Come funziona il riscaldamento elettrico a parete

Come funziona il riscaldamento elettrico a parete

Quando si parla di riscaldamento elettrico a parete ci possono essere taluni dubbi che potrebbero presentarsi, come chiedersi il riscaldamento elettrico a parete a basso consumo: consumerà di più o di meno rispetto a un sistema “classico” con i comuni caloriferi? O ancora, un riscaldamento radiante elettrico a parete erogherà sufficiente calore per tenermi al caldo, o rischierò di patire il freddo, e quindi sarebbe stato meglio se fossi rimasto co il comune termosifone? Sono domande lecite, ma bisogna pensare anche ai grandi vantaggi del riscaldamento elettrico a parete consumi e non solo, in quanto tale tipologia di riscaldamento presenta anche numerosi vantaggi grazie alle sue caratteristiche estetiche che lo portano ad essere amato ed apprezzato anche a livello estetico. Rimanendo sempre in tema di riscaldamento elettrico a parete a basso consumo bisogna considerare come tali nuovi sistemi di riscaldamento a pannelli radianti rappresentino una valida alternativa rispetto al tradizionale sistema di radiatori, quelli che tutti noi siamo stati fin a piccoli a vedere in casa: a dire la verità, i nuovi sistemi di riscaldamento a pannelli radianti venivano usati anche in passato, ma al giorno d’oggi le tecnologie che vengono impiegate sono ovviamente più innovative e quindi anche i risultati che si possono ottenere sono elevati e molto vantaggiosi. Con questa tipologia di riscaldamento, quest’ultimo avviene per irraggiamento, pertanto il caldo non si sofferma in un punto bensì viene distribuito equamente in tutto l’ambiente, in modo tale che ovunque ci si trovi in casa si possa godere di un buon tepore. Un tempo non erano pochi coloro che storcevano un po’ il naso a sentire parlare del riscaldamento elettrico a parete, dal momento che si pensava potesse arrecare taluni danni all’organismo come un aumento della pressione arteriosa, sudorazione e mal di testa, problematiche connesse alle alte temperature dell’impianto stesso, mentre al giorno d’oggi grazie alle moderne tecnologie si è riusciti ad ottenere soluzioni molto performanti e vantaggiose, e i disturbi non si presentano più.

Con il passare del tempo, infatti, tali impianti sono stati realizzati sempre di più con materiali di tipo isolante che portano anche a benefici per quanto riguarda la regolazione del calore, quindi si potrà godere dei sistemi di riscaldamento elettrico a parete in totale tranquillità. Si parla di riscaldamento elettrico a parete, ma in realtà i pannelli irradianti possono essere posizionati ovunque si desidera, anche a battiscopa o a pavimento.

E per quanto riguarda il riscaldamento elettrico a parete consumi?

Quando si parla di riscaldamento elettrico a parete a basso consumo non si può non citare l’elevato risparmio in termini di energia elettrica, unito ai bassi costi per quanto riguarda la manutenzione, che l’impiego di tale sistema apporta, con un vantaggio in termini economici sulla bolletta della luce molto interessante. Con un riscaldamento radiante elettrico a parete si potrà avere un risparmio notevole in termini energetici, pari al 30% rispetto all’utilizzo di un comune termosifone, soprattutto qualora si abbinasse l’utilizzo di tali pannelli all’utilizzo di un generatore a alta efficienza energetica. Inoltre, e questo è importante specificarlo, tali pannelli assicurano anche una alta climatizzazione alla casa, dal momento che non consentono solo di riscaldarla (così da godere di un bel tepore durante la fredda stagione), bensì anche di raffrescarla quando fuori fa caldo. La modalità usata, sia per il riscaldamento sia per il raffrescamento (quindi la climatizzazione) è salutare, proprio perché tali pannelli sono realizzati con materiali di alta qualità, quindi non ci si deve preoccupare per la propria salute dal momento che non si avranno effetti negativi utilizzando il riscaldamento elettrico a parete, il climatizzatore sempre a parete o presenti in altre aree della casa. Inoltre non si può non citare, tra i vantaggi del riscaldamento elettrico a parete a basso consumo, la rimozione dei vecchi termosifoni, i quali possono in taluni casi essere anche ingombranti e antiestetici, a favore di sistemi di design progettati per inserirsi bene in tutte le tipologie di ambienti casalinghi.

Considerando le varie tipologie di pannelli e sistemi, solitamente si opta per un riscaldamento elettrico a parete consumi ridotti anche per motivi di tipo spaziale, ovvero se si ha una abitazione di dimensioni contenute, con un riscaldamento a parete si potranno sfruttare bene le superfici laterali, senza ingombrare. La distribuzione omogenea del calore nell’ambiente (stanza) in cui viene installato l’impianto consente anche di ridurre la possibilità che si creino delle muffe e si presenti umidità in alcune aree della stanza, e questo ovviamente è un ulteriore motivo che gioca a vantaggio di tale tipologia di riscaldamento. Inoltre non bisogna dimenticare di sottolineare come il calore, con il riscaldamento radiante elettrico a parete, arriva in tutto l’ambiente più rapidamente rispetto agli altri impianti di riscaldamento, in quanto la parete irradia calore con maggiore velocità (e questo si deve alla bassa inerzia termica dell’intonaco rispetto ad altre superfici, come il massetto o le mattonelle del pavimento).

Arianna Bessone

Arianna Bessone