Tariffe a consumo: quando e a chi convengono

Tariffe a consumo: quando e a chi convengono

Un tempo esistevano solo le tariffe a consumo, ovvero spendevi quanto consumavi, mentre al giorno d’oggi con l’avvento dei nuovi piani tariffari può sembrare quasi un anacronismo sentir parlare di tariffe mobile a consumo e di tariffe Internet a consumo. Ormai, nella nostra era tecnologica attuale, tutti (o quasi) possediamo un cellulare e un computer a casa, e ormai siamo tutti abbonati a piani tariffari che includono pacchetti molto vantaggiosi, sia legati al mobile sia a Internet, Pensiamo al nostro cellulare: quasi sicuramente avremo un piano tariffario che include minuti di chiamate, sms e Giga a un prezzo standard, al quale è possibile aggiungere a seconda delle proprie esigenze più minuti per fare le telefonate, più sms o più Giga qualora si desiderasse. Così come accade alle tariffe Internet: ormai tutti noi per il nostro pc, per usare Internet e avere una connessione valida ed efficiente abbiamo sottoscritto un piano tariffario in abbonamento che consente di avere a disposizione quello di cui si ha bisogno a un prezzo molto vantaggioso, senza problemi di dover fare ricariche ma avendo la possibilità di avere a disposizione quello di cui si ha bisogno in modo semplice e senza disagi. La maggior parte delle persone usa uno smartphone o un i-phone con un’offerta che include minuti, sms e giga, a fronte del pagamento da parte dell’utente di un canone mensile, ma la domanda in merito a quanto si spenderebbe al giorno d’oggi con una tariffa considerata base, quindi una delle tariffe a consumo, senza la possibilità di approfittare di una tariffa tutto incluso, è comprensibile. Spesso ci si può chiedere se davvero una tariffa con piano che include tutto possa realmente essere conveniente, dal momento che magari si consuma poco con il proprio cellulare e quindi con una delle tariffe mobile a consumo si potrebbe risparmiare, così come qualora si decidesse di approfittare delle tariffe Internet a consumo invece di optare per uno dei piani che includono una connessione per la propria casa tutto incluso. Per dare una risposta a questo interrogativo, assolutamente legittimo, possiamo dire che le tariffe a consumo spesso non convengono rispetto a una offerta a soglie, in special modo per chi utilizza con grande frequenza il proprio cellulare per fare le chiamate, inviare sms e navigare su Internet, mentre potrebbero convenire per chi usa poco il telefono, anche se bisogna comunque agire e decidere con cautela, dal momento che spesso anche a fronte di poca disponibilità nelle tariffe a consumo si associa lo stesso prezzo deli piani tariffari che includono chiamate, sms e Giga, e in tali casi viene da sé capire che non c’è convenienza. Inoltre è sempre importante considerare come spesso accade che se si sfora leggermente nelle tariffe a consumo, il prezzo che si paga in più è davvero molto elevato, quindi la scelta migliore, qualora si facesse anche solo un uso medio del telefono, è quello di optare per le tariffe che includono minuti di chiamate, sms e Giga.

Quali tariffe mobile a consumo applicano i diversi gestori?

A seconda del singolo gestore vengono applicate diverse tariffe a consumo. Tim, ad esempio, ha a disposizione degli utenti Tim Facile, la quale include chiamate a 49 centesimi al minuto, senza che ci sia lo scatto alla risposta, sms a 7,32 centesimi e Internet con connessione dati a 4 €/giorno per un ammontare di 500 MB, oppure la Tim base news, la quale prevede la stessa tariffa per la connessione Internet la 23 centesimi al minuto per le chiamate e 19 centesimi a sms.  Per quanto riguarda Vodafone, abbiamo come tariffe a consumo la Vodafone 25 New che prevede chiamate a 25 centesimi al minuto, sms a 29 centesimi e per quanto riguarda la connessione Internet questa costa 1,20 /giorno per ogni Giga consumato, oppure la Vodafone Senza Scatto New che prevede l’applicazione per le chiamate di un costo di 29 centesimi al minuto, sms a 7 centesimi e il medesimo prezzo della tariffa sopra esplicata per quanto riguarda la connessione a Internet, oppure ancora la Vodafone Life Connect che prevede un pezzo più elevato, di 6 €/giorno, per 1 Giga di traffico, il quale viene addebitato però solo in caso di reale utilizzo (quindi se non si userà la connessione dati, non verrà addebitato alcun costo). Passiamo infine a Wind, con la tariffa WINDTRE Basic che prevede un costo per le telefonate pari a 29 centesimi al minuto, sms a 29 centesimi e un costo di 4 €/giorno per una connessione Internet che prevede 500 MB, con l’applicazione del costo solo qualora realmente si utilizzasse la connessione Internet, altrimenti non verrà scalato nulla, oppure in alternativa la WINDTRE Easy, la quale include chiamate a 30 centesimi al minuto, sms a un costo di 30 centesimi e una connessione Internet a 24 centesimi per ciascun MB che viene consumato.

Arianna Bessone

Arianna Bessone