Cos'è il riscaldamento a soffitto, pregi e difetti!

Cos'è il riscaldamento a soffitto, pregi e difetti!

Per riscaldare l'ambiente domestico ci sono diverse possibili opzioni fra cui scegliere: ad esempio, c’è chi ha i classici termosifoni sparsi per le stanze di casa, chi nel corso degli anni ha installato un riscaldamento autonomo con ventole negli ambienti principali, chi ha deciso di optare per il riscaldamento a pavimento e chi ha voluto andare ancora più in alto, scegliendo direttamente il riscaldamento a soffitto! Cos'è il sistema di riscaldamento a soffitto? Di seguito parleremo proprio di quest'ultima tipologia, che non tutti conoscono ancora bene, sebbene si stia diffondendo sempre di più non solo in ambito domestico, ma anche in ambito commerciale e industriale.

Ma come funziona esattamente? Com'è possibile riscaldare bene un ambiente se il calore proviene dall'alto e non dal basso (in effetti può sembrare un controsenso, visto che l'aria calda ha la tendenza a salire...)? Quali sono i vantaggi che comporta? E ci sono delle controindicazioni all'installazione di un impianto di questo tipo? Economicamente il riscaldamento a soffitto conviene? Cercheremo di rispondere a tutte queste domande!

Cos'è il riscaldamento a soffitto e come funziona?

Questa tipologia di riscaldamento rientra nella categoria dei sistemi radianti, i quali vengono così chiamati dal momento che coprono un ampio spazio dell’abitazione: in questo caso, la copertura riguarda solo una porzione limitata di soffitto con appositi tubi o pannelli radianti che servono a far circolare il calore nei vari ambienti della casa. Il sistema di pannelli radianti (che sono riscaldati da appositi tubi) si trova collocato dentro un controsoffitto generalmente realizzato in cartongesso (solo di rado il sistema è a vista). Il meccanismo di funzionamento del riscaldamento a soffitto è in realtà molto elementare: il principio che viene applicato e che occorre considerare per capire come avviene il riscaldamento è quello relativo allo scambio di irraggiamento che intercorre tra le superfici fredde e quelle calde. Ovvero, il calore viene sprigionato dai tubi o dai pannelli, arriva alle pareti della stanza (che rappresentano la superficie fredda) e rimane intrappolato tra le pareti distribuendosi uniformemente. Nei grandi ambienti, come nei ristoranti di grandi dimensioni, qualora si volesse usare un riscaldamento a soffitto ma si avesse la necessità di velocizzare le tempistiche di riscaldamento, è possibile optare per un sistema misto che tramite un sistema di conversione forzata consente all’aria di diventare calda e di diffondersi rapidamente grazie alle ventole elettriche che, girando, faranno circolare bene l’aria. Ora che abbiamo visto cos'è il riscaldamento a soffitto, andremo a vedere i pregi ed i difetti!

Cos'è il riscaldamento a soffitto? Gli aspetti positivi

Questo metodo di riscaldamento presenta diversi aspetti positivi. Prima di tutto, l'efficienza. Sia nei piccoli che nei grandi ambienti, infatti, l'installazione del sistema di riscaldamento a soffitto è efficace, in quanto consente di riscaldare i locali direttamente dall’alto garantendo un buon calore che rimane costante, si diffonde negli ambienti in maniera omogenea e senza quindi causare differenze di temperatura da una stanza all'altra (soprattutto per questo motivo sono sempre più numerosi gli italiani che scelgono tale metodo di riscaldamento). Inoltre si tratta di un sistema che, poiché il calore viene generato e diffuso dall'alto, permette anche di evitare la formazione di umidità e quindi di muffa sulle pareti (un problema che può interessare soprattutto le abitazioni poco esposte al sole).

In secondo luogo, la possibilità di risparmiare sui consumi è senza dubbio un altro vantaggio da non trascurare. In effetti, facendo qualche calcolo si può dire che il riscaldamento a soffitto conviene, dal momento che consente di consumare poca energia (molta meno rispetto ad altre tipologie di riscaldamento) ottenendo un effetto finale, in termini di riscaldamento, molto interessante.

Segnaliamo come ulteriore aspetto positivo la relativa semplicità dei lavori necessari ad installare l'impianto: non occorre infatti effettuare opere murarie demolendo sezioni dell’abitazione per inserire la caldaia per il riscaldamento a soffitto e i pannelli radianti, in quanto tutto può essere integrato velocemente nella casa senza difficoltà, installando semplicemente nel controsoffitto i pannelli (in questo modo si evita anche di lasciare tracce di lavoro sui muri).

Inoltre, parlando di riscaldamento a soffitto vantaggi come l’ingombro e la riuscita estetica sono centrali: non si avranno per casa, infatti, antiestetici e ingombrati termosifoni, bensì sarà tutto nascosto nel soffitto. Per finire, evidenziamo anche come l'impianto possa essere utilizzato e sfruttato in estate per rinfrescare l'ambiente, anziché riscaldarlo.

Cos'è il riscaldamento a soffitto? Gli aspetti negativi

A fronte di tanti aspetti positivi, bisogna segnalare anche un paio di note dolenti. Anzitutto, il fatto che questo sistema di riscaldamento non va bene per tutte le case, ma presenta alcune controindicazioni: il riscaldamento a soffitto infatti viene sconsigliato soprattutto per quelle abitazioni che presentano un soffitto molto alto, in quanto il calore rischierebbe in questi casi di andare perso nella stanza. In genere, si tende ad operare una distinzione fra gli edifici destinati ad uso abitativo e quelli destinati ad uso commerciale (o comunque non residenziale). Per le case, l'altezza del soffitto oltre la quale si sconsiglia questa tipologia di riscaldamento è di 4 metri (anche se poi bisogna considerare altre variabili come la grandezza degli ambienti), mentre per gli edifici commerciali è di 7 metri.

Un altro punto a sfavore, inevitabile pensando cos’è il riscaldamento installato a soffitto, è la lentezza con cui il calore viene distribuito nell'ambiente. Se si desidera riscaldare velocemente l’abitazione, quindi, è forse meglio orientarsi su un altro tipo di soluzione. Il sistema a soffitto, infatti, è mediamente più lento a garantire un calore costante all’ambiente rispetto al riscaldamento classico con termosifoni o al riscaldamento a pavimento.

Se avete capito bene cos'è il riscaldamento a soffitto e avete deciso di optare per questo sistema, vi ricordiamo che per contenere i costi sulla bolletta è importante stipulare un contratto con un distributore che sia in grado di garantirvi una buona offerta. Se volete trovare un modo per risparmiare, vi consigliamo di dare un'occhiata al nostro comparatore di tariffe!

 

Arianna Bessone

Arianna Bessone