Come scegliere i contratti di telefonia mobile

la guida

Come scegliere i contratti di telefonia mobile, uno sguardo generale

Ci sono tantissimi contratti telefonia mobile tra cui puoi scegliere che applicano diversi tipi di tariffazione. Ci sono diversi operatori che propongono offerte telefonia mobile potenzialmente molto interessanti, dovrai imparare come orientarti per scegliere quella migliore per le tue specifiche esigenze e necessità. Impara a mettere i contratti telefonia mobile a confronto per trovare quello che cerchi ma sappi che non sarà così facile perché ci sono davvero decine e decine di contratti telefonia mobile che potrebbero davvero fare al caso tuo. Dal momento che gli operatori sono davvero tanti e le offerte possono sembrare tutte estremamente vantaggiose dovresti imparare ad analizzare e confrontare tutti i contratti telefonia mobile.

Hai bisogno di aiuto? Non ti lasciamo solo!

Contratti di telefonia mobile: cosa aspettarsi dal gestore

Quando devi scegliere tra diversi contratti telefonia mobile hai bisogno di sapere a quali dati e informazioni fare più attenzione. Diffida sempre degli operatori che ti promettono servizi e costi bloccati per sempre e tieni conto che, quando si parla di contratti telefonia mobile, gli operatori hanno la facoltà di modificare a piacimento le condizioni delle offerte in modo unilaterale. In questo senso l’Agcom nel gennaio 2020 ha chiarito che il diritto di recesso dal contratto sarà una garanzia sufficiente solamente se gli operatori telefonici si limitano a modificare le condizioni del contratto da te sottoscritto. Questo significa che gli operatori telefonici potranno modificare la tariffa ma non potranno inserire dei servizi a pagamento obbligatori. Mettere i contratti telefonia mobile a confronto è sicuramente un ottimo modo per cominciare la ricerca dell’offerta migliore di telefonia ricaricabile. Proseguendo con la lettura potrai trovare tutti i nostri consigli su come scegliere le migliori offerte telefonia mobile ricaricabile a cominciare dalle voci più comuni che dovrai prendere in considerazione.

Contratti telefonia mobile: le diverse tipologie

I gestori nazionali propongono alla clientela sostanzialmente tre diverse tipologie di contratto che si rivolgono ai clienti privati (ricaricabile o abbonamento) oppure ai clienti con partita IVA (business). La tipologia di contratto si sceglie al momento in cui decidi di acquistare una scheda SIM e dovrai sceglierla con estrema attenzione per evitare brutte sorprese. Ricorda comunque che, quando si parla di abbonamenti telefonici, potrai passare da un contratto all’altro in qualsiasi momento. Se vuoi trovare le migliori offerte telefonia mobile ricaricabile devi sapere che i piani tariffari applicati sono “flat” o “a consumo”. I piani tariffari a consumo prevedono uno scatto alla risposta e anche una tariffa al minuto. Al contrario, i piani tariffari flat prevedono il pagamento di una somma mensile in base al consumo di un determinato ammontare di traffico voce e dati, sms e tv. Esistono anche dei contratti telefonia mobile flat che consentono un traffico illimitato, starà a te scegliere quello giusto in base alle tue esigenze di utilizzo. Di solito comunque, quando si parla di tariffazioni a consumo si fa riferimento alle solite carte ricaricabili, viceversa quando parliamo di tariffe flat, parliamo di contratti ad abbonamento.

Ricorda che al momento di sottoscrivere un contratto di telefonia mobile dovrai scegliere se attivare una tariffa flat (abbonamento) o una tariffa a consumo (ricaricabile)

La differenza tra abbonamento e ricaricabile: le offerte ricaricabili

Trovare le migliori offerte telefonia mobile ricaricabile può non essere così semplice dal momento che gli operatori sono molti. Il contratto ricaricabile comunque è senz’altro quello più noto e diffuso anche perché se sottoscrivi un’offerta ricaricabile con prepagata potrai gestire l’uso del cellulare senza per questo dover pagare tasse statali. La SIM che acquisti contiene un minimo di traffico all’acquisto e potrai ricaricare a tuo piacimento scegliendo l’importo a te più congeniale. Potrai acquistare le carte di telefonia ricaricabile presso tutti i punti vendita dell’operatore della SIM, presso tabaccai e negozi autorizzati, autogrill. GDO e molti altri. Se vuoi optare per le carte prepagate dovrai recarti presso uno dei centri vendita del gestore da te scelto e dovrai procedere con l’attivazione fornendo i tuoi documenti di identità. Qualora tu volessi poi passare a un altro operatore potrai recedere dal contratto chiedendo la disattivazione della tua SIM senza per questo dover pagare una penale economica. L’unico vincolo di cui dovresti tener conto per quanto riguarda i contratti telefonia mobile ricaricabili è quello della scadenza della SIM card 13 mesi dopo l’ultima ricarica effettuata. In sostanza dovrai effettuare almeno una ricarica sulla prepagata entro i 13 mesi dall’attivazione della SIM. In caso contrario dopo il tredicesimo mese potrai solo ricevere chiamate e messaggi e dopo il quattordicesimo la scheda verrà disattivata. Tieni anche conto del fatto che, al momento dell’acquisto, la scheda prepagata ha un certo piano tariffario. Qualora tu volessi cambiarlo potrai farlo scegliendone un altro tra quelli offerti dal gestore. Attento però perché passare da un piano tariffario all’altro potrebbe prevedere il pagamento di una somma che verrà addebitata sul traffico telefonico o al momento dell’acquisto di una carta servizi. Ti conviene essere sempre molto attento in quanto ci potrebbero essere periodi precisi in cui il passaggio da un piano tariffario a un altro potrebbe essere gratis. Riassumendo, se deciderai di scegliere i contratti telefonia mobile ricaricabili avrai il pregio della flessibilità del contratto e potrai anche scegliere in completa libertà l’importo delle ricariche. Non avrai nessun obbligo di ricarica mensile e potrai scegliere tra una vasta gamma di piani tariffari specifici per le tue esigenze. Tra i possibili difetti dei contratti telefonia mobile ricaricabili c’è sicuramente il già citato obbligo di ricaricare almeno una volta in 12 mesi e quello di corrispondere un costo per il cambio piano tariffario. Ti consigliamo di controllare periodicamente per trovare le migliori offerte telefonia mobile ricaricabile in base alle tue esigenze.

Ricaricabile o abbonamento? Le offerte ricaricabili ti consentono di scegliere in completa libertà l’importo delle ricariche senza alcun vincolo di ricarica mensile. Attento però perché se non farai almeno una ricarica in 12 mesi, la scheda SIM verrà disattivata.

La differenza tra abbonamento e ricaricabile: le offerte con abbonamento

Abbiamo appena visto cosa sono e come funzionano le offerte telefonia ricaricabile, vediamo ora quelle a contratto con abbonamento (flat). Devi sapere in questo caso che potrai sottoscrivere il contratto in abbonamento all’acquisto di una SIM di qualsiasi gestore telefonico oppure effettuando il passaggio da un contratto ricaricabile. La differenza tra abbonamento e ricaricabile in questo caso è fin troppo evidente in quanto con un contratto flat avrai a disposizione un pacchetto di servizi previo il pagamento di una somma mensile. Chiaramente il pacchetto servizi non sarà uguale per tutte le offerte ma cambierà in base al piano tariffario scelto. Tieni anche presente che le offerte flat solitamente hanno un limite massimo per traffico voce, testo e dati. Per quanto riguarda i pagamenti, non dovrai acquistare tu la ricarica come con le offerte ricaricabili in quanto il pagamento ti verrà addebitato direttamente su conto corrente. I contratti ad abbonamento di solito hanno una durata che va dai 12 ai 24 mesi e se deciderai di recedere prima della scadenza dovrai sobbarcarti dei costi che verranno calcolati in base al numero dei mesi di durata del contratto e in base al costo del cellulare, se ottenuto con l’abbonamento al momento della sottoscrizione del contratto. Dovresti però considerare che ogni piano abbonamento disponibile prevede anche il pagamento di un’imposta, la tassa di concessione governativa, che andrà corrisposta sia sui contratti sottoscritti dai privati, sia su quelli di chi possiede una partita IVA e sottoscrivono contratti Business. Questa tassa ammonta a 5,16 euro al mese per i clienti privati e dovrai tenerne conto al momento di scegliere tra ricaricabile o abbonamento. Riassumendo quindi, attivando dei contratti telefonia mobile ad abbonamento non dovrai più ricaricare il credito del telefono periodicamente e potrai anche scegliere dei cellulari da pagare a rate mensili assieme all’attivazione dei piani tariffari. Purtroppo però con un’offerta ad abbonamento dovrai anche mettere in conto di dover pagare la tassa di concessione governativa mensile e di dover pagare una penale qualora tu decidessi di recedere dal contratto prima della scadenza prestabilita.

Ricaricabile o abbonamento? Le offerte in abbonamento ti permettono di fare a meno di ricaricare periodicamente il credito. Inoltre potrai anche scegliere un cellulare da abbinare all’offerta da pagare a rate.

Contratti e abbonamenti telefonici Business

Continuando la nostra panoramica sugli abbonamenti telefonici e sulle offerte telefonia mobile dedichiamo spazio anche alle offerte cosiddette Business. Innanzitutto chiariamo che questa tipologia di offerte si rivolge a tutti quelli che possiedono la partita IVA e hanno bisogno di utilizzare un cellulare per motivi lavorativi. Tutti i principali operatori di telefonia mobile presenti in Italia comunque ti permettono di stipulare dei contratti Business disponibili con più piani tariffari e a costi differenti. Se deciderai di attivare un contratto di tipo Business sappi che sarà una sorta di contratto con abbonamento in quanto prevede una tassa di concessione governativa mensile di 12,91 euro. Qualora tu fossi interessato a questa tipologia di offerte ti consigliamo di mettere i contratti telefonia mobile business a confronto.

Se necessiti di un telefonino per fare chiamate di lavoro dovrai attivare una delle offerte Business. Per farlo dovrai avere una partita IVA e potrai scegliere tra diversi piani tariffari. Dovrai comunque pagare una tassa di concessione governativa mensile di 12,91 euro.

Contratti telefonia mobile: i diversi tipi di tariffazione dei piani telefonici

Dopo che scegli tra i contratti telefonia mobile dovrai anche scegliere il piano tariffario ideale. Ad esempio esiste la tariffazione a scatti anticipati di 30 secondi che prevede lo scatto alla risposta. Quando parliamo di scatto alla risposta facciamo riferimento a una somma compresa tra i 15 o i 16 centesimi di euro che viene sottratta a chi chiama al momento in cui si risponde alla chiamata. Tieni anche presente che, oltre a questo costo, verrà anche aggiunto un importo pari alla metà della somma dovuta al minuto. Questa somma cambia chiaramente al variare del piano tariffario scelto e viene scalata in anticipo ogni 30 secondi. C’è poi anche la tariffazione al minuto che prevede che si paghi lo scatto alla risposta e, contemporaneamente, anche tutto l’importo previsto per un minuto di chiamata. In questo caso ogni minuto verrà quindi sottratta tutta la somma stabilita dal piano tariffario per un minuto di traffico voce. Infine c’è anche la tariffazione al secondo che consente di pagare solo quando si parla al telefono. In questo caso l’importo, sempre quantificato al minuto, verrà addebitato a “pillole” ogni secondo. In questo modo eviterai di perdere dei centesimi in secondi non utilizzati e spesso questa tipologia di tariffazione non prevede lo scatto alla risposta.

Devi anche scegliere il piano tariffario ideale e quindi dovrai valutare la tariffazione a scatti anticipati di 30 secondi, al minuto oppure al secondo.

Come scegliere i contratti di telefonia mobile: conclusioni finali

Come puoi vedere la cosa migliore che potrai fare per orientarti tra le migliori offerte telefonia mobile ricaricabile è mettere i contratti telefonia mobile a confronto. Dovrai per prima cosa scegliere tra contratti telefonia ricaricabili o flat ad abbonamento o business. La differenza tra abbonamento e ricaricabile è abbastanza netta: nel primo caso dovrai acquistare delle carte ricaricabili periodicamente, nel secondo caso pagherai una quota fissa mensile. Dovrai anche considerare con estrema attenzione i diversi piani tariffari che possono essere a scatti anticipati di 30 secondi, al minuto o al secondo. A tua tutela comunque sappi che avrai 14 giorni di tempo per recedere da un contratto a distanza o negoziato fuori dai locali commerciali senza dover fornire motivazioni di alcun tipo. Qualora tu non venissi informato sulle modalità e i tempi dell’esercizio di recesso potrai recedere entro 12 mesi dalla data di consegna del bene o dalla data di conclusione del contratto. Inoltre se vuoi attivare le migliori offerte telefonia mobile ricaricabile ti consigliamo di utilizzare uno dei comparatori gratuiti così da trovare in pochi click esattamente le offerte, ricaricabili o abbonamento, che stai cercando.

    1
    Inserisci le tue esigenze Seleziona i tuoi consumi e inserisci i tuoi dati di contatto.
    2
    Confronta le tariffe Visualizza le offerte migliori e scegli quella su misura per te.
    3
    Attiva la tua offerta Autorizza un nostro consulente a chiamarti: ti aiuterà ad attivare l’offerta scelta o a trovare quella che fa per te.
    Confronta le migliori tariffe Luce
    Confronta le migliori tariffe Gas
    Confronta le migliori tariffe Adsl e Fibra
    Confronta le migliori tariffe Telefonia mobile