Traffico organico Vs. traffico sponsorizzato: qual è l’arma migliore per un comparatore?

Traffico organico Vs. traffico sponsorizzato: qual è l’arma migliore per un comparatore?

In tanti si chiedono se sia meglio puntare su una strategia apparentemente naturale per il posizionamento de proprio comparatore nel ranking dei motori di ricerca, con conseguente aumento del traffico organico, o se sia preferibile il tutto e subito, consentito dal posizionamento a pagamento, e quindi dal conseguente traffico sponsorizzato. I comparatori di tariffe solitamente si avvalgono di entrambi gli strumenti: sia del traffico organico sia di quello sponsorizzato, e mettono in atto strategie ad hoc per ottimizzare le possibilità di ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca da entrambi le fonti, sia dalla Seo sia dal Sem, aumentando così il bacino di utenti e, di conseguenza, le chance di vendita o di richiesta di informazioni.

Quando si parla di traffico organico si fa riferimento alla Seo, acronimo che indica la Search Engine Optimization, ed è una fonte di traffico molto valida e affidabile. E' conosciuta, la Seo, come traffico organico, dal momento che all'utente figura come se il sito, o il comparatore, si trovasse nella posizione in prima pagina in modo naturale senza che vi siano forzature. Quando, invece, si parla di traffico sponsorizzato, si parla di Sem, acronimo che indica il Search Engine Marketing, e per spiegarla in modo semplice ai non addetti ai lavori ci si riferisce agli annunci sponsorizzati che appaiono all'utente sulla pagina di Google in alto o in basso con la piccola dicitura Ann. spons. Qualora un comparatore desiderasse ottenere una visibilità immediata solitamente viene consigliato di optare per una iniziale, e sicuramente fruttuosa, strategia che adotta il traffico sponsorizzato, in quanto in poco tempo si potrà scalare la vetta di Google e avere il proprio annuncio sponsorizzato ben presente e visibile nella prima posizione in prima pagina del motore di ricerca. Qualora invece non si volesse ottenere un effetto più naturale e non artificial per il posizionamento del proprio comparatore, sicuramente la Seo consentirà di ottenere un risultato valido, attendibile e affidabile agli occhi dell'utente, anche se optando per una strategia Seo i tempi potrebbero allungarsi prima di riuscire a ottenere la prima posizione su Google.

Se si ha la possibilità di investire in entrambe le strategie, optando quindi sia per il posizionamento naturale sia per quello sponsorizzato su Google per il proprio comparatore, quindi portando su di esso sia traffico organico sia a pagamento, è sicuramente consigliabile per ottenere i massimi risultati.

Arianna Bessone

Arianna Bessone