Tipi di lampadine: quali utilizzare per risparmiare

Tipi di lampadine: quali utilizzare per risparmiare

Come tutti noi ben sappiamo, le lampadine hanno una storia, a partire dalla nascita della prima lampadina fino ai giorni attuali: ci sono tanti tipi di lampadine che al giorno d’oggi si possono reperire in commercio, da quelle classiche e tradizionali, che tutti noi siamo abituati a vedere nelle nostre case fin da quando siamo piccoli, a quelle più moderne. Ogni tipo di lampadina ha caratteristiche specifiche e consente di ottenere calore diverso nella casa, pertanto quando ci si trova a dover fare una scelta su quali tipi di lampadine per casa scegliere, tra le numerose presenti in commercio, può non essere facilissimo compiere la scelta. Ovviamente se si è anche solo un minimo esperti dell’argomento si sa che taluni tipi di lampadine a risparmio energetico, oltre a funzionare bene, consentono di ottenere una  ottima illuminazione a minor costo, quindi a un impatto più basso rispetto a quelle tradizionali sulla bolletta della luce, e questo ovviamente è un fattore che non si deve trascurare quando si deve analizzare, tra le varie cose, anche il risparmio tra lampade led e altri tipi di lampadine, al fine di riuscire a fare la scelta migliore. Sono molte le persone che scelgono di dire addio alle classiche lampadine con le quali siamo cresciute, quelle tradizionali che magari consentono anche di ottenere una buona illuminazione ma che presentano anche consumi più alti, e che quindi se si tengono accese a lungo possono influire, negativamente, sulla bolletta dell’elettricità, a favore delle nuove lampadine a led, le quali presentano numerosi vantaggi anche in termini di consumo. La scelta tra i vari tipi di lampadine per casa deve essere ponderata, tenendo come prima cosa in considerazione quelle che sono le proprie esigenze, sia per quanto concerne l’illuminazione che si vuole ottenere nella propria casa, sia relativamente al consumo, optando magari per indirizzare la propria attenzione verso tipi di lampadine a risparmio energetico, così da unire entrambe le cose: ottima illuminazione e bassi consumi.

Quanti tipi di lampadine per casa esistono? E qual è il risparmio tra lampade a led e altri tipi di lampadine?

Iniziamo facendo una breve panoramica sui tipi di lampadine esistenti, in modo da poter avere una idea chiara sulle tipologie che esistono, al fine anche di capire su quali di tipi di lampadine è consigliabile rivolgere la propria attenzione al fine di massimizzare la possibilità di risparmio. Ovviamente, per fare una panoramica storica sui tipi di lampadine per casa, non possiamo non citare le prime lampadine esistenti, ovvero quelle a incandescenza, la quale era costituita da un apposito filamento che appena veniva attraversato dall’energia elettrica consentiva l’illuminazione. Nel 1950 le lampade a incandescenza vennero sostituite da quelle alogene, le quali consentivano di ottenere una illuminazione poco elevata (basti pensare che il 95% dell’energia elettrica veniva trasformata in calore e solo il 5% in luce), con un surriscaldamento elevato e la richiesta di un grande quantitativo di potenza al fine di poter illuminare bene le stanze, e infatti nel 2012 tale tipologia di lampadina venne messa al bando dalla UE. Dopo e lampade alogene, le quali vennero comunque prodotte in numerose varianti, con diversi tipi di lampadine a risparmio energetico sempre alogene, si arrivò a uno speciale tipi di lampade, a fluorescenza, le quali sono costituite da un rivestimento esterno realizzato in vetro che presenta all’interno delle speciali polveri fluorescenti, oltre a un apposito strato di gas, e tale unione consente l’ottenimento della luce al momento in cui viene attraversata dalla corrente elettrica. Andando avanti troviamo poi le lampade ad induzione magnetica, lampade agli ioduri metallici, arrivando infine alle lampade a led, ancora oggi utilizzate e che hanno interessanti caratteristiche le rendono sempre più richieste sul mercato, grazie anche alle loro evoluzioni nel corso del tempo. Con le lampadine a led si può infatti ottenere un risparmio energetico elevato, con conseguenze positive sulla bolletta dell’elettricità, e inoltre tali tipi di lampadine a risparmio energetico presentano anche una lunga durata, con consumi molto ridotti a livello dei consumi. Basti pensare che una lampadina a led ha una durata venti volte superiore rispetto a una lampadina normale, arrivando a consumare fino a sei volte di meno in termini di energia, e quindi è facile calcolare quanto si può risparmiare decidendo di usare una speciale lampada a led per l’illuminazione della propria casa, rispetto alle lampade tradizionali. Le lampade a led inoltre possono durare fino a 40.000 ore, contro le appena 2000 ore delle lampade alogene, quindi anche se è vero che presentano un costo di acquisto generalmente più elevato rispetto alle altre tipologie di lampade, il risparmio tra lampade a led e altri tipi di lampadine, se si mettono a confronto, è davvero molto interessante. Le lampadine a led inoltre sono anche molto resistenti, anche qualora subissero degli urti, ma sono al contempo anche molto leggere, quindi possono essere prese, montate e smontate senza difficoltà. Se quindi sei mosso dalla prospettiva di poter finalmente ottenere un buon risparmio energetico in casa, se opterai per le lampadine a led sappi che farai una ottima scelta.

Arianna Bessone

Arianna Bessone