Consumo acqua lavastoviglie: quanto è?

In Risparmio energetico

Capire il consumo acqua lavastoviglie è essenziale se vogliamo capire se abbiamo margini di risparmio. Ormai quasi tutti abbiamo una lavastoviglie in casa e sappiamo quanto questo elettrodomestico sia utile nella nostra vita di tutti i giorni.

Cercheremo quindi di capire quanta acqua consuma una lavastoviglie con un occhio sempre al risparmio energetico. Il consumo medio acqua lavastoviglie, come vedremo, dipende da diversi fattori. Proveremo anche a dare qualche consiglio proprio nell’ottica del risparmio energetico così da pagare bollette meno salate per il consumo acqua lavastoviglie senza rinunciare a utilizzarla quando ci serve.

Ovviamente il consumo acqua lavastoviglie dipende anche da fattori che cambiano da persona a persona, si pensi ad esempio alla frequenza con la quale si provvede alla corretta manutenzione. Nei prossimi paragrafi ci soffermeremo proprio sui quali elementi considerare per provare a risparmiare nella bolletta idrica e della luce.

Consumo medio acqua lavastoviglie: cosa sapere

Se vogliamo sapere quanti litri di acqua consuma una lavastoviglie esattamente dobbiamo in primis ricordare che oltre al consumo idrico c’è anche quello elettrico. La lavastoviglie infatti non si limita a consumare acqua ma ha necessità anche di corrente elettrica.

Anche per questo motivo conoscere il consumo acqua lavastoviglie non ci basta se vogliamo avere un’idea dei costi complessivi collegati a questo elettrodomestico. Solitamente ogni modello riporta il consumo acqua lavastoviglie medio annuo e anche quello elettrico. La potenza energetica è riportata in kW mentre l’acqua in litri che indicano il consumo acqua lavastoviglie. Chiaramente quello riportato nelle etichette è solo il consumo medio acqua lavastoviglie (ed elettricità).

Nell’uso quotidiano il consumo acqua lavastoviglie potrebbe variare in quanto possiamo utilizzare l’elettrodomestico in modo diverso e con diverse potenze. Sarebbe anche opportuno ricordare che gran parte delle energie viene assorbita nella fase iniziale del lavaggio, ovvero quando l’elettricità serve per riscaldare l’acqua.

Consumo acqua lavastoviglie: che fattori considerare

Se parliamo di consumo idrico allora dobbiamo sapere che sarà riportato, proprio come quello elettrico, sull’etichetta dell’elettrodomestico. A seconda dei casi possiamo trovare il dato relativo al consumo acqua lavastoviglie riportato come consumo per ogni lavaggio o come stima su base annuale. Ma se vogliamo sapere esattamente quanti litri di acqua consuma una lavastoviglie allora dobbiamo partire dal presupposto che i dati cambiano da un caso all’altro.

Si dovrà infatti considerare che il consumo acqua lavastoviglie dipende anche da fattori come la capacità di carico dell’apparecchio e la sua tecnologia. Di solito lavastoviglie recenti avranno consumi d’acqua più bassi rispetto ai modelli del passato. Non solo, le recenti lavastoviglie sono state concepite proprio per massimizzare il risparmio d’acqua. Se ci interessa ridurre a minimo il consumo acqua lavastoviglie dovremmo orientarci su modelli a basso consumo idrico di ultima generazione con cui potremo lavare piatti e stoviglie con solamente 6 litri d’acqua a ciclo contro i 45-50 litri delle lavastoviglie più vecchie.

Chiaramente per un consumo acqua lavastoviglie basso dovremo optare per l’acquisto di elettrodomestici recenti che avranno un costo iniziale maggiore. Si consiglia comunque di scegliere sempre modelli con classe energetica A++. In ogni caso dobbiamo sapere che il consumo acqua lavastoviglie sarà sempre inferiore del lavaggio a mano.

Consumo acqua lavastoviglie: a cosa fare attenzione

Chi vuole sapere quanta acqua consuma una lavastoviglie dovrebbe anche sapere che una lavastoviglie guasta potrebbe dare seri problemi. Pertanto il consiglio è quello di avere sempre cura del proprio elettrodomestico lavandone periodicamente le componenti. Attenzione specialmente al calcare in quanto potrebbe pesare direttamente sul consumo acqua lavastoviglie facendoci trovare brutte sorprese in bolletta. Chi vive in zone dove c’è un’acqua molto calcarea corre un rischio maggiore in quanto con il tempo la sua lavastoviglie potrebbe subire dei danni.

Se il calcare non viene rimosso periodicamente potrebbe depositarsi sulla resistenza che fa da scambiatore di calore alterando così il processo di riscaldamento. Ecco quindi che avere una buona manutenzione aiuta a mitigare il consumo acqua lavastoviglie e anche ad evitare brutte sorprese in bolletta a fine mese.

Con il calcare infatti l’acqua ci metterà molto più tempo ad andare a temperatura, consumando così una quantità molto maggiore di energia elettrica. Si potrà comunque risolvere in modo concreto questo problema pulendo periodicamente la lavastoviglie e utilizzando sale specifico anti calcare.

Consumo acqua lavastoviglie: come risparmiare

Se vogliamo per quanto possibile limitare il consumo acqua lavastoviglie dobbiamo imparare ad azionarla solo a carico pieno così da sfruttare al meglio l’acqua e i detergenti. Meglio poi acquistare una lavastoviglie di dimensione idonee alle proprie esigenze e non usare mai il pre-lavaggio.

Si consiglia comunque di lavare via a mano prima le particelle di cibo in quanto porrebbe ostruire la lavastoviglie. Per risparmiare elettricità poi si consiglia di saltare l’asciugatura delle stoviglie aprendo il portellone dell’elettrodomestico. Infine potrebbe essere una buona idea utilizzare i programmi a risparmio energetico così da ottenere degli ottimi risultati finali cercando di minimizzare per quanto possibili i consumi elettrici e idrici.

Condividi:

Tags articolo

I più popolari

Non ci sono articoli

Cerca per tag

Non ci sono tag