Tariffa monoraria: che cos'è e come scegliere la più vantaggiosa

Tariffa monoraria: che cos'è e come scegliere la più vantaggiosa

Quando si deve cambiare fornitura sono molti i dubbi e le domande che possono affacciarsi, in primis relativamente al gestore nuovo a cui affidarsi, e poi sulla tipologia di fornitura da scegliere, se una tariffa monoraria o bioraria per la luce. Più avanti andremo ad analizzare dettagliatamente cosa significa tariffa monoraria, in modo da farti capire quali sono i grandi vantaggi ad essa legati, ma per riassumere il concetto se optare per delle tariffe monorarie luce o se è preferibile orientarsi verso le tariffe biorarie, ecco un consiglio. Qualora trascorressi gran parte del tempo sempre a casa e utilizzassi quindi l’energia elettrica tutti i giorni e a ogni ora, è più conveniente che tu sottoscriva un contratto con la tariffa monoraria per la luce mentre, al contrario, qualora stessi poco tempo a casa in settimana (in quanto studi o lavori fuori casa) e utilizzassi quindi la corrente elettrica soprattutto la sera o durante il weekend, ti converrà optare per la tariffa bioraria.

La liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica consente a oggi a tutti i consumatori di scegliere in piena libertà il proprio gestore di energia elettrica per la propria casa o per la propria società (in caso di clienti business), e la conseguenza della liberalizzazione del mercato ha portato tantissimi gestori a proporre tariffe monorarie luce sempre più convenienti e includenti numerosi servizi, ma prima di scegliere alla cieca il consiglio è di informarsi bene sulle singole peculiarità, così da fare una scelta motivata e consapevole della tariffa su misura per le proprie esigenze. Una delle prima cose alle quali devi prestare attenzione, quando stai per scegliere una nuova tariffa monoraria, riguarda l’alternativa esistente e che potresti ritrovarti tra prezzo fisso o indicizzato. Il prezzo fisso fa riferimento a un prezzo bloccato per un periodo di tempo che oscilla solitamente tra i 12 e i 24 mesi (anche se per sapere con esattezza bisogna visualizzare l’informazione dedicata sula pagina del gestore o contattare il servizio di Assistenza Clienti del gestore di proprio interesse), mentre il prezzo indicizzato il prezzo della componente energia può variare a seconda delle oscillazioni che ha il mercato e pertanto non è fisso bensì potrà avere delle modifiche in alto, quindi aumentando di prezzo, o in basso, riducendolo. Qualora la propria scelta ricada sul prezzo bloccato, occorrerà poi decidere se è la tariffa monoraria per luce a fare al caso proprio e, in caso di risposta affermativa, decidere quale è la tariffa monoraria migliore tra quelle disponibili, così da operare una scelta consapevole della fornitura che si intende sottoscrivere. 

Cosa significa tariffa monoraria e perché conviene?

Come abbiamo anticipato, le tariffe monorarie luce fanno riferimento a prezzi della componente energia che rimangono costanti tutte le ore della giornata, quindi senza subire diminuzioni o aumenti a seconda che si accenda la luce o si utilizzino gli elettrodomestici in determinate fasce orarie. Le tariffe monorarie luce pertanto applicano un unico prezzo della componente energia a tutti i consumi effettuati dal cliente e, sulla bolletta, si vedrà pertanto un solo numero che indica i kilowattora consumati, al quale verrà applicato un unico prezzo contrattuale (mentre nel caso delle tariffe biorarie vi sarà la distinzione a seconda delle fasce orarie di consumo dell’elettricità). La tariffa monoraria presenta vari vantaggi che si concretizzano sia nella stipula del contratto sia soprattutto nella gestione quotidiana dei consumi dell’energia elettrica. Per quanto riguarda la stipulazione del contratto, bisogna segnalare il fatto che grazie all’unico prezzo che verrà applicato a tutti i consumi, il cliente può pertanto confrontare con facilità il prezzo proposto per la nuova fornitura rispetto a quello proposto da altri gestori e a quello precedente, quindi sarà immediatamente visibile quanto si potrà risparmiare (per poter fare un calcolo ancora più accurato, puoi dividere il costo della materia prima proposto dal nuovo gestore per l’energia che hai consumato e visualizzare quanto sarebbe l’importo, confrontandolo con l’importo che vedi sulla tua attuale bolletta, così da vedere subito se e quanto puoi risparmiare).  Dopo aver capito cosa significa tariffa monoraria, bisogna considerare anche che scegliendo la tariffa monoraria migliore avrai minori vincoli per l’utilizzo dell’energia elettrica, dal momento che con la tariffa monoraria non avrai più la preoccupazione di contenere i consumi in determinati giorni o nelle fasce orarie serali, quindi sarai libero di usare i tuoi elettrodomestici come e quando vorrai. La tariffa monoraria possiamo quindi affermare che sia un modo intelligente per la gestione dei consumi di energia elettrica e per ultimo, anche se molto importante, non dimentichiamoci della riduzione dei costi, scegliendo la tariffa monoraria.  Con la tariffa bioraria infatti, basta consumare poco ma nella fascia oraria sbagliata per spendere tanto e non poter risparmiare, mentre questo problema non si potrà verificare con la tariffa monoraria migliore, in quanto il costo della componente energia sarà lo stesso a ogni ora e ogni giorno della settimana.

Arianna Bessone

Arianna Bessone