilizzandosi poi a circa il 25% di quella che è la potenza massima. Se utilizzi un ferro da stiro che consuma questo per un’ora, hai la possibilità di utilizzare circa 1 kWh di energia, e ovviamente ciascun gestore può applicare prezzi differenti, quindi ovviamente va considerato il costo della componente energia applicato al fine di poter calcolare bene quanto consuma ferro da stiro. Analizzando il consumo partendo da un valore indicativo pari a 0,23 €/kWh, e si ipotizza un consumo pari a circa due ore a settimana, la spesa alla quale ammonterà annualmente l’utilizzo del ferro da stiro sarà di circa 24 € l’anno, anche se questa va ricordata che è una spesa indicativa, in quanto ci sono vari fattori da considerare, come anche se il tuo ferro è molto vecchio, o ovviamente la quantità di tempo per il quale lo utilizzi. Sulla base di tutti questi fattori, e adesso che sai come calcolare quanto consuma ferro da stiro, tenendo sempre conto che si tratta di calcoli abbastanza approssimativi, puoi valutare la spesa finale.

Arianna Bessone

Arianna Bessone