Qual è la temperatura ideale in casa, stanza per stanza?

Qual è la temperatura ideale in casa, stanza per stanza?

La casa è il luogo in cui trascorriamo la maggior parte della nostra giornata, dai momenti di relax allo smart working, fino alle cene in famiglia. È il luogo in cui ci sentiamo protetti, al calore dei nostri familiari. Per questo motivo, mantenere una temperatura ideale in casa è molto importante per rinforzare le difese immunitarie e risparmiare sulla bolletta del riscaldamento o del condizionatore. Ma quasi tutti vi riconoscerete nella continua battaglia tra i freddolosi che durante l’anno lottano a colpi di termostato e chi durante l’estate rimane letteralmente incollato al condizionatore.

Ci sono dunque diversi momenti, durante l’anno e nel corso della giornata, in cui la gestione della temperatura in casa dovrà essere diversa. Così come sarà diversa con la presenza di bambini o anziani.

Se ti stai chiedendo quali sono le temperature ideali che si devono mantenere in casa nelle diverse occasioni, in quest’articolo spiegheremo le differenze e ti daremo numerosi consigli su come gestire il caldo e il freddo.

Qual è la temperatura ideale in casa?

In Italia, secondo le disposizioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la temperatura ideale da tenere in casa è di 20 gradi. C’è una tolleranza di 2 gradi, quindi la temperatura potrà oscillare tra i 18 e i 22 gradi.

I diversi ambienti della casa, per differenti motivi di salute, attività e risparmio energetico, obbligano l’impostazione di temperatura diverse. In salotto, l’ambiente in cui i membri della famiglia trascorrono la maggior parte del tempo, sul divano e poltrone in momenti di relax o a tavola in convivialità con gli altri, la temperatura può essere mantenuta sempre all’interno dello standard dell’Oms, quindi intorno ai 20 gradi. A volte la presenza di mobili vicino ai termosifoni non permette il giusto riscaldamento e la diffusione del calore all’interno della stanza: è consigliabile quindi mantenere una distanza di circa 60 cm.

La cucina invece è un ambiente molto più caldo rispetto alle altre stanze, prendendo in considerazione la presenza di elettrodomestici come il forno, microonde e i fornelli del gas che aiutano all’aumento della temperatura nella stanza. Per questo motivo la temperatura ideale in cucina scenderà di qualche tacca sui 18 gradi.

Nella zona notte invece, la temperatura deve scendere fino a 16 gradi. Questo perché, in una zona come la camera da letto, questa temperatura previene da disturbi della salute e del sonno.

La situazione cambia leggermente se si considera la temperatura ideale in casa per bimbi. I neonati infatti sono maggiormente delicati e soggetti a disturbi respiratori in luoghi molto caldi. In questo caso la temperatura ideale in casa si aggira intorno ai 20 gradi di giorno e 18 gradi di notte. Una temperatura più bassa e quindi più fresca permette al bambino di respirare e di conseguenza riposare meglio. Inoltre le temperature molto alte portano alla proliferazione di muffe sulle pareti, questo può arrecare problemi ai bambini predisposti alle allergie.

Quando arriva il freddo: la temperatura ideale in casa in inverno

Durante la stagione invernale, con l’accensione dei termosifoni e l’inizio del primo freddo, si è più portati a cercare di aumentare la temperatura per proteggersi dal gelo. Il corpo umano però non sopporta gli sbalzi di temperatura eccessivi e, se si esagera con il riscaldamento, si può andare incontro a difese immunitarie più basse, problemi cardiovascolari, secchezza della pelle e dei capelli.

Inoltre non è salutare né ambientalista indossare una maglietta a maniche corte durante l’inverno, ma evitare il consumo eccessivo di energia. Per riscaldarti infatti non è sempre necessario aumentare la temperatura del riscaldamento, ma si possono adottare alcune buone abitudini.

Prima di tutto dopo aver mangiato, bisognerebbe coprirsi, poiché il momento in cui il nostro corpo sente più freddo poiché in quel momento tutte le energie sono concentrate per facilitare la digestione. Anche mentre si legge un libro o si guarda la tv fermi sul divano, è probabile che si senta più freddo, ma basterà coprirsi con un plaid e tenere tra le mani una tazza di thè caldo. Il consiglio è quello di indossare anche un paio di calze di lana poiché avere le estremità del corpo fredde ti farà sentire più freddo.

Inoltre potrai regolare il termostato durante il giorno a una temperatura ideale in casa d’inverno che sia accettabile, intorno ai 20 gradi, alzandola solo quando effettivamente si è presenti in casa, evitando vertiginosi sbalzi di temperatura.

La temperatura ideale in casa d’estate

Durante la bella stagione, la tentazione di tenere il condizionatore acceso tutto il giorno è molto alta. Bisogna però tenere presente che la differenza di temperatura tra l’esterno e l’interno non deve superare i 7 gradi. Anche in questo caso, la temperatura ideale in casa d’estate si aggira intorno ai 20 gradi, ma è accettabile fino ai 24.

Lo sbalzo termico dal caldo esterno all’aria condizionata può infatti provocare contrazioni muscolari, torcicollo, mal di testa e congiuntivite.

Il consiglio è quello di tenere sempre chiuse finestre e tapparelle di giorno e aprirle solo la sera per rinfrescare le stanze. In questo modo non sarà necessario accendere il condizionatore durante il sonno e le ore notturne. Sarà inoltre sufficiente impostare un timer per il tempo sufficiente a raffreddare le stanze, evitando così un ulteriore spreco di energie.

Come mantenere la temperatura ideale in casa di notte

La temperatura deve essere diversa durante le ore del giorno, anche se non di molto. Nelle ore notturne la qualità del sonno dipende da molti fattori tra i quali il calore della stanza in cui si dorme. Ecco perché di notte la temperatura ideale in casa deve essere mantenuta più bassa di circa 2-3 gradi rispetto a quella giornaliera, per conciliare il buon riposo e per prevenire problemi come mal di testa, irritazioni cutanee e problemi respiratori.

Durante la notte, basterà utilizzare un maglione o una coperta in più per non soffrire il freddo. Inoltre il calorifero dovrà sempre essere sempre ad un minimo di 80 centimetri di distanza.

Quali sono i vantaggi della temperatura ideale in casa?

Seguire le indicazioni dell’Oms produce notevoli vantaggi sia sulla salute sia sull’ambiente. Mantenere la giusta temperatura negli ambienti casalinghi vi permetterà di aumentare le difese immunitarie, contrastando lo sviluppo di patologie respiratorie e cardiovascolari. Allo stesso modo risparmierete con l’abbassamento dei consumi, inquinando meno e, di conseguenza, salvaguardando l’ambiente.

Igor Callieri

Igor Callieri