Quanto consuma la lavastoviglie? Scopriamolo insieme!

Quanto consuma la lavastoviglie? Scopriamolo insieme!

Tutti abbiamo sentito un amico, collega o parente affermare che l’utilizzo della lavastoviglie gli ha rivoluzionato la vita. Anche chi è sempre stato contrario a questo elettrodomestico, ha iniziato a ricredersi e, oltre a consigliarlo a tutti i propri conoscenti, afferma anche di non poterne più fare a meno nella quotidianità.

La lavastoviglie rappresenta senza dubbio un gran vantaggio per le famiglie, in quanto in pochissimi minuti si riuscirà a caricare un gran quantitativo di piatti, stoviglie e bicchieri. Sarà sufficiente selezionare il programma e la modalità di lavaggio perché la lavastoviglie entri in funzione, riconsegnandoci tutto il suo contenuto perfettamente pulito, igienizzato ed asciutto, così che noi dobbiamo solo più riporlo negli appositi spazi della cucina.

Una gran comodità, non c’è che dire, soprattutto per le famiglie numerose o quando si fanno molte preparazioni insieme e, quindi, una mano nel lavaggio e asciugatura di tutto l’occorrente utilizzato per cucinare è senz’altro molto gradita.

Occorre però, di pari passo, considerare anche quali sono i consumi di questo elettrodomestico, in quanto molti desidererebbero acquistarlo per la propria casa ma ciò che li frena è proprio il timore degli elevati consumi e, quindi, di veder crescere troppo il costo in bolletta.

Ovviamente non sarà possibile prevedere gli esatti consumi di una lavastoviglie piuttosto che di un’altra, in quanto ci sono molti fattori che occorre considerare, ma avere chiari alcuni concetti potrà senz’altro aiutare a capire se acquistare e utilizzare la lavastoviglie può rappresentare realmente un vantaggio o solo un costo.

Intanto, bisogna considerare, quando si sta pensando se comprare o meno una lavastoviglie, che il suo consumo è dettato dalle dimensioni della lavastoviglie stessa, da quanti lavaggi effettivamente vengono effettuati, dalla classe energetica della lavastoviglie e dalla tipologia scelta del ciclo di lavaggio usato. In base a questi fattori, si potranno trarre le prime somme.

Ovviamente, una lavastoviglie con una classe energetica elevata, come la A+++, consumerà molto meno rispetto a una di classe A, in quanto oltre a essere a più basso consumo energetico consentiranno di programmare anche funzioni quali il lavaggio rapido e il consumo potrà essere inferiore i 0,7 kWh. Ipotizzando quindi di avere una lavastoviglie di classe A+++ e contemplando un consumo all’anno inferiore a 231 kWh, si potrà calcolare che l’utilizzo della lavastoviglie costerà approssimativamente 45 € all’anno.

E i consumi relativi all’acqua?

Alcuni decenni orsono, le prime lavatrici consumavano in media tra i 25 e i 40 litri di acqua a lavaggio, mentre al giorno d’oggi (tenendo sempre conto della classe energetica e della dimensione: inutile specificare come per una lavastoviglie per uso industriale di grandi dimensioni il consumo di acqua sarà maggiore) il consumo si attesa sui 15 litri di acqua consumati a lavaggio.

Arianna Bessone

Arianna Bessone